Connect with us

News

Marriott Hotels , violati oltre 500 milioni di account

Redazione

Pubblicato

il

La più grande catena alberghiera del mondo, la Marriott International, ha rivelato che hacker sconosciuti hanno compromesso il database delle prenotazioni degli ospiti, la sua filiale Starwood, violando irca 500 milioni di account.

Starwood Hotels and Resorts Worldwide è stata acquisita da Marriott International per $ 13 miliardi nel 2016. Il marchio comprende St. Regis, Sheraton Hotels & Resorts, W Hotels, Westin Hotels & Resorts, Aloft Hotels, Tribute Portfolio, Element Hotels, Le Méridien Hotels & Resorts , The Luxury Collection, Four Points by Sheraton e Design Hotels

La violazione delle proprietà Starwood è in corso dal 2014 dopo che una “parte non autorizzata” è riuscita a ottenere l’accesso non autorizzato al database di prenotazione degli ospiti di Starwood e ha copiato e crittografato le informazioni.

Marriott ha scoperto la violazione l’8 settembre di quest’anno dopo aver ricevuto un avviso da uno strumento di sicurezza interno “relativo a un tentativo di accedere al database di prenotazione degli ospiti Starwood negli Stati Uniti”.



“La società non ha completato l’identificazione di informazioni duplicate nel database, ma ritiene che contenga informazioni su circa 500 milioni di ospiti che hanno effettuato una prenotazione presso una proprietà Starwood”, ha dichiarato la società in un comunicato .

Il database degli hotel rubati contiene informazioni personali riservate di quasi 327 milioni di ospiti, compresi i loro nomi, indirizzi postali, numeri di telefono, indirizzi e-mail, numeri di passaporto, date di nascita, generi, informazioni di arrivo e partenza, data di prenotazione e preferenze di comunicazione.

Dal momento che la violazione dei dati rientra nelle regole del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’Unione europea, Marriott potrebbe dover pagare una multa massima di 17 milioni di sterline o il 4% delle sue entrate globali annuali, a seconda di quale sia maggiore.

Ti potrebbe interessare

Libssh scoperta una grave vulnerabilità Una vulnerabilità grave è stata scoperta nella libreria di implementazione Secure Shell (SSH) nota come Libssh che potrebbe consentire a chiunque di i...
Il carattere killer di iOS Usi un iPhone, un Mac o hai al polso uno smartwatch della mela? Allora fai attenzione: di recente è stato scoperto il “bug del carattere indiano”. Ti ...
La VPN di Pornhub per navigare anonimi Parliamo spesso di VPN (e nel numero 221 troverai un attento esame dei pericoli nascosti in alcuni servizi) ed ecco spuntarne una nuova: VPNhub. Indov...
Facebook Bug: Condivise oltre 6,5 milioni di foto ... Sembrano non finire mai i problemi per Facebook, ma tramite il servizio API alcuni sviluppatori hanno avuto la possibilità di accedere a milioni di fo...

Lo staff di Hackerjournal che vi fornisce ogni giorno notizie, recensioni, anteprime e interviste legate alla sicurezza digitale.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 15 FEBBGRAIO 2019!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA