Connect with us

Articoli

Minare i bitcoin a mani nude

Massimiliano Zagaglia

Published

on

Minare bitcoin a mano

Bastano carta e penna per estrarre una criptovaluta, peccato che serva molto tempo e non tutto va sempre come dovrebbe…

I minatori di una volta potevano lavorare anche a mani nude. Certo, non si riusciva a scavare la montagna con le unghie, ma un buco si poteva sempre a farlo. La stessa cosa vale per i Bitcoin: è possibile minarli con carta e penna.
Nel farlo abbiamo scoperto che l’algoritmo SHA-256 utilizzato per il mining è piuttosto semplice: infatti si può fare tutto a mano. Ma non è stata una sorpresa anche scoprire che il processo è estremamente lento rispetto all’estrazione con il computer ed è del tutto privo di utilità pratica. Tuttavia eseguire manualmente l’algoritmo è un buon modo per capire come funziona il tutto.

Come funziona

Minare i Bitcoin è una parte fondamentale della sicurezza del sistema della criptovaluta. L’idea è che i minatori raggruppino in un unico blocco una serie di transazioni in Bitcoin e poi eseguano ripetutamente una operazione crittografica chiamata hashing (letteralmente “sminuzzare”) fino a che non riescano a individuare un particolare valore di hash molto raro. A questo punto il blocco è stato “estratto” e fa parte della catena della blockchain. L’hashing di per sé non serve a niente, ma poiché riuscire a trovarlo è così difficile, offre la garanzia che sia estremamente difficile replicarlo e quindi falsificare la transazione.

La funzione crittografica di hashing prende un blocco di valori numerici di input e li trasforma in un output imprevedibile. La funzione è fatta in modo che non esistano scorciatoie matematiche per arrivare all’output, bisogna continuare a fare hashing con la forza bruta sino a che non torna. Per i BitCoin viene usata la funzione SHA-256. Per essere più sicuri, viene applicata due volte (Double-SHA-256).

Se vuoi conoscere la procedura passo passo per compiere questa impresa, acquista Hacker Journal 224 in edicola oppure online (anche in versione digitale).

Ti potrebbe interessare

VPN sicure? Ah ah ah Il ricercatore italiano di sicurezza Paolo Stagno (VoidSec) ha verificato che circa il 20% dei client appartenenti ai maggiori servizi VPN sono sogget...
Assalto ai siti Web con Vega! Con Vega fai le pulci ai siti Web mettendone a nudo tutte le potenziali vulnerabilità 😉 Sempre più aziende si affidano alle Web App perché consenton...
Intervista – Il bersaglio deve valerne la pe... A colloquio con due hacker etici israeliani protagonisti di una cultura della cybersecurity unica al mondo.Il ristorante è uno di quelli alla moda...
Hackerare un account Skype è un gioco da ragazzi Impadronirsi della password di un account Skype è un'operazione fattibile in diversi modi. Raramente un software ha raggiunto la celebrità di Skype e...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 14 NOVEMBRE 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA