Connect with us


Tecnologia

Xiaomi porta in Italia due nuovi prodotti: Mi Band 3 e Mi Laser Projector 150”

Avatar

Pubblicato

il

I nuovi prodotti di Xiaomi, band e proiettore

La cinese Xiaomi allarga la propria gamma di prodotti IoT e lifestyle introducendo nel mercato italiano la Mi Band 3 (versione evoluta della versione 2, tra le band più vendute di sempre) e il Mi Laser Projector 150”, un proiettore con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Mi Band 3

Mi Band 3

Versione aggiornata del suo dispositivo wearable più famoso, la nota Mi Band 2, offre caratteristiche di prim’ordine. Il display OLED da 0,78 pollici può visualizzare il contenuto dei messaggi, oltre a informazioni come: ora, data e passi da compiere. La navigazione tra le varie informazioni visualizzabili è molto semplice: gli utenti possono scorrere verso l’alto e verso il basso per muoversi tra le voci del menu, e verso sinistra o destra per vedere le ulteriori opzioni della voce attiva al momento.

Il pulsante touch, incorporato nella parte inferiore dello schermo, funge da pulsante Home o per attivare funzioni aggiuntive, quali la cancellazione delle notifiche o la misurazione della frequenza cardiaca.

Altre nuove funzionalità includono il cronometro incorporato, una funzione di localizzazione del telefono e infine, una funzione di notifica a vibrazione, indipendentemente dal fatto che lo smartphone sia spento o acceso. Inoltre, per la prima volta nella serie Mi Band, il dispositivo è resistente all’acqua fino a 50 metri.

Mi Band 3 è disponibile presso i Mi Store autorizzati e su Amazon (a partire dal 10 settembre), al prezzo di 29,99 €.

Mi Laser Projector 150”

Mi Laser Projector 150

Da Xiaomi arriva anche questo proiettore a tiro ultra-corto che può proiettare un’immagine di ben 150 pollici posizionandolo a soli 50 cm dal muro; a distanze inferiori lo schermo proiettato è ovviamente di dimensioni minori, ma ciò consente di usare il dispositivo riducendo al massimo la possibilità che qualcuno cammini frapponendosi tra parete e proiettore.

Questo device sfrutta la tecnologia laser ALPD 3.0 (Advanced Laser Phosphor Display) sviluppata da Appotronics, che è comunemente adottata nei cinema. Grazie alla soluzione DLP di Texas Instruments, Mi Laser Projector 150” non solo visualizza i dettagli più vividi, ma riproduce anche colori ricchi e vivaci in modo accurato.

Anche l’esperienza audio è coinvolgente, grazie a un sistema acustico compatibile Dolby e DTS composto da due speaker full frequency da 15W e 2 speaker high frequency da 15W.

Mi Laser Projector 150” arriva a una risoluzione Full HD di 1920×1080 pixel, è compatibile con Android TV 8.1 e offre anche una ricca gamma di opzioni di connettività grazie a tre porte HDMI 2.0 (ARC x 1), due porte USB, due porte S/PDIF, Wi-Fi e Bluetooth.

Xiaomi non ha trascurato neanche l’aspetto estetico: il design minimalista (con telaio in bianco e alcuni elementi in nero) si abbina a qualunque ambiente.

Al prezzo di 1899,00 €, Mi Laser Projector 150” sarà disponibile presso i Mi Store autorizzati a partire dal 12 settembre.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

[wpdevart_facebook_comment curent_url="http://developers.facebook.com/docs/plugins/comments/" order_type="social" title_text="Facebook Comment" title_text_color="#000000" title_text_font_size="22" title_text_font_famely="monospace" title_text_position="left" width="100%" bg_color="#d4d4d4" animation_effect="random" count_of_comments="7" ]

Articoli

Quanto guadagna un Penetration Tester Certificato?

Redazione

Pubblicato

il

Da una ricerca Infosec i dati medi di quanto può guadagnare un Penetration Tester Certificato.

I dati sono orientati su paesi extra-europei in particolare Stati uniti dove il costo ora/lavoro è assai più flessibile e dimensionalmente più grande di una paese come L’italia ,la 3 nazione a livello mondiale a ricevere più attacchi hacker annualmente.

Chi assume un Certified Penetration Tester (CPT)? 

Un penetration tester può essere assunto da agenzie di sicurezza informatica e società IT. Assumendo un penetration tester certificato, le aziende IT possono fare il primo passo verso la prevenzione degli attacchi informatici.

Il corso di certificazione CPT prepara un potenziale tester di penetrazione per identificare e analizzare attacchi ai protocolli di rete, metodologie di test di penetrazione, identificazione delle vulnerabilità, ricognizione della rete, exploit di Windows, rootkit, exploit Unix/Linux, vulnerabilità delle applicazioni Web e difetti di sicurezza wireless.

Lo stipendio medio per un professionista con certificazione CPT varia in base alla designazione o al ruolo lavorativo. Lo stipendio medio di un tester certificato CPT è di $ 84.690 + Bonus. Per Un tester con 10 anni di esperienza circa $ 119.328.

 

Stipendio Medio in Italia?

Gli stipendi per i penetration tester laureati sono compresi tra €20.500 e €30.500. Con esperienza si può guadagnare tra €40.500 e €65.500, salendo a €70.500 per ruoli senior e di team leader.

 

 

 


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

News

42.000 domini di phishing mascherati da marchi popolari

Redazione

Pubblicato

il

Ricercatori di Cyjax hanno notato che hacker hanno collegamenti con la Cina e sono attivi dal 2017. Finora sono stati identificati come il gruppo Fangxiao, hanno falsificato oltre 400 marchi del settore bancario, della vendita al dettaglio, dei viaggi, dei trasporti, farmaceutico, dell’energia e settori della finanza.

Il gruppo gestisce una vasta rete comprendente 42.000 domini utilizzati per impersonare marchi famosi. La loro ultima campagna mira a generare entrate dagli utenti che pagano per il traffico. Almeno 24.000 domini di rilevamento/atterraggio sono stati utilizzati dagli aggressori per promuovere questa truffa da marzo 2022.

Secondo quanto riferito, il gruppo ha utilizzato 300 nuovi domini di marca in un giorno di ottobre. I ricercatori sono stati in grado di identificare l’hacker dietro questa campagna di truffa dopo la de-anonimizzazione del dominio, l’aggiramento della sicurezza di Cloudflare e la scoperta dell’indirizzo IP.

Continua a Leggere

Cybersecurity

Nuove minacce Hacker, AXLocker, Octocrypt e Alice Ransomware

Redazione

Pubblicato

il

Cyble Research and Intelligence Labs ha scoperto tre nuove famiglie di ransomware che crittografano i documenti della vittima e consentono a Discord ATO (acquisizione dell’account) di rubare dati.

Le tre varianti includono AXLocker, Octocrypt e Alice Ransomware. Vale la pena notare che Discord è relativamente popolare tra le comunità crittografiche e gaming.

 

Ne post sul blog , i ricercatori di Cyble hanno confermano che le organizzazioni dovrebbero migliorare la loro scansione per i primi segnali di allarme di nuove varianti e credenziali compromesse per contrastare potenziali attacchi.

Le aziende devono stare al passo con le tecniche di attacco utilizzate da hacker per prendere di mira i propri sistemi. Questo è possibile solo attraverso l’implementazione di best practice di sicurezza e controlli di sicurezza avanzati.

Continua a Leggere

News

500 milioni di account WhatsApp venduti online, 35 milioni sono italiani

Redazione

Pubblicato

il

Un hacker afferma di vendere i numeri di cellulare di 487 milioni di utenti WhatsApp su un popolare forum della comunità di hacker alternativo a Raidforum.

Il database del 2022 contiene i dati degli utenti di WhatsApp di 84 paesi con l’Egitto che ha la fetta più grande di numeri di telefono rubati (45 milioni), l’Italia con 35 milioni e gli Stati Uniti con 32 milioni.

L’elenco completo dei paesi è incluso nel rapporto originale di Cybernews che contiene anche la quantità esatta di numeri in vendita. Secondo l’hacker sono disposti a vendere il set di dati degli Stati Uniti per $ 7000, quello del Regno Unito per $ 2500 e quello tedesco per $ 2000.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Cybersecurity

Bypassa la Lockscreen di Android e guadagna 70.000 $

Redazione

Pubblicato

il

David Schütz ha trovato trovato un modo per aggirare la schermata di blocco sui suoi smartphone Google Pixel 6 e Pixel 5 completamente patchati, consentendo a chiunque abbia accesso fisico al dispositivo di sbloccarlo. Google ha risolto il problema di sicurezza sull’ultimo aggiornamento di Android rilasciato la scorsa settimana.

I dispositivi Android richiedono sempre una password o una sequenza di blocco della schermata al riavvio per motivi di sicurezza, quindi passare direttamente allo sblocco delle impronte digitali non era normale.

Il ricercatore ha continuato a sperimentare e quando ha provato a riprodurre il bug senza riavviare il dispositivo, ha pensato che fosse possibile andare direttamente alla schermata principale (bypassando anche l’impronta digitale), a patto che il dispositivo fosse stato sbloccato dal proprietario almeno una volta.

Google infine  ha assegnato al ricercatore 70.000 dollari per la sua scoperta.

Gli utenti di Android 10, 11, 12 e 13 possono correggere questo difetto applicando l’aggiornamento della sicurezza del 7 novembre 2022.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Cybersecurity

Sito Parlamento europeo down: probabile attacco hacker russo

Redazione

Pubblicato

il

Il sito del Parlamento Europeo da fonti repubblica pare sia sotto attacco probabilmente da hacker filo russi.

Il sito del Parlamento europeo, così come la connessione wifi in tutta la sede di Strasburgo, è rimasto fuori uso per diverso tempo. Sul web circolano le rivendicazioni di un attacco hacker da parte di Anonymous Russia e Killnet. In diversi Paesi il sito del Parlamento europeo risulta ancora inaccessibile.

 


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Cybersecurity

Attacco infomatico alla CVA – Compagnia Valdostana delle Acque

Redazione

Pubblicato

il

La Compagnia Valdostana delle Acque ha subito un attacco hacker. A darne notizia è la stessa società: «Nei giorni scorsi, sui sistemi informatici di C.V.A. S.p.A. a s.u. sono stati rilevati elementi che possono essere ricondotti ad un attacco doloso proveniente da fonti esterne», spiega CVA annunciando che «sono immediatamente state prese contromisure finalizzate ad arginare e contrastare l’attacco informatico».

La società sta ora valutando gli effetti del tentativo di hackeraggio e ha già allertato la polizia, il Garante della privacy nonché la Regione e il socio unico Finaosta.

Uno degli effetti dell’attacco hacker ai sistemi è la decisione a scopo di precauzione di sospendere lo smart working per i dipendenti.

fonte: www.aostaoggi.it

Continua a Leggere

In Edicola & Digitale


267 – Dal 22 Novembre 2022!

Forum

Trending