Connect with us

News

NVIDIA limita il mining di criptovaluta sulle schede RTX 3080 e 3070

Redazione

Pubblicato

il

NVIDIA ha annunciato che sta dimezzando il tasso di hash per l’estrazione di criptovaluta Etehereum sulle nuove schede grafiche GeForce RTX 3080, 3070 e 3060 Ti per renderle meno appetibili per i miner.

L’azienda aggiungerà gli identificatori “Lite Hash Rate” o “LHR” agli elenchi di prodotti al dettaglio  per le nuove schede grafiche nerf che inizieranno ad essere spedite entro la fine del mese.

“Oggi stiamo adottando misure aggiuntive applicando una percentuale di hash ETH ridotta alle nuove schede grafiche GeForce RTX 3080, RTX 3070 e RTX 3060 Ti”, ha  affermato  Matt Wuebbling, Global Head of GeForce Marketing di NVIDIA.

NVIDIA spera inoltre di spingere le operazioni di mining professionale verso la sua nuova gamma di  GPU di mining dedicate CMP  riducendo deliberatamente le prestazioni di mining della nuova GeForce RTX del 50%.

Le specifiche per la GPU dedicata dell’azienda per il mining professionale sono disponibili nella tabella incorporata di seguito.

30HX 40HX 50HX 90HX
Tasso di hash Ethereum 26 MH / s 36 MH / s 45 MH / s 86 MH / s
Potenza nominale 125 W 185 W 250 W. 320 W.
Connettori di alimentazione 1x 8 pin 1x 8 pin 2x 8 pin 2x 8 pin
Dimensione della memoria 6 GB 8 GB 10 GB 10 GB
Disponibilità iniziale Q1 Q1 Q2 Q2

Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

[wpdevart_facebook_comment curent_url="http://developers.facebook.com/docs/plugins/comments/" order_type="social" title_text="Facebook Comment" title_text_color="#000000" title_text_font_size="22" title_text_font_famely="monospace" title_text_position="left" width="100%" bg_color="#d4d4d4" animation_effect="random" count_of_comments="7" ]

News

Killnet ha colpito sito web del Parlamento europeo con un attacco DDoS

Redazione

Pubblicato

il

Il gruppo di hacker pro-Cremlino Killnet ha colpito ancora e questa volta il loro obiettivo era il sito Web del Parlamento europeo.

L’attacco DDoS ha avuto luogo dopo che l’organo di governo ha votato per dichiarare il governo russo uno stato sponsor del terrorismo. 

L’attacco distribuito o attacco DDoS ha avuto luogo mercoledì pomeriggio, ora europea, e il sito Web è rimasto inattivo per alcune ore prima di tornare operativo. 

I membri di Killnet hanno rapidamente rivendicato il merito dell’attacco poco dopo e hanno pubblicato schermate che mostrano che il sito Web del Parlamento europeo non era disponibile in 23 paesi su Telegram. Inoltre, il testo che accompagnava le immagini includeva un commento omofobo nei confronti del corpo legislativo.

Continua a Leggere

Cybersecurity

Bypassa la Lockscreen di Android e guadagna 70.000 $

Redazione

Pubblicato

il

David Schütz ha trovato trovato un modo per aggirare la schermata di blocco sui suoi smartphone Google Pixel 6 e Pixel 5 completamente patchati, consentendo a chiunque abbia accesso fisico al dispositivo di sbloccarlo. Google ha risolto il problema di sicurezza sull’ultimo aggiornamento di Android rilasciato la scorsa settimana.

I dispositivi Android richiedono sempre una password o una sequenza di blocco della schermata al riavvio per motivi di sicurezza, quindi passare direttamente allo sblocco delle impronte digitali non era normale.

Il ricercatore ha continuato a sperimentare e quando ha provato a riprodurre il bug senza riavviare il dispositivo, ha pensato che fosse possibile andare direttamente alla schermata principale (bypassando anche l’impronta digitale), a patto che il dispositivo fosse stato sbloccato dal proprietario almeno una volta.

Google infine  ha assegnato al ricercatore 70.000 dollari per la sua scoperta.

Gli utenti di Android 10, 11, 12 e 13 possono correggere questo difetto applicando l’aggiornamento della sicurezza del 7 novembre 2022.

Continua a Leggere

Cybersecurity

Sito Parlamento europeo down: probabile attacco hacker russo

Redazione

Pubblicato

il

Il sito del Parlamento Europeo da fonti repubblica pare sia sotto attacco probabilmente da hacker filo russi.

Il sito del Parlamento europeo, così come la connessione wifi in tutta la sede di Strasburgo, è rimasto fuori uso per diverso tempo. Sul web circolano le rivendicazioni di un attacco hacker da parte di Anonymous Russia e Killnet. In diversi Paesi il sito del Parlamento europeo risulta ancora inaccessibile.

 

Continua a Leggere

Cybersecurity

Nuove minacce Hacker, AXLocker, Octocrypt e Alice Ransomware

Redazione

Pubblicato

il

Cyble Research and Intelligence Labs ha scoperto tre nuove famiglie di ransomware che crittografano i documenti della vittima e consentono a Discord ATO (acquisizione dell’account) di rubare dati.

Le tre varianti includono AXLocker, Octocrypt e Alice Ransomware. Vale la pena notare che Discord è relativamente popolare tra le comunità crittografiche e gaming.

 

Ne post sul blog , i ricercatori di Cyble hanno confermano che le organizzazioni dovrebbero migliorare la loro scansione per i primi segnali di allarme di nuove varianti e credenziali compromesse per contrastare potenziali attacchi.

Le aziende devono stare al passo con le tecniche di attacco utilizzate da hacker per prendere di mira i propri sistemi. Questo è possibile solo attraverso l’implementazione di best practice di sicurezza e controlli di sicurezza avanzati.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

News

42.000 domini di phishing mascherati da marchi popolari

Redazione

Pubblicato

il

Ricercatori di Cyjax hanno notato che hacker hanno collegamenti con la Cina e sono attivi dal 2017. Finora sono stati identificati come il gruppo Fangxiao, hanno falsificato oltre 400 marchi del settore bancario, della vendita al dettaglio, dei viaggi, dei trasporti, farmaceutico, dell’energia e settori della finanza.

Il gruppo gestisce una vasta rete comprendente 42.000 domini utilizzati per impersonare marchi famosi. La loro ultima campagna mira a generare entrate dagli utenti che pagano per il traffico. Almeno 24.000 domini di rilevamento/atterraggio sono stati utilizzati dagli aggressori per promuovere questa truffa da marzo 2022.

Secondo quanto riferito, il gruppo ha utilizzato 300 nuovi domini di marca in un giorno di ottobre. I ricercatori sono stati in grado di identificare l’hacker dietro questa campagna di truffa dopo la de-anonimizzazione del dominio, l’aggiramento della sicurezza di Cloudflare e la scoperta dell’indirizzo IP.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Cybersecurity

Malware RapperBot prende di mira i server di gioco con attacchi DDoS

Redazione

Pubblicato

il

I ricercatori di Fortinet FortiGuard Labs hanno scoperto nuovi campioni di malware RapperBot, indicando che gli attori delle minacce stanno costruendo una botnet per lanciare paralizzanti attacchi denial of service distribuiti (attacchi DDoS) contro i server di gioco.

I ricercatori di Fortinet in un post sul blog confermano che il malware può prendere di mira solo appliance che eseguono architetture PowerPC, ARM, SH4, SPARC e MIPS. Può arrestare rapidamente il suo meccanismo di autopropagazione se vengono eseguiti su chipset Intel.

“Sulla base delle innegabili somiglianze tra questa nuova campagna e la campagna RapperBot precedentemente segnalata, è molto probabile che siano gestite da un singolo hacker o da diversi  con accesso a un codice sorgente di base condiviso privatamente”.

Continua a Leggere

Cybersecurity

Hacker Nordcoreani utilizzano malware contro obiettivi europei

Redazione

Pubblicato

il

Hacker nordcoreani stanno utilizzando una nuova versione della backdoor DTrack per attaccare le organizzazioni in Europa e America Latina.

DTrack è una backdoor modulare con un keylogger, di screenshot ,cronologia del browser , processi in esecuzione, indirizzo IP e un tracker di informazioni sulla connessione di rete e altro ancora.

Nel rapporto pubblicato oggi, la loro telemetria mostra l’attività di DTrack in Germania, Brasile, India, Italia, Messico, Svizzera, Arabia Saudita, Turchia e Stati Uniti.

I settori interessati includono centri di ricerca governativi, istituti politici, produttori di prodotti chimici, fornitori di servizi IT, fornitori di telecomunicazioni, fornitori di servizi pubblici e istruzione.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

In Edicola & Digitale


267 – Dal 22 Novembre 2022!

Forum

Trending