Connect with us


News

Oltre 40 driver di AMD, NVIDIA, Intel e altri interessati da difetti nel kernel di Windows

Redazione

Pubblicato

il

I ricercatori hanno scoperto diversi problemi di sicurezza nel kernel di Windows che interessano oltre 40 driver di 20 diversi fornitori. Le vulnerabilità possono consentire agli aggressori di accedere all’hardware e al firmware di un dispositivo.

Un team di due ricercatori alla conferenza sulla sicurezza del DEF CON 27 ha fatto luce sui problemi dei conducenti insicuri. Tutti questi driver sono stati firmati da autorità di certificazione valide e certificati da Microsoft. Secondo Mickey Shkatov, ricercatore principale di Eclypsium, il problema si applica a tutte le versioni di Microsoft Windows.

L’elenco dei fornitori interessati dalle vulnerabilità del kernel di Windows include:

  • ASRock
  • Computer ASUSTeK
  • Tecnologie ATI (AMD)
  • Biostar
  • EVGA
  • Getac
  • GIGABYTE
  • Huawei
  • Insyde
  • Intel
  • Micro-Star International (MSI)
  • NVIDIA
  • Phoenix Technologies
  • Realtek Semiconductor
  • SuperMicro
  • Toshiba

Alcuni fornitori come Intel e Huawei hanno rilasciato aggiornamenti per risolvere le vulnerabilità. Altri produttori di BIOS indipendenti come Phoenix e Insyde rilasceranno presto aggiornamenti.

Nel frattempo, Microsoft ha raccomandato ai suoi clienti di utilizzare Windows Defender Application Control per bloccare i driver software vulnerabili noti. Ha inoltre suggerito ai clienti di utilizzare Windows 10 e il browser Edge per una migliore protezione.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

[wpdevart_facebook_comment curent_url="http://developers.facebook.com/docs/plugins/comments/" order_type="social" title_text="Facebook Comment" title_text_color="#000000" title_text_font_size="22" title_text_font_famely="monospace" title_text_position="left" width="100%" bg_color="#d4d4d4" animation_effect="random" count_of_comments="7" ]

Articoli

Quanto guadagna un Penetration Tester Certificato?

Redazione

Pubblicato

il

Da una ricerca Infosec i dati medi di quanto può guadagnare un Penetration Tester Certificato.

I dati sono orientati su paesi extra-europei in particolare Stati uniti dove il costo ora/lavoro è assai più flessibile e dimensionalmente più grande di una paese come L’italia ,la 3 nazione a livello mondiale a ricevere più attacchi hacker annualmente.

Chi assume un Certified Penetration Tester (CPT)? 

Un penetration tester può essere assunto da agenzie di sicurezza informatica e società IT. Assumendo un penetration tester certificato, le aziende IT possono fare il primo passo verso la prevenzione degli attacchi informatici.

Il corso di certificazione CPT prepara un potenziale tester di penetrazione per identificare e analizzare attacchi ai protocolli di rete, metodologie di test di penetrazione, identificazione delle vulnerabilità, ricognizione della rete, exploit di Windows, rootkit, exploit Unix/Linux, vulnerabilità delle applicazioni Web e difetti di sicurezza wireless.

Lo stipendio medio per un professionista con certificazione CPT varia in base alla designazione o al ruolo lavorativo. Lo stipendio medio di un tester certificato CPT è di $ 84.690 + Bonus. Per Un tester con 10 anni di esperienza circa $ 119.328.

 

Stipendio Medio in Italia?

Gli stipendi per i penetration tester laureati sono compresi tra €20.500 e €30.500. Con esperienza si può guadagnare tra €40.500 e €65.500, salendo a €70.500 per ruoli senior e di team leader.

 

 

 

Continua a Leggere

News

42.000 domini di phishing mascherati da marchi popolari

Redazione

Pubblicato

il

Ricercatori di Cyjax hanno notato che hacker hanno collegamenti con la Cina e sono attivi dal 2017. Finora sono stati identificati come il gruppo Fangxiao, hanno falsificato oltre 400 marchi del settore bancario, della vendita al dettaglio, dei viaggi, dei trasporti, farmaceutico, dell’energia e settori della finanza.

Il gruppo gestisce una vasta rete comprendente 42.000 domini utilizzati per impersonare marchi famosi. La loro ultima campagna mira a generare entrate dagli utenti che pagano per il traffico. Almeno 24.000 domini di rilevamento/atterraggio sono stati utilizzati dagli aggressori per promuovere questa truffa da marzo 2022.

Secondo quanto riferito, il gruppo ha utilizzato 300 nuovi domini di marca in un giorno di ottobre. I ricercatori sono stati in grado di identificare l’hacker dietro questa campagna di truffa dopo la de-anonimizzazione del dominio, l’aggiramento della sicurezza di Cloudflare e la scoperta dell’indirizzo IP.

Continua a Leggere

News

Il governo istituisce 2 fondi per la Cybersecurity

Redazione

Pubblicato

il

Le novità riguardano la strategia nazionale di cybersicurezza, con l’istituzione di due fondi.

Il primo è destinato agli interventi per l’autonomia tecnologica e il potenziamento del livelli di cybersicurezza dei sistemi informativi, con 70 milioni nel 2023 e ulteriori 90 milioni nel 2024.

Il secondo fondo riguarda la gestione della cybersecurity e prevede 10 milioni per il 2023, e altri 120 milioni nel biennio successivo.

fonte: corriere.it

Continua a Leggere

Cybersecurity

Nuove minacce Hacker, AXLocker, Octocrypt e Alice Ransomware

Redazione

Pubblicato

il

Cyble Research and Intelligence Labs ha scoperto tre nuove famiglie di ransomware che crittografano i documenti della vittima e consentono a Discord ATO (acquisizione dell’account) di rubare dati.

Le tre varianti includono AXLocker, Octocrypt e Alice Ransomware. Vale la pena notare che Discord è relativamente popolare tra le comunità crittografiche e gaming.

 

Ne post sul blog , i ricercatori di Cyble hanno confermano che le organizzazioni dovrebbero migliorare la loro scansione per i primi segnali di allarme di nuove varianti e credenziali compromesse per contrastare potenziali attacchi.

Le aziende devono stare al passo con le tecniche di attacco utilizzate da hacker per prendere di mira i propri sistemi. Questo è possibile solo attraverso l’implementazione di best practice di sicurezza e controlli di sicurezza avanzati.

Continua a Leggere

News

500 milioni di account WhatsApp venduti online, 35 milioni sono italiani

Redazione

Pubblicato

il

Un hacker afferma di vendere i numeri di cellulare di 487 milioni di utenti WhatsApp su un popolare forum della comunità di hacker alternativo a Raidforum.

Il database del 2022 contiene i dati degli utenti di WhatsApp di 84 paesi con l’Egitto che ha la fetta più grande di numeri di telefono rubati (45 milioni), l’Italia con 35 milioni e gli Stati Uniti con 32 milioni.

L’elenco completo dei paesi è incluso nel rapporto originale di Cybernews che contiene anche la quantità esatta di numeri in vendita. Secondo l’hacker sono disposti a vendere il set di dati degli Stati Uniti per $ 7000, quello del Regno Unito per $ 2500 e quello tedesco per $ 2000.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

News

Killnet ha colpito sito web del Parlamento europeo con un attacco DDoS

Redazione

Pubblicato

il

Il gruppo di hacker pro-Cremlino Killnet ha colpito ancora e questa volta il loro obiettivo era il sito Web del Parlamento europeo.

L’attacco DDoS ha avuto luogo dopo che l’organo di governo ha votato per dichiarare il governo russo uno stato sponsor del terrorismo. 

L’attacco distribuito o attacco DDoS ha avuto luogo mercoledì pomeriggio, ora europea, e il sito Web è rimasto inattivo per alcune ore prima di tornare operativo. 

I membri di Killnet hanno rapidamente rivendicato il merito dell’attacco poco dopo e hanno pubblicato schermate che mostrano che il sito Web del Parlamento europeo non era disponibile in 23 paesi su Telegram. Inoltre, il testo che accompagnava le immagini includeva un commento omofobo nei confronti del corpo legislativo.

Continua a Leggere

Cybersecurity

Bypassa la Lockscreen di Android e guadagna 70.000 $

Redazione

Pubblicato

il

David Schütz ha trovato trovato un modo per aggirare la schermata di blocco sui suoi smartphone Google Pixel 6 e Pixel 5 completamente patchati, consentendo a chiunque abbia accesso fisico al dispositivo di sbloccarlo. Google ha risolto il problema di sicurezza sull’ultimo aggiornamento di Android rilasciato la scorsa settimana.

I dispositivi Android richiedono sempre una password o una sequenza di blocco della schermata al riavvio per motivi di sicurezza, quindi passare direttamente allo sblocco delle impronte digitali non era normale.

Il ricercatore ha continuato a sperimentare e quando ha provato a riprodurre il bug senza riavviare il dispositivo, ha pensato che fosse possibile andare direttamente alla schermata principale (bypassando anche l’impronta digitale), a patto che il dispositivo fosse stato sbloccato dal proprietario almeno una volta.

Google infine  ha assegnato al ricercatore 70.000 dollari per la sua scoperta.

Gli utenti di Android 10, 11, 12 e 13 possono correggere questo difetto applicando l’aggiornamento della sicurezza del 7 novembre 2022.

Continua a Leggere

In Edicola & Digitale


267 – Dal 22 Novembre 2022!

Forum

Trending