Connect with us

News

Facebook ammette la condivisione di dati con 61 Aziende

Redazione

Published

on

Facebook ha ammesso che ha dato a decine di aziende tecnologiche e a sviluppatori di app un accesso speciale ai dati dei propri utenti dopo aver dichiarato pubblicamente di aver limitato le società esterne ad accedere a tali dati nel 2015.

È un’insolita e chiara visione di come gestisce il più grande social network Le tue informazioni personali. Durante lo scandalo di Cambridge Analytica, rivelato a marzo di quest’anno, Facebook ha dichiarato che ha già tagliato l’accesso di terzi ai dati dei suoi utenti e ai loro amici solo a maggio 2015.

Tuttavia, in un documento di 747 pagine [ PDF ] consegnato al Congresso alla fine di venerdì, il gigante dei social network ha ammesso di aver continuato a condividere i dati con 61 produttori di hardware e software , nonché con sviluppatori di app dopo il 2015.

Il social network ha condiviso le informazioni sui propri utenti con queste aziende per aiutarle a creare le proprie versioni di Facebook o delle funzionalità di Facebook per i loro dispositivi, naturalmente “sotto i termini e le politiche che forniscono ai propri utenti”.



“Abbiamo interagito con le aziende per creare integrazioni per una varietà di dispositivi, sistemi operativi e altri prodotti ai nostri partner per sviluppare applicazioni di terze parti.”, si legge nel documento. “Queste integrazioni sono state create dai nostri partner, per i nostri utenti, ma approvate da Facebook.”

Tuttavia, Facebook ha anche detto che la società ha già interrotto 38 di queste 52 partnership e terminerà con altre entro la fine di luglio e di ottobre.

Ti potrebbe interessare

Come difendersi da Spectre e Meltdown Le due falle che hanno fatto molto discutere in questi ultimi giorni si chiamano Spectre e Meltdown, che interessano i processori Intel e AMD (e anche...
Olympic Destroyer: il malware è tornato a colpire Il temuto malware Olympic Destroyer che ha interrotto gli ultimi giochi invernali è riemerso, prendendo di mira diversi paesi in Europa, Russia e Ucra...
Mhackeroni gli Hacker Etici Si chiamano “Mhackeroni”, sono hacker etici. Partecipano a competizioni, “giocano”, ma soprattutto si allenano a combattere i black hat. Per farlo il ...
CyberSecurity, adottata la nuova direttiva NIS Nella comunità Europea è entrata in vigore la nuova direttiva NIS con gli obiettivi principali di rafforzare il livello di sicurezza della rete e sist...

Lo staff di Hackerjournal che vi fornisce ogni giorno notizie, recensioni, anteprime e interviste legate alla sicurezza digitale.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 14 SETTEMBRE 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA