Connect with us


News

Disponibile il nuovo Windows Terminal Prompt

Redazione

Pubblicato

il

Microsoft ha ufficialmente rilasciato la prima versione del suo nuovo Windows Terminal che può essere scaricato da Microsoft Store su qualsiasi computer Windows 10 con versione 18362.0 o successiva.

Windows Terminal è un’applicazione terminale nuova, moderna, veloce, efficiente, potente e produttiva dedicata agli sviluppatori che utilizzano Command Prompt, Windows Subsystem per Linux e PowerShell.

Per quanto riguarda le funzionalità, la nuova app di Windows Terminal include il supporto di più schede. Inoltre, supporta i temi e una maggiore personalizzazione per gli sviluppatori che desiderano modificare l’app Terminal.

 


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

[wpdevart_facebook_comment curent_url="http://developers.facebook.com/docs/plugins/comments/" order_type="social" title_text="Facebook Comment" title_text_color="#000000" title_text_font_size="22" title_text_font_famely="monospace" title_text_position="left" width="100%" bg_color="#d4d4d4" animation_effect="random" count_of_comments="7" ]

Cybersecurity

Aaron Swartz : Hacker innovatore e la battaglia per il sapere accessibile

Redazione

Pubblicato

il

Per l’anniversario della morte di Aaron Swartz dell’8 Novembre , la Milano University Press Università di Milano ha pubblicato la biografia su Aaron scritta da Giovanni Ziccardi, “Aggiustare il mondo. La vita, il processo e l’eredità dell’hacker Aaron Swartz” che è liberamente scaricabile in open access.

Le vicende di Swartz e la sua lotta per la trasparenza, per la libera informazione e contro la corruzione in politica sono, ancora oggi, estremamente attuali in un mondo digitale che è sempre meno attento ai diritti e alle libertà dei cittadini.

La vita troppo breve dell’hacker Aaron Swartz – morto suicida l’11 gennaio del 2013 – ha tantissimi aspetti incredibili. Piccolo genio dell’informatica cresciuto in un sobborgo di Chicago, incontra, da adolescente, studiosi del calibro di Tim Berners-Lee e Lawrence Lessig e lavora con loro per costruire le architetture informatiche, e le licenze d’uso, del futuro.

Continua a Leggere

Articoli

Come costruire la tua palestra HJ, laboratorio Pentest

Redazione

Pubblicato

il

L’ambiente di test è costituito da macchine virtuali eseguite in modalità Live (da ISO nel nostro caso). Di seguito sono riassunte le impostazioni di creazione e di configurazione per ciascuna macchina virtuale:

PENTESTER

Sistema operativo: Linux (Ubuntu a 64 bit); RAM: 1024 MB;
Disco fisso: nessuno;
Archiviazione: aggiungere, a creazione avvenuta, un nuovo Controller IDE alla macchina virtuale, inserendovi l’ISO di Kali Linux (da scaricare all’URL https://www.kali.org/downloads/);
Rete: una scheda di rete, connessa alla rete interna di nome “intnet”;
Configurazione di rete: eseguire i seguenti comandi da una shell con i privilegi di root:

# ifconfig eth0 210.100.1.1/24
# route add default gw
210.100.1.2

 

BACKBONE

Sistema operativo: Linux (Linux 2.4 a 32 bit); RAM: 64 MB; Disco fisso: nessuno;
Archiviazione:
come per la macchina Pentester, ma selezionando l’ISO di Damn Small Linux (da scaricare all’URL http://www.damnsmallinux.org/ );
Rete: due schede di rete, la prima connessa alla rete interna di nome “intnet”, la seconda alla rete interna di nome “intnet1”;
Configurazione di rete: eseguire i seguenti comandi da una shell con i privilegi di root:

#ifconfig eth0 up
#ifconfig eth0 210.100.1.2
netmask 255.255.255.0
#ifconfig eth1 up
#ifconfig eth1 211.100.1.1
netmask 255.255.255.0
#sysctl -w net.ipv4.ip_forward=1
#route add -net 212.100.1.0/24
gw 211.100.1.2

 

ROUTER

Sistema operativo: Linux (Other Linux – 32 bit); RAM: 256 MB; Disco fisso: nessuno;
Archiviazione: come per la macchina Pentester, ma selezionando l’ISO di Zeroshell (da scaricare all’URL http://www.zeroshell.net/download/);
Rete: tre schede di rete, la prima connessa alla rete “solo host” vboxnet0 per l’impostazione dei parametri di configurazione delle restanti interfacce, la seconda alla rete interna di nome “intnet1”, la terza alla rete interna di nome “intnet2”;
Configurazione di rete:
dall’interfaccia Web di Zeroshell (fruibile dal browser della macchina fisica, all’indirizzo http://192.168.0.75, previa autenticazione con username admin e password zeroshell), impostare:

  • indirizzo 211.100.1.2 e netmask
    255.255.255.0 per l’interfaccia ETH01;
  •  l’indirizzo 212.100.1.1 e netmask
    255.255.255.0 per l’interfaccia ETH02;
  • l’indirizzo 211.100.1.1 quale gateway
    per accedere alla rete 210.100.1.0/24

 

SERVER WEB

Sistema operativo: Linux (Linux 2.4 a 32 bit); RAM: 256 MB;
Disco fisso: selezionare l’opzione “Usa disco fisso virtuale esistente”, quindi scegliere il file con estensione “vmdk” posto all’interno del file compresso scaricato all’indirizzo https://sourceforge.net/projects/ metasploitable/;
Rete: una scheda di rete, connessa alla rete interna di nome “intnet2”;
Configurazione di rete: eseguire i seguenti comandi da una shell con i privilegi di root:

#sudo ifconfig eth0 212.100.1.2
255.255.255.0
#sudo route add default gw
212.100.1.1

 

SERVER FTP

Sistema operativo: Linux (Linux 2.4 a 32 bit); RAM: 64 MB;
Disco fisso: nessuno;
Archiviazione: come per la macchina Backbone;
Rete: una scheda di rete, connessa alla rete interna di nome “intnet2”;
Configurazione di rete: eseguire i seguenti comandi da una shell ricordando di anteporre sempre i privilegi di root:

#ifconfig eth0 up
#ifconfig eth0 212.100.1.3
netmask 255.255.255.0
# route add default gw
212.100.1.1

 

All’indirizzo www.exploit-db.com troviamo The Exploit Database, il più noto archivio pubblico di vulnerabilità creato a beneficio di specialisti del pentest e ricercatori di sicurezza informatica

 


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Articoli

Quanto guadagna un Penetration Tester Certificato?

Redazione

Pubblicato

il

Da una ricerca Infosec i dati medi di quanto può guadagnare un Penetration Tester Certificato.

I dati sono orientati su paesi extra-europei in particolare Stati uniti dove il costo ora/lavoro è assai più flessibile e dimensionalmente più grande di una paese come L’italia ,la 3 nazione a livello mondiale a ricevere più attacchi hacker annualmente.

Chi assume un Certified Penetration Tester (CPT)? 

Un penetration tester può essere assunto da agenzie di sicurezza informatica e società IT. Assumendo un penetration tester certificato, le aziende IT possono fare il primo passo verso la prevenzione degli attacchi informatici.

Il corso di certificazione CPT prepara un potenziale tester di penetrazione per identificare e analizzare attacchi ai protocolli di rete, metodologie di test di penetrazione, identificazione delle vulnerabilità, ricognizione della rete, exploit di Windows, rootkit, exploit Unix/Linux, vulnerabilità delle applicazioni Web e difetti di sicurezza wireless.

Lo stipendio medio per un professionista con certificazione CPT varia in base alla designazione o al ruolo lavorativo. Lo stipendio medio di un tester certificato CPT è di $ 84.690 + Bonus. Per Un tester con 10 anni di esperienza circa $ 119.328.

 

Stipendio Medio in Italia?

Gli stipendi per i penetration tester laureati sono compresi tra €20.500 e €30.500. Con esperienza si può guadagnare tra €40.500 e €65.500, salendo a €70.500 per ruoli senior e di team leader.

 

 

 


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

News

42.000 domini di phishing mascherati da marchi popolari

Redazione

Pubblicato

il

Ricercatori di Cyjax hanno notato che hacker hanno collegamenti con la Cina e sono attivi dal 2017. Finora sono stati identificati come il gruppo Fangxiao, hanno falsificato oltre 400 marchi del settore bancario, della vendita al dettaglio, dei viaggi, dei trasporti, farmaceutico, dell’energia e settori della finanza.

Il gruppo gestisce una vasta rete comprendente 42.000 domini utilizzati per impersonare marchi famosi. La loro ultima campagna mira a generare entrate dagli utenti che pagano per il traffico. Almeno 24.000 domini di rilevamento/atterraggio sono stati utilizzati dagli aggressori per promuovere questa truffa da marzo 2022.

Secondo quanto riferito, il gruppo ha utilizzato 300 nuovi domini di marca in un giorno di ottobre. I ricercatori sono stati in grado di identificare l’hacker dietro questa campagna di truffa dopo la de-anonimizzazione del dominio, l’aggiramento della sicurezza di Cloudflare e la scoperta dell’indirizzo IP.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

News

Il governo istituisce 2 fondi per la Cybersecurity

Redazione

Pubblicato

il

Le novità riguardano la strategia nazionale di cybersicurezza, con l’istituzione di due fondi.

Il primo è destinato agli interventi per l’autonomia tecnologica e il potenziamento del livelli di cybersicurezza dei sistemi informativi, con 70 milioni nel 2023 e ulteriori 90 milioni nel 2024.

Il secondo fondo riguarda la gestione della cybersecurity e prevede 10 milioni per il 2023, e altri 120 milioni nel biennio successivo.

fonte: corriere.it

Continua a Leggere

Cybersecurity

Nuove minacce Hacker, AXLocker, Octocrypt e Alice Ransomware

Redazione

Pubblicato

il

Cyble Research and Intelligence Labs ha scoperto tre nuove famiglie di ransomware che crittografano i documenti della vittima e consentono a Discord ATO (acquisizione dell’account) di rubare dati.

Le tre varianti includono AXLocker, Octocrypt e Alice Ransomware. Vale la pena notare che Discord è relativamente popolare tra le comunità crittografiche e gaming.

 

Ne post sul blog , i ricercatori di Cyble hanno confermano che le organizzazioni dovrebbero migliorare la loro scansione per i primi segnali di allarme di nuove varianti e credenziali compromesse per contrastare potenziali attacchi.

Le aziende devono stare al passo con le tecniche di attacco utilizzate da hacker per prendere di mira i propri sistemi. Questo è possibile solo attraverso l’implementazione di best practice di sicurezza e controlli di sicurezza avanzati.

Continua a Leggere

News

500 milioni di account WhatsApp venduti online, 35 milioni sono italiani

Redazione

Pubblicato

il

Un hacker afferma di vendere i numeri di cellulare di 487 milioni di utenti WhatsApp su un popolare forum della comunità di hacker alternativo a Raidforum.

Il database del 2022 contiene i dati degli utenti di WhatsApp di 84 paesi con l’Egitto che ha la fetta più grande di numeri di telefono rubati (45 milioni), l’Italia con 35 milioni e gli Stati Uniti con 32 milioni.

L’elenco completo dei paesi è incluso nel rapporto originale di Cybernews che contiene anche la quantità esatta di numeri in vendita. Secondo l’hacker sono disposti a vendere il set di dati degli Stati Uniti per $ 7000, quello del Regno Unito per $ 2500 e quello tedesco per $ 2000.

Continua a Leggere

In Edicola & Digitale


267 – Dal 22 Novembre 2022!

Forum

Trending