Connect with us

Articoli

Skype è pesante e instabile, ecco le alternative più sicure

Massimiliano Zagaglia

Published

on

I difetti di Skype e le sue alternative più sicure

Quello che era un software leggero, sicuro ed efficiente è diventato un macigno instabile e inaffidabile. Cosa è successo negli ultimi anni? Ma niente paura, Hacker Journal ti offre delle alternative più che valide.

L’arrivo di Skype nei primi anni 2000 fu una vera rivoluzione: oltre che chattare, permetteva di telefonare senza costi tra PC e PC e con tariffe convenienti tra PC e un telefono fisso o un cellulare, ovunque nel mondo. Poi arrivarono il trasferimento di file, la condivisione dello schermo, le videochiamate…

Non erano solo le funzionalità a rendere Skype grande: al lancio era anche un’applicazione leggera, snella ed efficiente. Per riuscirci si basava sul concetto di rete Peer to Peer, oggi diffusissime per svariati utilizzi, ma allora usate principalmente dalle applicazioni preferite dai pirati come Napster, KaaZa e altre. Ciò ne consentiva un uso “snello” anche sui computer meno carrozzati..

Quindici anni dopo…

Nel 2018 però tutto è cambiato: quella che era l’app per comunicare più amata di tutte si è trasformata in una vera e propria schifezza. Pesante, pesantissima, tanto che anche un computer dotato di Core i5 fatica a garantire telefonate con una buona qualità audio senza far incartare il sistema, soprattutto quando si attiva il video. Non solo: sebbene si installi su Mac e smartphone di vari produttori, Skype ha dei seri problemi con Windows 10, cosa che strappa più di un sorriso se pensiamo che sia l’app sia il sistema operativo sono proprietà di Microsoft (nel 2011 la casa di Redmond acquisì Skype per 8,5 miliardi di dollari).

Con l’arrivo di Microsoft le cose cambiarono e la struttura P2P fu stata sostituita da un numero sempre maggiore di server centralizzati. Un passo indietro che l’azienda ha giustificato in vari modi, sia per esigenze di sicurezza, sia per questioni di efficienza. E tutto è diventato lento, pesante e non più sicuro come una volta. Il risultato è che è ora di cambiare. Su Hacker Journal 225 ti offriamo quattro alternative più che valide (devi scegliere quella più adatta alle tue esigenze), se vuoi scoprire quali sono non perdere l’appuntamento in edicola oppure online!

Ti potrebbe interessare

Attacchi informatici più precisi grazie al Deep Le... Sfruttiamo il Deep Learning per lanciare attacchi informatici intelligenti e sempre più precisi. La tecnologia sta compiendo passi da gigante anche g...
Speciale Bitcoin & Criptomonete in Edicola da... Un nuovo speciale dedicato al fenomeno Bitcoin & Criptomonete  che sta rivoluzionando anche il mondo della finanza. Assolutamente da non perdere i...
Minatori forzati! Navigando su Internet è possibile essere costretti a minare criptovalute senza neppure rendercene conto. Per fare soldi con i Bitcoin e le altre crip...
Attenti ai torrent! Il più diffuso sistema di condivisione dei file può diventare un rischio per la sicurezza Tutti noi facciamo spesso ricorso ai torrent per scaricar...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 14 DICEMBRE 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA
Copertina Hacker Journal 227