Connect with us

Articoli

Skype è pesante e instabile, ecco le alternative più sicure

Massimiliano Zagaglia

Pubblicato

il

I difetti di Skype e le sue alternative più sicure

Quello che era un software leggero, sicuro ed efficiente è diventato un macigno instabile e inaffidabile. Cosa è successo negli ultimi anni? Ma niente paura, Hacker Journal ti offre delle alternative più che valide.

L’arrivo di Skype nei primi anni 2000 fu una vera rivoluzione: oltre che chattare, permetteva di telefonare senza costi tra PC e PC e con tariffe convenienti tra PC e un telefono fisso o un cellulare, ovunque nel mondo. Poi arrivarono il trasferimento di file, la condivisione dello schermo, le videochiamate…

Non erano solo le funzionalità a rendere Skype grande: al lancio era anche un’applicazione leggera, snella ed efficiente. Per riuscirci si basava sul concetto di rete Peer to Peer, oggi diffusissime per svariati utilizzi, ma allora usate principalmente dalle applicazioni preferite dai pirati come Napster, KaaZa e altre. Ciò ne consentiva un uso “snello” anche sui computer meno carrozzati..

Quindici anni dopo…

Nel 2018 però tutto è cambiato: quella che era l’app per comunicare più amata di tutte si è trasformata in una vera e propria schifezza. Pesante, pesantissima, tanto che anche un computer dotato di Core i5 fatica a garantire telefonate con una buona qualità audio senza far incartare il sistema, soprattutto quando si attiva il video. Non solo: sebbene si installi su Mac e smartphone di vari produttori, Skype ha dei seri problemi con Windows 10, cosa che strappa più di un sorriso se pensiamo che sia l’app sia il sistema operativo sono proprietà di Microsoft (nel 2011 la casa di Redmond acquisì Skype per 8,5 miliardi di dollari).

Con l’arrivo di Microsoft le cose cambiarono e la struttura P2P fu stata sostituita da un numero sempre maggiore di server centralizzati. Un passo indietro che l’azienda ha giustificato in vari modi, sia per esigenze di sicurezza, sia per questioni di efficienza. E tutto è diventato lento, pesante e non più sicuro come una volta. Il risultato è che è ora di cambiare. Su Hacker Journal 225 ti offriamo quattro alternative più che valide (devi scegliere quella più adatta alle tue esigenze), se vuoi scoprire quali sono non perdere l’appuntamento in edicola oppure online!

Ti potrebbe interessare

Gli hacker attaccano anche i dischi criptati Lo sai che i tuoi dischi criptati sono soggetti all’attacco Evil Maid, detto anche l’attacco della “cameriera malvagia”? Il primo proof of concept de...
Il suono che fa andare in crash gli hard disk Un disco rigido può essere smagnetizzato con la risonanza acustica, un fenomeno fisico in cui una fonte di vibrazione costringe un oggetto a oscillare...
Bancomat a rischio Hai mai fantasticato di passare davanti al bancomat e prelevare tutto il contante senza svuotare il tuo conto in banca? Sappi che non è del tutto fant...
Attacco finale a WikiLeaks Il tentativo finale per fare terra bruciata attorno a WikiLeaks vuole sottrarre la materia prima: gli informatori. I leak diffusi da WikiLeaks negli ...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 15 FEBBGRAIO 2019!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA