Connect with us

Tecnologia

Xiaomi porta in Italia due nuovi prodotti: Mi Band 3 e Mi Laser Projector 150”

Avatar

Pubblicato

il

I nuovi prodotti di Xiaomi, band e proiettore

La cinese Xiaomi allarga la propria gamma di prodotti IoT e lifestyle introducendo nel mercato italiano la Mi Band 3 (versione evoluta della versione 2, tra le band più vendute di sempre) e il Mi Laser Projector 150”, un proiettore con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Mi Band 3

Mi Band 3

Versione aggiornata del suo dispositivo wearable più famoso, la nota Mi Band 2, offre caratteristiche di prim’ordine. Il display OLED da 0,78 pollici può visualizzare il contenuto dei messaggi, oltre a informazioni come: ora, data e passi da compiere. La navigazione tra le varie informazioni visualizzabili è molto semplice: gli utenti possono scorrere verso l’alto e verso il basso per muoversi tra le voci del menu, e verso sinistra o destra per vedere le ulteriori opzioni della voce attiva al momento.

Il pulsante touch, incorporato nella parte inferiore dello schermo, funge da pulsante Home o per attivare funzioni aggiuntive, quali la cancellazione delle notifiche o la misurazione della frequenza cardiaca.

Altre nuove funzionalità includono il cronometro incorporato, una funzione di localizzazione del telefono e infine, una funzione di notifica a vibrazione, indipendentemente dal fatto che lo smartphone sia spento o acceso. Inoltre, per la prima volta nella serie Mi Band, il dispositivo è resistente all’acqua fino a 50 metri.

Mi Band 3 è disponibile presso i Mi Store autorizzati e su Amazon (a partire dal 10 settembre), al prezzo di 29,99 €.

Mi Laser Projector 150”

Mi Laser Projector 150

Da Xiaomi arriva anche questo proiettore a tiro ultra-corto che può proiettare un’immagine di ben 150 pollici posizionandolo a soli 50 cm dal muro; a distanze inferiori lo schermo proiettato è ovviamente di dimensioni minori, ma ciò consente di usare il dispositivo riducendo al massimo la possibilità che qualcuno cammini frapponendosi tra parete e proiettore.

Questo device sfrutta la tecnologia laser ALPD 3.0 (Advanced Laser Phosphor Display) sviluppata da Appotronics, che è comunemente adottata nei cinema. Grazie alla soluzione DLP di Texas Instruments, Mi Laser Projector 150” non solo visualizza i dettagli più vividi, ma riproduce anche colori ricchi e vivaci in modo accurato.

Anche l’esperienza audio è coinvolgente, grazie a un sistema acustico compatibile Dolby e DTS composto da due speaker full frequency da 15W e 2 speaker high frequency da 15W.

Mi Laser Projector 150” arriva a una risoluzione Full HD di 1920×1080 pixel, è compatibile con Android TV 8.1 e offre anche una ricca gamma di opzioni di connettività grazie a tre porte HDMI 2.0 (ARC x 1), due porte USB, due porte S/PDIF, Wi-Fi e Bluetooth.

Xiaomi non ha trascurato neanche l’aspetto estetico: il design minimalista (con telaio in bianco e alcuni elementi in nero) si abbina a qualunque ambiente.

Al prezzo di 1899,00 €, Mi Laser Projector 150” sarà disponibile presso i Mi Store autorizzati a partire dal 12 settembre.

Facebook Comment

News

NSO ha hackerato IOS tramite Imessage, per distribuire lo spyware pegasus

Redazione

Pubblicato

il

L’organizzazione non governativa per i diritti umani Amnesty International e il progetto senza scopo di lucro Forbidden Stories hanno rivelato in un recente rapporto l’utilizzo di uno spyware prodotto dalla società di sorveglianza israeliana NSO Group distribuito su iPhone con l’ultima versione iOS di Apple, violato utilizzando exploit iMessage zero-day zero-click .

“Gli attacchi come quelli descritti sono altamente sofisticati, costano milioni di dollari per essere sviluppati, hanno spesso una breve durata e sono usati per colpire individui specifici”, ha detto al Washington Post Ivan Krstić, capo di Apple Security Engineering and Architecture .

Bill Marczak, un ricercatore presso il laboratorio di ricerca accademico Citizen Lab, ha anche  rivelato  che una revisione indipendente  del rapporto di Amnesty ha  affermato che la metodologia forense è valida e ha portato a ulteriori prove a sostegno dei risultati del rapporto.

Citizen Lab è stato in grado di osservare in modo indipendente lo spyware NSO Pegasus distribuito su un iPhone 12 Pro Max con iOS 14.6 (l’ultima versione del sistema operativo), violato tramite un exploit iMessage zero-day zero-click, che non richiede l’interazione del target.

Ricordiamo che per difendersi dallo zero-day Imessage potete abilitare in impostazioni > Messaggi > Filtra messaggi da sconosciuti.

Continua a Leggere

News

D-Link risolve molteplici vulnerabilità hard-coded password

Redazione

Pubblicato

il

D-Link ha rilasciato un aggiornamento rapido del firmware per risolvere molteplici vulnerabilità nel router Internet wireless basato su DIR-3040 AC3000.

A seguito di diverse vulnerabilità è possibile eseguire codice arbitrario su router privi di patch, ottenere l’accesso a informazioni sensibili o arrestare in modo anomalo i router dopo aver attivato uno stato di negazione del servizio.

Le vulnerabilità hardcoded password e credenziali CVE-2021-21818 e CVE-2021-21820 [ 1 , 2 ] sono presenti in Zebra IP Routing Manager e nella funzionalità Libcli Test Environment del router.

D-Link ha risolto i bug riscontrati nella versione firmware 1.13B03 e ha pubblicato un aggiornamento rapido del firmware per tutti i clienti interessati il ​​15 luglio 2021, disponibile per il download qui .

Continua a Leggere

News

Attacchi Ransomware: La Casa Bianca annuncia una task force

Redazione

Pubblicato

il

L’amministrazione Americana sta promuovendo sforzi per aiutare le agenzie a difendersi da attacchi hacker che rappresentano una minaccia crescente per gli Stati Uniti.

L’amministrazione Biden sta deliberando una serie di opzioni per arginare la crescente minaccia ransomware, inclusa l’offerta di ricompense fino a $ 10 milioni per aiutare a identificare i colpevoli.

Con la supervisione della task force, le agenzie federali stanno intraprendendo azioni come promuovere la resilienza digitale tra le società di infrastrutture critiche,  per fermare i pagamenti di riscatto effettuati tramite piattaforme di criptovaluta e coordinando le attività con gli alleati degli Stati Uniti.

La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency del DHS nel frattempo ha lanciato un sito web, stopransomware.gov , per raccogliere indicazioni difensive da varie agenzie, mentre il Financial Crimes Enforcement Network del Dipartimento del Tesoro convocherà una conferenza virtuale sul ransomware ad agosto.

Continua a Leggere

News

Mozilla VPN disponibile in Italia a 4,99 euro/Mese

Redazione

Pubblicato

il

Mozilla ha reso disponibile in Italia il proprio servizio VPN già disponibile in altri paesi.  Il funzionamento di Mozilla VPN si basa su una rete globale di server. Il servizio  nasconde l’ indirizzo IP utilizzando il protocollo avanzato WireGuard®.

La disponibilità server cosa veramente essenziale di un servizio VPN si dispiega su oltre 400 server in 30 Paesi. Utilizza il sistema dns switch e permette l’integrazione tramite le proprie app sia mobile che desktop.

L’azienda segue principi sulla privacy dei dati che le consentono di concentrarsi solo sulle informazioni necessarie per fornire il miglior servizio possibile. I registri delle attività degli utenti non vengono conservati e Mozilla non vende i dati degli utenti, né collabora con piattaforme di terze parti.

Per utilizzare il servizio è necessario scaricare l’applicazione sul proprio dispositivo, accedere con il proprio account Firefox, completare il processo di installazione all’interno di una sola scheda, e collegarsi a un server nella propria posizione preferita.

Un account protegge fino a 5 dispositivi, senza restrizioni di larghezza di banda o limiti. Se si desidera testare il prodotto per un mese il costo è di 9,99 euro.

Se invece si desidera continuare a utilizzare Mozilla VPN, è possibile mantenere il piano mensile o optare per le opzioni di 6 o 12 mesi, rispettivamente a 6,99 e 4,99 al mese.

Continua a Leggere

News

Microsoft ha pagato i ricercatori di bug $13,6 milioni negli ultimi 12 mesi

Redazione

Pubblicato

il

In un post del blog dedicato Microsoft ha rilasciato la cifra ufficiale pagata ai “cacciatori di bug” nel loro programma bounty dedicato.

Negli ultimi 12 mesi, Microsoft ha infatti pagato 13,6 milioni di dollari in premi a più di 340 ricercatori di sicurezza in 58 paesi. Il premio più grande di $ 200.000 è stato assegnato  nell’ambito del programma Hyper-V Bounty .

Con una media di oltre $ 10.000 USD per premio in tutti i programmi, ciascuno degli oltre 1.200 rapporti idonei riflette il talento e la creatività della comunità di ricerca sulla sicurezza globale e la loro preziosa collaborazione nell’affrontare le sfide di un ambiente di sicurezza in costante cambiamento.

Continua a Leggere

News

Mozilla Firefox implementa DNS over HTTPS per gli utenti canadesi

Redazione

Pubblicato

il

Mozilla ha deciso di implementare la funzionalità DNS over HTTPS (DoH) per impostazione predefinita per gli utenti di Firefox canadesi alla fine di questo mese. Gli utenti di Mozilla Firefox con sede in Canada inizieranno presto a notare che DNS over HTTPS (DoH) è abilitato per impostazione predefinita, in un’implementazione graduale.

DoH crittografa il traffico DNS regolare su HTTPS con entrambe le richieste DNS e le risposte trasmesse sulla porta 443, integrando il traffico regolare verso i siti Web HTTPS. Ciò non solo fornisce la crittografia end-to-end all’utente, ma anche una maggiore privacy, poiché ora il loro traffico DNS non può essere facilmente intercettato da un amministratore di rete.

Continua a Leggere

News

Tor Browser versione 10.5, aggiunge una nuova funzione anti-censura

Redazione

Pubblicato

il

Il progetto Tor ha rilasciato Tor Browser 10.5 con avvisi di deprecazione dell’URL onion V2, un’esperienza di connessione Tor ridisegnata e una funzione anti-censura migliorata.

Per avvisare gli amministratori del sito web Tor delle imminenti modifiche, Tor Browser visualizzerà un messaggio quando si visitano i siti Onion versione 2. Il Tor Browser inoltre consente agli utenti di utilizzare ” Bridges ” per aggirare la censura del governo o dell’ISP in vari paesi.

I bridge sono ripetitori Tor gestiti da volontari che non vengono aggiunti alla directory Tor pubblica, da utilizzare per aggirare la censura nel loro paese.

Gli utenti Tor possono ora configurare le funzionalità di Bridges per utilizzare la rete proxy SnowFlake per aggirare la censura.

Continua a Leggere

In Edicola & Digitale


254 – Dal 18 Giugno 2021!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA & DIGITALE