Connect with us

Articoli

Minare i bitcoin a mani nude

Avatar

Pubblicato

il

Minare bitcoin a mano

Bastano carta e penna per estrarre una criptovaluta, peccato che serva molto tempo e non tutto va sempre come dovrebbe…

I minatori di una volta potevano lavorare anche a mani nude. Certo, non si riusciva a scavare la montagna con le unghie, ma un buco si poteva sempre a farlo. La stessa cosa vale per i Bitcoin: è possibile minarli con carta e penna.
Nel farlo abbiamo scoperto che l’algoritmo SHA-256 utilizzato per il mining è piuttosto semplice: infatti si può fare tutto a mano. Ma non è stata una sorpresa anche scoprire che il processo è estremamente lento rispetto all’estrazione con il computer ed è del tutto privo di utilità pratica. Tuttavia eseguire manualmente l’algoritmo è un buon modo per capire come funziona il tutto.

Come funziona

Minare i Bitcoin è una parte fondamentale della sicurezza del sistema della criptovaluta. L’idea è che i minatori raggruppino in un unico blocco una serie di transazioni in Bitcoin e poi eseguano ripetutamente una operazione crittografica chiamata hashing (letteralmente “sminuzzare”) fino a che non riescano a individuare un particolare valore di hash molto raro. A questo punto il blocco è stato “estratto” e fa parte della catena della blockchain. L’hashing di per sé non serve a niente, ma poiché riuscire a trovarlo è così difficile, offre la garanzia che sia estremamente difficile replicarlo e quindi falsificare la transazione.

La funzione crittografica di hashing prende un blocco di valori numerici di input e li trasforma in un output imprevedibile. La funzione è fatta in modo che non esistano scorciatoie matematiche per arrivare all’output, bisogna continuare a fare hashing con la forza bruta sino a che non torna. Per i BitCoin viene usata la funzione SHA-256. Per essere più sicuri, viene applicata due volte (Double-SHA-256).

Se vuoi conoscere la procedura passo passo per compiere questa impresa, acquista Hacker Journal 224 in edicola oppure online (anche in versione digitale).

Ti potrebbe interessare

Il tuo computer è degno di essere infettato? I malware piu recenti esaminano lo stato del PC prima di decidere se vale la pena infettarlo oppure no. Scopri con noi questo nuovo fenomeno. Non tut...
Parrot Security OS: Linux all’italiana Nata quasi per gioco, oggi è una delle più popolari distro GNU/Linux del mondo pensate per l’IT security e per l’hacking. Parrot Security OS prende i...
WHID, Rubberducky con gli steroidi Ai BlackHat 2017 è stato  presentato WHID Injector, un dispositivo in grado di veicolare attacchi HID (Human Interface Device) e definito dal suo crea...
Ti fidi di me? Allora installa questo trojan Anche i computer Apple possono essere a rischio trojan, ma la colpa è sempre dell'utente troppo ingenuo! Gli utenti dei Mac di Apple pensano di dormi...
Facebook Comment


Newsletter

In Edicola


Dal 15 FEBBGRAIO 2019!

Facebook

Trending

IN EDICOLA