Connect with us

News

Hacker di 16 anni viola i server Apple e sottrae 90gb di dati

Avatar

Pubblicato

il

Un adolescente di Melbourne, in Australia, è riuscita a penetrare nei server Apple e ha scaricato circa 90 GB di file protetti, tra cui chiavi autorizzate e sicure utilizzate per concedere l’accesso agli utenti.

L’adolescente ha detto alle autorità che ha hackerato Apple perché era un grande fan della compagnia e “sognava” di lavorare per il gigante della tecnologia.

Quando Apple ha finalmente notato l’intrusione, la società ha contattato l’FBI, che grazie all’aiuto della polizia federale australiana (AFP) ha  rilevato la sua presenza sui server.

L’AFP ha catturato l’adolescente l’anno scorso dopo un raid nella sua residenza e ha sequestrato due laptop Apple, un telefono cellulare e un disco rigido.

“Sono stati sequestrati due laptop Apple ei numeri seriali che corrispondono a dei dispositivi che hanno effettuato l’accesso ai sistemi interni”, ha detto un pubblico ministero ai media australiani The Age . “Sono stati sequestrati anche un telefono cellulare e un disco rigido, e l’indirizzo IP corrispondeva alle intrusioni.”

Dopo aver analizzato l’attrezzatura sequestrata, le autorità hanno trovato i dati rubati in una cartella chiamata “hacking hack hack“.

Oltre a questo, le autorità hanno anche scoperto una serie di strumenti e file di hacking che hanno permesso al ragazzo di 16 anni di penetrare ripetutamente nel mainframe di Apple.

LEGGI  Vacanze e casa smart: il pericolo è dietro l'angolo secondo Fortinet
Facebook Comment

Newsletter

In Edicola


236 – Dal 13 Settembre 2019!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA