Connect with us

Articoli

Biohacking: carne, sangue e chip

Massimiliano Zagaglia

Pubblicato

il

Biohacking

Impianti sottocutanei RFID per aprire porte e auto senza chiavi, chip NFC per autenticare i nostri wallet e kit CRISPR per eseguire editing genetici fai-da-te. Ma attenzione: puoi lasciarci la pelle!

Il termine biohacking definisce l’intera community di persone che portano avanti delle ricerche biologiche sperimentando sui propri corpi e seguendo la filosofia hacker di condivisione delle esperienze e delle informazioni.
Questo termine include specializzazioni diverse. Per rendere al meglio l’idea, possiamo dividere il movimento in due gruppi. Quando parliamo di esperimenti genetici e ricerche biologiche ci riferiamo alla sfera della Biologia DIY. Quando invece parliamo di impianti sottocutanei e modifiche corporee ci stiamo riferendo alla sottocultura chiamata Grinder.

Doppio approccio

La Biologia Do It Yourself! (BioDIY) si caratterizza per un metodo semplice e aperto e ha l’obiettivo di rendere accessibile a tutti il mondo della biologia applicata. L’idea di fondo è semplice: se la tecnologia viene messa a disposizione di più persone vi sarà una consequenziale crescita dell‘innovazione. Per far ciò, una proposta ricorrente è quella
di creare dei piccoli Bio-lab di quartiere in cui gli esperti del settore mostrano e insegnano ai novizi le meraviglie del laboratorio, fornendo materiale utile per apprendere i protocolli base necessari all’utilizzo dell’attrezzatura. Mediante piccoli esperimenti replicabili facilmente in casa, passo dopo passo diventeremo dei piccoli ricercatori!

I Grinder invece rappresentano la parte del movimento più avanguardista, che si rifà ai principi del transumanesimo, tra i quali l’utilizzo delle ultime scoperte tecnologiche per migliorare e potenziare le proprie abilità. Per far ciò sono disposti a integrare nel proprio corpo dispositivi che possano migliorare la loro esperienza di vita. La maggior parte dei chip sottocutanei impiegati sono in grado di interagire con gli oggetti circostanti e quindi di creare una sorta di connessione tra corpo e tecnologia.

 

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SU HJ NUMERO 222 CLICCA QUI O VAI IN EDICOLA!

Ti potrebbe interessare

DoS: bloccare un sito Web Ogni giorno migliaia di dispositivi elettronici vengono infettati per essere poi utilizzati in attacchi di tipo DoS. Questo attacco è attuabile in var...
Attenzione alle VPN, alcune sono tarocche Ci fidiamo troppo delle VPN. Ma facciamo bene? Capita sempre più spesso che le reti private virtuali non solo siano lente ma che controllino anche i n...
WHID, Rubberducky con gli steroidi Ai BlackHat 2017 è stato  presentato WHID Injector, un dispositivo in grado di veicolare attacchi HID (Human Interface Device) e definito dal suo crea...
Ti fidi di me? Allora installa questo trojan Anche i computer Apple possono essere a rischio trojan, ma la colpa è sempre dell'utente troppo ingenuo! Gli utenti dei Mac di Apple pensano di dormi...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 15 FEBBGRAIO 2019!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA