Connect with us

News

L’assistente vocale Google trova casa in JBL

Massimiliano Zagaglia

Published

on

JBL Link

L’assistente vocale di Google si trova in tutti gli smartphone Android, negli speaker creati dalla stessa Google, negli smartwatch… e ora anche negli speaker di JBL.

Questa azienda, che da oltre 70 anni è tra i principali protagonisti della scena audio, ha infatti presentato la sua linea di speaker Link che integra l’assistente vocale di Google ma che, in futuro, nelle intenzioni dei dirigenti, adotterà anche Cortana di Microsoft e Alexa di Amazon. La nuova linea di speaker Wi-Fi e Bluetooth è formata da quattro modelli, due portatili e due da alimentare tramite presa elettrica.

Link 10 e Link 20 sono alimentati da una batteria agli ioni di litio (rispettivamente da 4.000 mAh e 6.000 mAh – le autonomie dichiarate sono di 5 ore per il Link 10 e di 10 ore per il Link 20), quindi sono facilmente trasportabili da una stanza all’altra della propria casa oppure quando si è in giro. Entrambi sono certificati IPX7, quindi sono waterproof.
Link 10, al prezzo di 169 euro, ha una potenza di 2×8 Watt, mentre Link 20 (199 euro) arriva a 2×10 Watt. Nella rapida prova che abbiamo effettuato durante la loro presentazione, abbiamo potuto apprezzare la più che buona qualità audio di entrambi, anche se il Link 10 si è dimostrato carente con i toni bassi.

JBL Link 100

JBL Link 10

JBL Link 20

JBL Link 20



 

 

Link 300 (299 euro) e Link 500 (399 euro) hanno potenze audio maggiori (rispettivamente 2×20 Watt e 4×15 Watt) e anche una qualità audio più soddisfacente.
Tutti e quattro gli speaker integrano la funzionalità del Chromecast con riproduzione musicale multi-stanza.

JBL Link 300

JBL Link 300

JBL Link 500

JBL Link 500

JBL Link 500

Ok JBL…

L’assistente vocale di Google è disponibile da poco tempo in italiano, per cui soffre ancora di qualche difettuccio e di capacità inferiori rispetto alla versione in lingua inglese. Eppure, come ci hanno dimostrato i rappresentanti di JBL durante la presentazione degli speaker, con la semplice voce si riesce a comandare l’accensione di luci ed elettrodomestici, a riprodurre playlist musicali o video (sul TV) dei vari servizi di streaming, a effettuare ricerche in Rete, a farsi leggere ricette e altro ancora, sempre con la massima facilità.
Rispetto agli smartphone, device come gli speaker di JBL godono di un microfono più potente, quindi è possibile attivare l’assistente anche da una certa distanza, certi che la cassa ci senta.
Inoltre le capacità d’apprendimento dell’intelligenza artificiale di Google fa sì che i device imparino le nostre abitudini (per esempio capendo in automatico che la riproduzione di un video di YouTube deve essere fatta sul televisore che usiamo sempre, quindi dopo qualche utilizzo non sarà più necessario specificare su quale apparato avviare il playback).

Per altre informazioni: www.jbl.com

Ti potrebbe interessare

Microsoft compra GitHub per $ 7,5 miliardi GitHub uno dei più popolari servizi di hosting repository di codice che consente agli sviluppatori di ospitare i loro progetti, è stato recentemente a...
Hacker contro i sistemi informatici degli ospedali Hacker contro i sistemi informatici degli ospedali, a rischio 80mila sistemi in tutto il mondo. L’allarme è partito da Trend Micro: “Preoccupante div...
La VPN di Pornhub per navigare anonimi Parliamo spesso di VPN (e nel numero 221 troverai un attento esame dei pericoli nascosti in alcuni servizi) ed ecco spuntarne una nuova: VPNhub. Indov...
Gli smartphone per i giovani di Huawei Appartieni alla Generazione Z e pretendi un device mobile che sia al contempo economico, completo e all’avanguardia dal punto di vista tecnologico? Al...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 14 SETTEMBRE 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA