Connect with us

News

Distributed Denial of Secrets il Wikileaks Russo

Avatar

Pubblicato

il

Una nuova piattaforma di divulgazione Distributed Denial of Secrets in breve DDOS, su Internet ha annunciato che renderà disponibile materiale che potrebbe mettere in difficoltà Vladimir Putin e gli oligarchi russi. L’archivio disponibile si dovrebbe aggirare su circa 180 gb tra email , documenti e chat private.

I co-fondatori di DDOS includono Emma Best , americana statunitense , una giornalista investigativa indipendente.

Lo scorso venerdì decine di diversi archivi di materiale hackerato dalla Russia sono stati resi accessibili. Nel migliore dei casi, questi dati trapelati erano difficili da trovare e in alcuni casi introvabili su Internet.

«Cose da politici, giornalisti, banchieri, persone in ambienti oligarchici e religiosi, nazionalisti, separatisti, terroristi che operano in Ucraina. Centinaia di migliaia di e-mail, messaggi Skype e Facebook, insieme a molti documenti. “



Ti potrebbe interessare

Facebook. Se ti bucano è colpa tua 600.000 account compromessi ogni giorno, una violazione ogni 140 millisecondi: questo è il dato emerso nel 2011 quando il noto portale TechCrunch pubb...
Accademia Hacker Journal Segui i nuovi Corsi dedicati a Sicurezza & Web di HackerJournal. Collegati alla pagina e rimani aggiornato. VAI AI CORSI
Anonymous Italia: Violati siti di università e cen... Dal comunicato rilasciato il 28 Ottobre , Anonymous Italia LulzSec Italia e AntiSec Italia, hanno colpito le prime vittime di quella che viene definit...
Olympic Destroyer: il malware è tornato a colpire Il temuto malware Olympic Destroyer che ha interrotto gli ultimi giochi invernali è riemerso, prendendo di mira diversi paesi in Europa, Russia e Ucra...

Facebook Comment


Newsletter

In Edicola


Dal 15 FEBBGRAIO 2019!

Facebook

Trending

IN EDICOLA