Connect with us

Articoli

Biohacking: carne, sangue e chip

Massimiliano Zagaglia

Published

on

Biohacking

Impianti sottocutanei RFID per aprire porte e auto senza chiavi, chip NFC per autenticare i nostri wallet e kit CRISPR per eseguire editing genetici fai-da-te. Ma attenzione: puoi lasciarci la pelle!

Il termine biohacking definisce l’intera community di persone che portano avanti delle ricerche biologiche sperimentando sui propri corpi e seguendo la filosofia hacker di condivisione delle esperienze e delle informazioni.
Questo termine include specializzazioni diverse. Per rendere al meglio l’idea, possiamo dividere il movimento in due gruppi. Quando parliamo di esperimenti genetici e ricerche biologiche ci riferiamo alla sfera della Biologia DIY. Quando invece parliamo di impianti sottocutanei e modifiche corporee ci stiamo riferendo alla sottocultura chiamata Grinder.

Doppio approccio

La Biologia Do It Yourself! (BioDIY) si caratterizza per un metodo semplice e aperto e ha l’obiettivo di rendere accessibile a tutti il mondo della biologia applicata. L’idea di fondo è semplice: se la tecnologia viene messa a disposizione di più persone vi sarà una consequenziale crescita dell‘innovazione. Per far ciò, una proposta ricorrente è quella
di creare dei piccoli Bio-lab di quartiere in cui gli esperti del settore mostrano e insegnano ai novizi le meraviglie del laboratorio, fornendo materiale utile per apprendere i protocolli base necessari all’utilizzo dell’attrezzatura. Mediante piccoli esperimenti replicabili facilmente in casa, passo dopo passo diventeremo dei piccoli ricercatori!

I Grinder invece rappresentano la parte del movimento più avanguardista, che si rifà ai principi del transumanesimo, tra i quali l’utilizzo delle ultime scoperte tecnologiche per migliorare e potenziare le proprie abilità. Per far ciò sono disposti a integrare nel proprio corpo dispositivi che possano migliorare la loro esperienza di vita. La maggior parte dei chip sottocutanei impiegati sono in grado di interagire con gli oggetti circostanti e quindi di creare una sorta di connessione tra corpo e tecnologia.

 

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SU HJ NUMERO 222 CLICCA QUI O VAI IN EDICOLA!

Ti potrebbe interessare

Il motore di Ricerca personalizzato su Hackerjourn... Stanco di essere costantemente tracciato dai motori di ricerca? Allora createne uno personale e diventa invisibile per il sistema! Negli ultimi anni ...
La via per diventare un vero hacker! Tanto studio, curiosità e un pizzico di follia sono le caratteristiche che permettono di diventare white, gray o black hat Da quando abbiamo ripreso ...
Parrot Security OS: Linux all’italiana Nata quasi per gioco, oggi è una delle più popolari distro GNU/Linux del mondo pensate per l’IT security e per l’hacking. Parrot Security OS prende i...
Hacker con il drone Negli USA il traffico wireless viene intercettato dall'alto, usando quadricotteri che saltano le protezioni fisiche e penetrano nelle aree riservate d...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 14 Luglio 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA