Connect with us

News

Corea del Nord: La superpotenza per Hacker

Avatar

Pubblicato

il

La Corea del Nord è diventata gradualmente una superpotenza per hacker . Agenti che agiscono per conto del regime hanno rubato circa 650 milioni di dollari attraverso attacchi informatici, secondo una ricerca di Simon Choi, un consulente del CIA-esque National Intelligence Service della Corea del Sud. E questo è “solo una parte” della loro attività complessiva, dice, parlando con Patrick Winn di Public Radio International.

In un lunghissimo lungometraggio, Winn spiega come il governo nordcoreano sia diventato rapidamente leader mondiale nell’hacking, nonostante il suo impoverimento e isolamento economico. Non molto tempo dopo che il leader Kim Jong-un ha assunto la responsabilità nel 2011, ha riformato il Reconnaissance General Bureau – la risposta della Corea del Nord alla CIA, che si ritiene avesse solo pochi anni allora – per dare priorità alla guerra informatica.

Gli ingegneri delle migliori università del paese sono stati incanalati su una scala professionale e politica presso l’agenzia, con i più qualificati che vanno all’estero. In paesi come l’ India e la Malesia, si pongono come commercianti o importatori mentre effettuano attacchi cibernetici contro istituzioni finanziarie in tutte le parti del mondo, secondo il PRI.

Parlando con un ex hacker nordcoreano che ha disertato a sud, Winn scrive che lo stato sostiene spesso le famiglie di hacker, spostandoli dalle campagne alla capitale di Pyongyang, dove potranno “godere di grandi lussi,acqua calda, elettricità regolare, prodotti alimentari rari che vanno al di là della razione di base del soldato. “

LEGGI  Oltre il 34% delle vulnerabilità segnalate nella prima metà del 2019 sono prive di patch
Facebook Comment

Newsletter

In Edicola


236 – Dal 13 Settembre 2019!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA