Connect with us

News

Di Maio: iL Governo contro la riforma UE del copyright

Redazione

Published

on

Nell’occorrenza della conferenza dedicata all’Internet Days 2018 svoltosi questa mattina, Luigi Di Maio ha apertamente preso posizione contro i famigerati articoli 11 e 13 della nuova direttiva sul copyright in discussione nell’assemblea Europea.

Di Maio con un post sul sito del Movimento 5 stelle spiega le sue motivazioni:

È inaccettabile. E come governo ci opporremo. Faremo tutto quello che è in nostro potere per contrastare la direttiva al Parlamento europeo e qualora dovesse passare così com’è, dovremo fare una seria riflessione a livello nazionale sulla possibilità o meno di recepirla. Perché internet dev’essere mantenuta libera, indipendente, al servizio dei cittadini. Nessuno può permettersi di fare azioni di censura preventiva, nemmeno se quel qualcuno si chiama Commissione europea.

In poche parole quando noi condividiamo un articolo ed escono quelle tre o quattro righe al di sotto del link, ecco quelle tre o quattro righe verrebbero tassate. Dicono pure che sia un modo per migliorare la qualità dell’informazione. L’Europa dovrebbe puntare sulla cultura e sull’istruzione, per fare in modo che i suoi cittadini capiscano cos’è una fake news invece preferisce inondare di nuove tasse perfino le tre righe che escono quando condividiamo un articolo o un’informazione in generale.
Il secondo articolo è perfino più pericoloso del primo, perché impone alle società che danno accesso a grandi quantità di dati di adottare misure per controllare ex ante tutti i contenuti caricati dagli utenti. Praticamente qualunque cosa venga caricata che abbia anche solo una parvenza di ledere il diritto d’autore, e con questo mi riferisco a qualsiasi immagine per esempio, e sottolineo qualsiasi, potrebbe essere bloccata da una piattaforma privata.



Il dito viene puntato contro i lobbisti che,, circondano il Parlamento Europeo muovendosi all’interno delle istituzioni comunitarie per influenzarne i processi decisionali. Il Ministro carica quindi le armi governative contro le eventuali decisioni che il Parlamento Europeo potrebbe prendere in merito.

Ti potrebbe interessare

Microsoft sventa attacchi hacker verso candidati d... Microsoft ha rivelato di aver scoperto e aiutato il governo statunitense a bloccare i tentativi di hacking russo contro almeno tre candidati al congre...
Scoperte nuove vulnerabilità nella rete LTE / 4G Un team di ricercatori di sicurezza, ha scoperto alcuni punti deboli critici nello standard dei dispositivi mobili LTE che potrebbe consentire a hacke...
Vacanze e casa smart: il pericolo è dietro l’... I FortiGuard Labs di Fortinet ci avvertono dei pericoli legati al malware HNS che sfrutta alcune vulnerabilità dei dispositivi smart domestici per "en...
Parlamento UE boccia la nuova direttiva sul Copyri... Oggi era previsto il voto per la nuova direttiva sul Copyright che proponeva con due articoli specifici l'11 e 13 di imbavagliare e censurare la rete ...

Lo staff di Hackerjournal che vi fornisce ogni giorno notizie, recensioni, anteprime e interviste legate alla sicurezza digitale.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 14 SETTEMBRE 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA