Connect with us

DarkWeb

Redazione

Pubblicato

il

Il Dark Web è un gruppo di siti Internet nascosti e accessibili solo attraverso un browser apposito. Il suo scopo è mantenere l’attività online anonima e privata.

Articoli

Password sicure… e in cassaforte!

Sono tante. Troppe. E ricordarle tutte e praticamente impossibile. Ecco perché sono nati i password manager come KeePassX, un tool consigliato dal collettivo Anonymous

Avatar

Pubblicato

il

Considerato il numero di credenziali da ricordare oggigiorno, non basta avere una memoria di ferro. E non è certo saggio utilizzare una sola password per tutti i servizi e le applicazioni. Come risolvere il problema? Una soluzione è ricorrere a un software ad hoc, un password manager come KeePassX, che oltre a essere gratuito, è molto semplice da utilizzare e consente di memorizzare anche nomi utenti, indirizzi web, allegati e commenti. E come se non bastasse, offre anche una funzionalità utilissima dedicata alla sicurezza: la possibilità di creare password super sicure e lunghe.

 

Il programma

KeePassX è scaricabile dal sito del suo sviluppatore. Disponibile per Windows, MacOS X e Linux, è distribuito con licenza GNU General Public License e assicura un ottimo grado di sicurezza, dato che memorizza i dati crittografandoli con standard AES e Twofish, utilizzando chiavi a 256 bit. Caratteristica che ha spinto il collettivo Anonymous a segnalare KeePassX in quella che noi di HJ abbiamo definito “La cassetta degli attrezzi anticensura”. In sostanza, una serie di strumenti dedicati alla tutela della privacy e ad aggirare le limitazioni imposte all’Ucraina dal governo sovietico. Un kit di cui abbiamo parlato più volte in queste pagine.


L’utilizzo

KeePassX si presenta privo di fronzoli, con un’interfaccia grafica semplice e molto intuitiva. Ha un solo menu, dal quale è possibile creare velocemente dei database che contengano tutte le info necessarie per gli accessi a siti web, applicazioni, ecc. Per ciascuno di essi si possono anche impostare dei gruppi: delle sezioni che racchiudono le password divise per tipologia. Per esempio, tutti i codici di accesso alle caselle di posta elettronica o le chiavi per l’accesso ai siti di home banking. Infine, può anche essere impostata una password e una frase chiave generale. E forse è superfluo aggiungere che il file così creato può essere salvato su un supporto esterno, per tenerlo quindi lontano dalla Rete.

 

Download
Il primo passo è quello di collegarsi a questo indirizzo e recarsi nella sezione download. Da qui scaricate la versione che vi interessa. Noi abbiamo scelto quella per Windows. Attendiamo qualche istante e, dopo aver scompattato il file .rar scaricato, cliccate sull’applicazione KeePassX.

 

La password
Nella schermata principale che si apre cliccate sulla voce in alto a sinistra Database e scegliete Nuovo database. Inserite, a questo punto, una password sicura e, se volete, una frase chiave per garantire la protezione del database che state creando. Fatto ciò, selezionate il pulsante OK.


Le credenziali
Cliccate su Aggiungi nuova voce dal menu Voce. Assegnate un titolo, inserite il nome utente, la password e, infine, riportate l’URL del sito di riferimento nell’apposito box. Come ultimo dato, impostate una data di scadenza per le credenziali appena inserite. Cliccate sul pulsante OK per terminare l’inserimento.


Tutte le altre
Ripetete il procedimento fatto al passo precedente e inserite tutte le credenziali che desiderate memorizzare. Ricordate poi che per ogni voce inserita potete scegliere un’icona che rappresenti il servizio di cui state salvando le credenziali e potete scegliere anche se abilitare o meno la funzione di autocompletamento Auto-Type.

 

Credenziali super sicure!
Se per una o più voci voleste impostare delle nuove password, potete anche generarle in maniera sicura attraverso il software stesso. Per farlo, una volta inserite le indicazioni riportate al passo precedente, cliccate sul tasto Gen, in alto a destra, e scegliete la lunghezza della password. Fatto ciò, spuntate i tipi di caratteri che intende utilizzare. Cliccate quindi sul tasto ACCETTA e poi, scegliete OK. Salvate il database cliccando sulla voce Salva database dal menu Database, in alto a sinistra.

 

Leggi anche: “WallEscape ruba le tue password

*illustrazione articolo progettata da  Freepik


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

News

Dati e identità protetti dall’IA

Microsoft ha presentato Copilot for Security, un “robocop” per chi si occupa di sicurezza

Avatar

Pubblicato

il

Reso inizialmente disponibile soltanto a un ristretto nucleo di aziende, da qualche settimana Microsoft ha sdoganato per tutti Copilot for Security un nuovo step nel processo di integrazione dell’IA targata Microsoft all’interno del tessuto tecnologico che forma l’ossatura portante di aziende e professionisti.

 

Addestrato per velocizzare il lavoro

Copilot for Security, una soluzione dedicata a imprese e professionisti del settore della sicurezza informatica, offre un’interfaccia localizzata in 25 lingue e un sistema in grado di interpretare e rispondere a prompt in otto lingue diverse. L’IA di Microsoft rappresenta un vantaggio significativo per i professionisti della sicurezza informatica, consentendo loro di ampliare le loro competenze e ottenere una maggiore visibilità sulle minacce, oltre a una risposta più rapida. L’IA di Copilot è stata addestrata su un vasto set di dati, con Microsoft che afferma che l’IA può ora attingere a oltre 78 trilioni di alert di sicurezza elaborati giornalmente. Secondo le dichiarazioni di Microsoft, l’utilizzo di Copilot for Security ha portato a un aumento del 22% nella velocità di lavoro degli esperti che hanno avuto accesso anticipato, con un miglioramento del 7% nella precisione delle attività. Inoltre, l’intelligenza artificiale ha registrato un tasso di soddisfazione del 97% tra gli utenti, dimostrando la sua efficacia nell’ambito della sicurezza informatica.

 

Le funzioni disponibili

Tra le nuove caratteristiche, si possono menzionare diverse aggiunte significative. Prima di tutto, la possibilità di creare e salvare prompt personalizzati attraverso i Promptbooks, che consentono agli utenti di formulare richieste in linguaggio naturale. Inoltre, l’integrazione con Knowledgebase permette di incorporare Copilot for Security nei processi aziendali, mentre il collegamento con la superficie di attacco esterna personalizzata da Defender EASM agevola l’identificazione dei potenziali rischi per l’infrastruttura di rete aziendale. Va inoltre sottolineata la gestione avanzata di registri di accesso e diagnostica offerta da Microsoft Entra, che fornisce ulteriori dettagli per le indagini di sicurezza e l’analisi dei problemi IT, presentati in linguaggio naturale. Particolarmente interessante è l’integrazione di Copilot for Security in Microsoft Entra, una piattaforma dedicata alla gestione delle identità e degli accessi aziendali. Questa sinergia tra le due tecnologie mira a migliorare la prevenzione della compromissione delle identità digitali, un tema di grande rilevanza soprattutto per le aziende di medie e grandi dimensioni. Tuttavia, resta da vedere se Microsoft preveda di introdurre una versione di Copilot for Security anche per gli utenti privati in futuro.

 

 

Leggi anche: “Vulnerabilità in Microsoft Themes


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

News

Il gadget per la difesa personale

Ecco ProPositive, il dispositivo antiaggressione indossabile dotato di due livelli di sicurezza

Avatar

Pubblicato

il

ProPositive, il dispositivo elettronico brevettato di protezione, offre un duplice livello di sicurezza. Realizzato in metallo, anche prezioso, con trattamento anallergico, è resistente e dotato di una potente batteria ricaricabile per garantire un’autonomia massima. In caso di pericolo o emergenza, emette un suono destabilizzante e può comunicare con i telefoni cellulari vicini per richiedere un pronto intervento. La sua modalità di attivazione è pratica ed efficace, permettendo una risposta tempestiva alla situazione critica. ProPositivǝ si distingue come la prima soluzione a offrire una protezione doppia.
Il suo funzionamento si basa su due step:

1- il dispositivo è in stato di allarme 1: l’anello-spoletta è estratto e il dispositivo emette un forte suono.

2- il dispositivo in stato di allarme 2: l’anello-spoletta è completamente estratto dalla sede. il dispositivo emette un forte suono e invia tramite App, un messaggio di SOS con geolocalizzazione ai telefoni preimpostati e alla piattaforma Web.

Contemporaneamente la piattaforma provvede a inviare lo stesso messaggio di SOS ai cellulari abilitati che si trovano in un’area circoscritta al chiamante, perché possano intervenire.

ProPositivǝ prevede tre differenti linee prodotto trasversali e gender free: Jewel: monili preziosi e distintivi; Phone: accessori applicati al telefono cellulare, come un comune supporto; Running: accessori per chi ama l’attività all’aria aperta.

Continua a Leggere

News

Nuovo metodo di infezione a catena

Gli hacker scoprono un nuovo metodo per distribuire il trojan di accesso remoto (RAT) Remcos, aggirando le comuni misure di sicurezza per ottenere l’accesso non autorizzato ai dispositivi delle vittime

Avatar

Pubblicato

il

 

Check Point® Software Technologies Ltd. ha pubblicato il Global Threat Index per il mese di marzo 2024. I ricercatori hanno scoperto che nel mese precedente gli hacker hanno sfruttato i file VHD (Virtual Hard Disk) per diffondere il Trojan ad accesso remoto (RAT) Remcos. Allo stesso tempo, nonostante le vigorose operazioni di disturbo e interruzione condotte dalle forze dell’ordine, Lockbit3 è rimasto il gruppo di ransomware più diffuso, anche se la sua frequenza nei 200 “siti della vergogna” di ransomware monitorati da Check Point si è ridotta dal 20% al 12%.

Nel nostro Paese, nel mese di marzo si registra il ritorno di Formbook sul podio dei malware più presenti, scalzando Nanocore e posizionandosi al terzo posto. Nello specifico, la minaccia più importante rimane FakeUpdates (un downloader JavaScript in grado di scrivere i payload su disco prima di lanciarli, che ha portato a ulteriori attacchi tramite numerose altre minacce informatiche, tra cui GootLoader, Dridex, NetSupport, DoppelPaymer e AZORult), con un impatto del 12,67% anche questo mese in crescita (+3,45% rispetto a febbraio), e oltre il 6% superiore rispetto all’impatto a livello globale. La seconda minaccia nel nostro Paese si conferma essere Blindingcan (trojan ad accesso remoto di origine nord coreana) che in Italia ha avuto un impatto del 5,47%, evidenziando una leggera riduzione rispetto a febbraio (-0,5%) tuttavia ancora notevolmente più alto (+5,45%) del valore rilevato a livello mondiale (0,29%). Il malware Formbook (Infostealer che colpisce il sistema operativo Windows rilevato per la prima volta nel 2016, commercializzato come Malware as a Service) risulta essere la terza minaccia in Italia con un impatto del 5,12% (+1,15% rispetto a febbraio), anch’esso superiore all’impatto globale che è del 2,43%.

 

Le 4 famiglie di malware più diffuse

FakeUpdates è stato il malware più diffuso nel mese di marzo 2024 con un impatto del 6% sulle organizzazioni mondiali, seguito da Qbot con un impatto globale del 3% e Formbook con un impatto globale del 2%.

FakeUpdates (AKA SocGholish) è un downloader scritto in JavaScript. Scrive i payload su disco prima di lanciarli. FakeUpdates ha portato a ulteriori compromissioni tramite molti altri malware, tra cui GootLoader, Dridex, NetSupport, DoppelPaymer e AZORult.

Qbot AKA Qakbot è un malware multiuso apparso per la prima volta nel 2008. È stato progettato per sottrarre le credenziali dell’utente, registrare i tasti digitati, appropriarsi dei cookie dai browser, spiare le attività bancarie e distribuire ulteriore malware. Spesso diffuso tramite e-mail spam, Qbot impiega diverse tecniche anti-VM, anti-debug e anti-sandbox per ostacolare l’analisi ed eludere il rilevamento. A partire dal 2022, è emerso come uno dei Trojan più diffusi.

Formbook è un Infostealer che colpisce il sistema operativo Windows ed è stato rilevato per la prima volta nel 2016. È commercializzato come Malware as a Service (MaaS) nei forum di hacking underground per le sue forti tecniche di evasione e il prezzo relativamente basso. FormBook raccoglie le credenziali da vari browser web e screenshot, monitora e registra le sequenze di tasti e può scaricare ed eseguire file in base agli ordini del suo C&C.

 

Le vulnerabilità maggiormente sfruttate

Il mese scorso, “Web Servers Malicious URL Directory Traversal” è stata la vulnerabilità più sfruttata, con un impatto sul 50% delle organizzazioni a livello globale, seguita da “Command Injection Over HTTP” con il 48% e “HTTP Headers Remote Code Execution” con il 43%.

 

Web Servers Malicious URL Directory Traversal (CVE-2010-4598, CVE-2011-2474, CVE-2014-0130, CVE-2014-0780, CVE-2015-0666, CVE-2015-4068, CVE-2015-7254, CVE-2016-4523, CVE-2016-8530, CVE-2017-11512, CVE-2018-3948, CVE-2018-3949, CVE-2019-18952, CVE-2020-5410, CVE-2020-8260) – Esiste una vulnerabilità di directory traversal su diversi web server. La vulnerabilità è dovuta a un errore di convalida dell’input in un server web che non sanifica correttamente l’URI per i modelli di attraversamento delle directory. Uno sfruttamento riuscito consente agli attaccanti remoti non autenticati di divulgare o accedere a file arbitrari sul server vulnerabile.

Command Injection Over HTTP (CVE-2021-43936, CVE-2022-24086) – È stata segnalata una vulnerabilità dei comandi su HTTP. Un attaccante remoto può sfruttare questo problema inviando alla vittima una richiesta appositamente creata. Uno sfruttamento riuscito consentirebbe a un aggressore di eseguire codice arbitrario sul computer di destinazione.

HTTP Headers Remote Code Execution (CVE-2020-10826, CVE-2020-10827, CVE-2020-10828, CVE-2020-1375) – Gli header HTTP consentono al client e al server di passare informazioni aggiuntive con una richiesta HTTP. Un attaccante remoto può utilizzare un’intestazione HTTP vulnerabile per eseguire un codice arbitrario sul computer della vittima.

 

Principali malware per dispositivi mobili

Anche nel mese di marzo 2024 Anubis risulta essere il malware mobile più diffuso, seguito da AhMyth e Cerberus.

Anubis è un trojan bancario progettato per smartphone Android. Da quando è stato rilevato inizialmente, ha acquisito ulteriori funzioni, tra cui la funzionalità di Trojan ad accesso remoto (RAT), e di keylogger, ovvero la capacità di registrazione audio e varie funzionalità ransomware. È stato rilevato in centinaia di differenti applicazioni disponibili su Google Store.

AhMyth è un Remote Access Trojan (RAT) scoperto nel 2017. Viene distribuito attraverso applicazioni Android presenti negli app store e su vari siti Web. Quando un utente installa una di queste app infette, il malware può raccogliere informazioni sensibili dal dispositivo ed eseguire azioni come il keylogging, registrare screenshot, inviare messaggi SMS e attivare la fotocamera, solitamente allo scopo di sottrarre informazioni riservate.

Cerberus – Avvistato per la prima volta nel giugno 2019, Cerberus è un Trojan ad accesso remoto (RAT) con funzioni specifiche di overlay delle schermate bancarie per i dispositivi Android. Cerberus opera in un modello di Malware as a Service (MaaS), prendendo il posto di Trojan bancari come Anubis ed Exobot. Le sue funzioni includono il controllo degli SMS, il key-logging, la registrazione audio, il tracciamento della posizione e altro ancora.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Articoli

Public Cloud e cloud services per l’archiviazione dei dati: perché conviene

Avatar

Pubblicato

il

By

Cloud computing

Ormai da decenni i cloud services rappresentano, sia per il privato che per le aziende, una risorsa indispensabile di grande utilità che, negli anni, ha offerto efficienza, vantaggi anche in termini di costi e massima sicurezza. In particolare, coloro che utilizzano i servizi cloud, sia Public Cloud che Private Cloud, beneficiano di questo sistema di archiviazione per gestire in modo più efficiente la propria attività, servire meglio i propri clienti e aumentare notevolmente i margini di profitto complessivi.
Il cloud computing è un termine che ha acquisito un uso diffuso negli ultimi anni. Con l’aumento esponenziale dell’utilizzo dei dati che ha accompagnato la transizione della società digitale nel 21° secolo, sta diventando sempre più difficile mantenere dati, informazioni, programmi e sistemi attivi e funzionanti sui server dei computer interni. La soluzione a questo problema è quella che esiste quasi da quando è nato Internet, ma che solo di recente ha ottenuto un’ampia applicazione: il Public Cloud.

Vantaggi dell’utilizzo del Public Cloud per privati e aziende

In effetti, la maggior parte delle persone utilizza già una varietà di servizi cloud senza nemmeno rendersene conto. Esistono infatti tante applicazioni basate su cloud attraverso cui gli utenti inviano ogni giorno i propri dati personali a un server ospitato nel cloud che archivia le informazioni per un successivo accesso. Questi servizi, oltre ad essere utili per uso personale, sono ancora più preziosi per le aziende che devono essere in grado di accedere a grandi quantità di dati tramite una connessione di rete online sicura. Vediamo allora nel dettaglio i vantaggi dell’utilizzo di un Public Cloud:

  • Risparmio di tempo: una volta sul cloud, un facile accesso ai dati farà risparmiare tempo e denaro.
  • Sicurezza: la maggiore sicurezza è data dalla crittografia dei dati trasmessi sulle reti e archiviati nei database. Utilizzando la crittografia, le informazioni sono meno accessibili dagli hacker o da chiunque non sia autorizzato a visualizzarle.
  • Flessibilità: il Public Cloud offre una maggiore flessibilità in generale rispetto all’hosting su un server locale, anche in termini di larghezza di banda aggiuntiva o di ampiezza di storage.
  • Mobilità: il Public Cloud consente l’accesso tramite smartphone e dispositivi mobili, in ogni luogo e in qualunque momento.
  • Insight: con le informazioni archiviate in un Public Cloud, si possono facilmente implementare meccanismi di tracciamento e creare report personalizzati per analizzare l’intera organizzazione delle informazioni.
  • Disaster recovery: i servizi basati su Public Cloud forniscono un rapido ripristino dei dati per tutti i tipi di scenari di emergenza, dai disastri naturali alle interruzioni di corrente.

Differenze tra Public Cloud e Private Cloud

Public Cloud e Private Cloud si differenziano innanzitutto per quanto riguarda l’accesso e la condivisione dei dati che, mentre per il primo sono assolutamente liberi, per il secondo sono limitati.
Inoltre la proprietà e il controllo di un Public Cloud fanno capo al provider del servizio cloud e gli utenti non hanno nessun controllo autonomo e anche la personalizzazione e la configurazione di un Public Cloud sono più limitate rispetto ad un Private Cloud. Infine, se l’utilizzo di un Private Cloud comporta costi eccessivi, specialmente in fase iniziale, i costi di un Public Cloud si fermano soltanto alle risorse utilizzate dall’utente e quindi sono decisamente molto più limitati e permissivi.
Una piattaforma cloud non fornisce solo risorse informatiche su richiesta connesse alla rete, ma offre anche uno storage flessibile assieme a strumenti per eseguire e automatizzare azioni, come distribuzioni, manutenzione o scalabilità durante i picchi di carico.
Oggi esistono anche soluzioni ibride che coniugano al meglio entrambe le tipologie di cloud per offrire la massima efficienza e usufruire dei benefici di ogni tipologia.

Applicazioni correlate al Public Cloud

Tra le tante applicazioni che utilizzano i cloud services, l’Intelligenza Artificiale e le soluzioni relative al quantum netbook offrono efficienza e utilità per ogni genere di progetto. Sviluppatori e data scientist trovano nei cloud services applicati a tal genere di servizi un accesso completamente sicuro e un utilizzo di gran lunga semplificato dei dati, dei framework di Intelligenza Artificiale e degli emulatori quantistici. Una soluzione cloud legata ai quantum notebooks consente di semplificare al massimo la gestione della sicurezza e delle operazioni di ingegneria e offre massima flessibilità e potenza andando oltretutto incontro ad ogni esigenza in termini di budget economico da investire.

 


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Senza categoria

Redline è il malware più utilizzato

Nel 2023, secondo Kaspersky Digital Footprint Intelligence, oltre il 55% dei dispositivi presi di mira da attacchi di furto di password è stato infettato dal malware Redline

Avatar

Pubblicato

il

Secondo le informazioni estratte dai file di registro circolanti liberamente sul Dark Web, Redline ha rappresentato il 51% delle infezioni da infostealer dal 2020 al 2023. Altre famiglie di malware rilevanti includono Vidar (17%) e Raccodon (quasi il 12%). Complessivamente, Kaspersky Digital Footprint Intelligence ha individuato circa 100 varianti diverse di infostealer tra il 2020 e il 2023, analizzando i metadati dei file di registro. Il mercato illegale per lo sviluppo di malware finalizzato al furto di dati sta espandendosi, evidenziato dalla crescente diffusione degli stealer. Tra il 2021 e il 2023, la percentuale di infezioni causate da nuovi stealer è salita dal 4% al 28%. Nel 2023, in particolare, il nuovo stealer “Lumma” ha da solo causato oltre il 6% di tutte le infezioni.

I cambiamenti nella popolarità dei tre furti più diffusi nel periodo 2020-2023. Fonte: Kaspersky Digital Footprint

 

 Lumma è comparso nel 2022 e ha guadagnato popolarità nel 2023 grazie un modello di distribuzione Malware-as-a-Service (MaaS). Questo significa che qualsiasi criminale, anche chi non ha competenze tecniche avanzate, può acquistare un abbonamento per una soluzione malevola preconfezionata e utilizzare questo stealer per portare a termine i cyberattacchi. Lumma è stato progettato principalmente per rubare credenziali e altre informazioni dai portafogli di criptovalute, comunemente diffuse attraverso campagne di spam via e-mail, YouTube e Discord”, ha commentato Sergey Shcherbel, Expert di Kaspersky Digital Footprint Intelligence.

Gli infostealer si infiltrano nei dispositivi per ottenere credenziali sensibili come login e password in modo illegale, che vengono poi rivendute sul mercato shadow, costituendo una minaccia pericolosa per la sicurezza informatica dei sistemi personali e aziendali. Alla luce di questa crescente minaccia, Kaspersky ha lanciato una landing page, raggiungibile a questo indirizzo dedicata per aumentare la consapevolezza del problema e fornire consigli per mitigare i rischi associati.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Articoli

Scritte ASCII in un secondo

Usiamo i caratteri ASCII per creare grandi scritte grafiche dai nostri testi. Una semplice interfaccia e tanti stili a portata di click lo rendono davvero facilissimo!

Avatar

Pubblicato

il

Per le nostre conversazioni online e i nostri messaggi, è divertente poter creare scritte grafiche con i caratteri ASCII dai nostri testi, in modo da dare la massima incisività a frasi e parole con un simpatico gusto “retro“. Per farlo nei sistemi Linux, Ubuntu incluso, tipicamente si usa il programma da riga di comando Figlet, potente e ricco di opzioni. Il suo limite è che non è semplicissimo da usare, dato che lo stile delle nostre scritte si modifica con degli argomenti che dobbiamo ricordarci.
A risolvere il problema arriva Calligraphy, un’interfaccia grafica per pyfiglet, che è un’implementazione puramente in Python di Figlet. Facilissimo da usare, ci permette di scegliere gli stili da un menu a tendina e di applicarli istantaneamente alle nostre scritte per poi copiarle negli appunti e incollarle dove desideriamo. Risulta più essenziale di Figlet ma la praticità lo rende un’alternativa molto valida e immediata.

 

Facile e veloce. Una volta installato il programma da Flathub ci troviamo nella sua semplice interfaccia. Nel pannello a sinistra scriviamo il nostro messaggio e a destra vediamo l’output che possiamo copiare con l’icona in basso a destra.

 

Scegliamo lo stile. Il menu a comparsa nel pannello dell’output ci permette di scegliere lo stile della nostra scritta. Non tutti sono leggibili come quelli della serie clb usata qui e proposta in diverse proporzioni tra altezza e larghezza dei caratteri.

 

Tanta scelta. Ci sono però varie alternative tra cui scegliere. Molto leggibili, per esempio, sono arrows, small e basic, mentre per le scritte a effetto ci sono alphabet (nella foto) e poison. Quando selezioniamo uno stile è subito applicato

 

Ricerca. Nel menu a comparsa possiamo anche scrivere il nome di uno stile per cercarlo direttamente, il che ci sarà utile quando avremo i nostri preferiti. Attenzione: non sempre il programma mette automaticamente le interruzioni di riga.

 

 

*illustrazione articolo progettata da  Freepik

 


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Trending