Connect with us

News

L’attivazione di Windows 10 Sandbox abilita una vulnerabilità zero-day

Redazione

Pubblicato

il

Un reverse engineer ha scoperto una nuova vulnerabilità zero-day nella maggior parte delle edizioni di Windows 10, che consente di creare file in aree riservate del sistema operativo.

Sfruttare il difetto è banale e gli aggressori possono utilizzarlo per favorire il loro attacco dopo l’infezione iniziale dell’host di destinazione, sebbene funzioni solo su macchine con funzionalità Hyper-V abilitata.

Il reverse engineer  Jonas Lykkegaard ha  pubblicato in un tweet che mostra come un utente non privilegiato può creare un file arbitrario in “system32”, una cartella con restrizioni che contiene file vitali per il sistema operativo Windows e il software installato.

Tuttavia, questo funziona solo se Hyper-V è già attivo, cosa che limita l’intervallo di obiettivi poiché l’opzione è disabilitata per impostazione predefinita ed è presente in Windows 10 Pro, Enterprise ed Education.

Facebook Comment

In Edicola


247 – Dal 22 Ottobre 2020!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA