Connect with us

News

Mhackeroni gli Hacker Etici

Redazione

Published

on

Si chiamano “Mhackeroni”, sono hacker etici. Partecipano a competizioni, “giocano”, ma soprattutto si allenano a combattere i black hat. Per farlo il Politecnico di Milano, che già aveva un suo team, ha unito le forze con le squadre di hacker della Ca’ Foscari di Venezia, della Sapienza di Roma, dell’Università di Padova e con una community online: insieme hanno creato una super-squadra, i Mhackeroni, appunto. Hanno un sito – www.mahckeroni.it – e un canale Twitter. «Il nome ci è subito piaciuto», sottolineano i “Tower of Hanoi” del Politecnico.

Il loro gruppo è nato nel laboratorio Necst del Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria guidato dal professore Stefano Zanero: sono 23, fra loro ci sono dottorandi, studenti e dottorati, hanno dai 22 ai 29 anni. Si allenano settimanalmente, formano nuovi hacker etici. “Giochiamo da diversi anni – spiegano Marco Festa, Davide Quarta e Denny Zeng a nome del gruppo –. Abbiamo conosciuto altre realtà italiane, ci siamo visti di persona e abbiamo deciso di unirci per raggiungere livelli più alti. Com’è stato fatto in Germania”. E così, insieme, i Mhackeroni si sono classificati secondi – su ben 586 squadre – alle qualifiche del “Def Con Ctf”, la più importante competizione “Capture the flag” – si chiama così – di sicurezza informatica a livello mondiale. “Un risultato storico e il miglior piazzamento mai ottenuto da una squadra italiana: è stato sorprendente l’affiatamento che si è creato”, sottolineano gli universitari, pronti a volare a Las Vegas ad agosto, dal 9 al 12.

 

fonte: ilgiorno.it

Lo staff di Hackerjournal che vi fornisce ogni giorno notizie, recensioni, anteprime e interviste legate alla sicurezza digitale.

Facebook Comment

In Edicola


Dal 15 Giugno 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending