Connect with us

Tecnologia

ET nel nuovo spot di Sky Q dedicato al Natale

Redazione

Pubblicato

il

In un divertente quanto iper fantascientifico trailer , è partita la nuova campagna di Natale di Sky. Ritroveremo ET l’adorato alieno proveniente da lontane galassie ed Elliot ormai cresciuto con una famiglia . Da vedere.

 


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

[wpdevart_facebook_comment curent_url="http://developers.facebook.com/docs/plugins/comments/" order_type="social" title_text="Facebook Comment" title_text_color="#000000" title_text_font_size="22" title_text_font_famely="monospace" title_text_position="left" width="100%" bg_color="#d4d4d4" animation_effect="random" count_of_comments="7" ]

Articoli

Un provider Internet italiano e di gran qualità

Avatar

Pubblicato

il

By

Ehiweb, ISP italiano di gran qualità

Nella scelta di un provider Internet molto spesso si guarda come prima, e quasi unica, cosa al costo della connessione. Peccato che, non appena si verifica un problema, non tutti i provider, anche quelli molto noti, riescano a rimediare velocemente. Eppure esistono realtà italiane, decisamente più vicine alle necessità del cliente e in grado di fornire connessioni stabili e veloci, come Ehiweb.

Un supporto di qualità

Creata dall’azienda bolognese Ehinet nel 2004 (che nasce nello stesso anno), il brand Ehiweb è cresciuto negli anni in maniera costante e organica, aumentando la qualità e la quantità dei servizi ma con un punto fermo che è rimasto invariato: la cura nell’assistenza al cliente, o customer care per usare il termine inglese. In qualunque fase, dal primo contatto alla fase di attivazione o durante la risoluzione di un problema, l’assistenza clienti di Ehiweb si dimostra cordiale, veloce e competente. E non sono “parole”: chiunque può verificare di persona controllando, per esempio, l’opinione dei clienti su Trustpilot.

A questo possiamo aggiungere un aspetto fondamentale, che poche altre realtà riescono a offrire: la personalizzazione. Ogni cliente ha un referente personale a cui rivolgersi in caso di necessità o anche solo per conoscere le caratteristiche dei nuovi servizi. Insomma, con Ehiweb non esiste il classico “muro di gomma” che costringe l’utente a telefonare o contattare “n” volte l’operatore prima di ricevere il supporto richiesto, sentendosi comunque come “un numero” rimbalzato tra un operatore e un altro e con risposte che arrivano da call center sparsi per il mondo.

Etica al primo posto

Un altro punto di forza che caratterizza Ehiweb fin dall’inizio, e di cui godono sia gli utenti, sia gli impiegati dell’azienda stessa, e anche i fornitori che collaborano con il provider bolognese, è la lealtà e l’onesta. Questa idea di comportamento corretto si riverbera su vari elementi, oltre all’assistenza di cui abbiamo già scritto:

  • i costi per gli utenti, che sono sempre trasparenti e chiari, assolutamente privi di voci nascoste. Per fare un esempio, Ehiweb propone solo due tipi di promozioni – a sei mesi o per sempre – senza creare confusione in chi cerca un nuovo operatore e, soprattutto, rendendo chiaro il vantaggio economico nel tempo dell’offerta proposta.
  • libertà di scelta per i clienti. Il contratto con Ehiweb non ha vincoli di durata minima. Questo è uno dei motivi per cui spesso le persone hanno paura di cambiare provider. Inoltre, Ehiweb sposa a pieno la necessità del modem libero. Da sempre, infatti, sostiene la necessità di lasciare liberi i clienti di scegliere il loro modem, offrendo comunque di base dei dispositivi FRITZ!Box che sono di sicuro tra i migliori sul mercato.
  • il rapporto con i dipendenti. Oltre alle pratiche trasparenti verso i clienti, anche il rapporto etico con chi lavora in Ehiweb è un fattore radicato nell’azienda fin dal primo giorno. Questo ha contribuito a creare un ambiente di lavoro positivo e stimolante con spazi confortevoli in azienda, sia per quel che riguarda le postazioni operative sia per i momenti di relax durante e dopo il lavoro. Altri vantaggi per gli impiegati sono la preferenza di contratti a tempo indeterminato, l’assicurazione sanitaria aggiuntiva a quella prevista per legge, i buoni pasto e vari bonus, premi e incentivi.

ADSL, fibra, VoIP e anche mobile

L’offerta di connettività di Ehiweb copre ogni esigenza. Per quel che riguarda le connessioni cablate, si va dall’ADSL fino a 20 Mega, per chi è raggiunto solo dal doppino in rame, alle connessioni FTTC (miste rame-fibra) a 100 e 200 Mega. Sul sito di Ehiweb troviamo anche le connessioni FTTH a 1 Giga o a 2,5 Giga, attivabili anche sulla rete Open Fiber nelle località raggiunte. Sempre dal punto di vista della connettività, l’offerta aggiunta più di recente è quella relativa alle SIM per smartphone e tablet. Ehiweb Mobile è la nuova soluzione pensata per i privati, per il business e anche per l’IoT. Ehiweb si occupa di tutto anche nel caso di passaggio da un altro operatore, con prezzi davvero interessanti. Sono poi da citare anche i servizi Web: Ehiweb si occupa anche di gestione e registrazione domini, servizi di hosting e server virtuali su sistema operativo Linux che assicurano grandi prestazioni e uptime oltre il 99,95%. Infine, a completare l’offerta a 360 gradi, troviamo servizi VoIP, SMS e fax virtuale.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Articoli

A cosa servono i router e gli switch e quali sono le differenze

Avatar

Pubblicato

il

Nella rete di computer, ci sono diversi dispositivi che consentono ai dati di essere trasmessi da un punto all’altro. Due di questi dispositivi sono switch e router. Mentre entrambi i dispositivi sono utilizzati per connettere diversi dispositivi di rete, hanno scopi diversi e sono utilizzati in contesti diversi.

Per acquistare router, switch e altri apparati per migliorare la tua sicurezza ti consigliamo di comprare su ollo shop, un e-commerce specializzata nel mondo dell’elettronica che offre prodotti di ottima qualità a prezzi molto vantaggiosi.

Nelle prossime righe andremo a vedere più nello specifico cosa sono i router e gli switch e quali sono le principali differenze tra loro.

Che cos’è uno Switch

Uno switch è un dispositivo di rete che connette diversi dispositivi sulla stessa rete locale (LAN) e consente la comunicazione tra di loro. Questo dispositivo è progettato per gestire una grande quantità di traffico dati sulla rete LAN, in modo che i dispositivi sulla stessa rete possano comunicare tra loro in modo efficiente e veloce.

Uno switch funziona inviando dati attraverso la rete LAN a destinazioni specifiche, in base all’indirizzo MAC (Media Access Control) del dispositivo di destinazione. L’indirizzo MAC è un identificatore univoco assegnato a ogni dispositivo di rete. Quando i dati vengono inviati attraverso la rete, lo switch cerca l’indirizzo MAC del dispositivo di destinazione e invia i dati solo a quel dispositivo. Ciò significa che solo il dispositivo di destinazione riceverà i dati, riducendo così la congestione di rete e migliorando le prestazioni.

Uno switch è in grado di gestire il traffico di rete LAN, ma non è in grado di instradare il traffico di rete su diverse reti. In altre parole, uno switch è limitato all’ambito di una singola rete LAN.

Che cos’è un Router

Un router è un dispositivo di rete che connette diverse reti e instrada il traffico di rete tra di esse. Un router è progettato per gestire il traffico di rete su diverse reti, comprese le reti LAN e WAN (Wide Area Network). Questo dispositivo è in grado di determinare il percorso più efficiente per instradare i dati sulla rete e di farlo in modo sicuro.

Un router funziona esaminando gli indirizzi IP dei dati in transito e inviandoli al percorso appropriato sulla rete. Gli indirizzi IP sono gli identificatori univoci assegnati a ogni dispositivo di rete sulla rete Internet. Quando un dispositivo sulla rete desidera inviare dati a un altro dispositivo su una rete diversa, i dati vengono inviati al router. Il router esamina l’indirizzo IP di destinazione e invia i dati al percorso appropriato sulla rete. Ciò significa che il router è in grado di gestire il traffico di rete su diverse reti e di instradare i dati in modo sicuro e efficiente.

Quali sono le differenze tra switch e router

Le principali differenze tra switch e router sono legate alle loro funzioni e alla loro capacità di gestire il traffico di rete. Uno switch è progettato per gestire il traffico di rete all’interno di una singola rete locale, ovvero una LAN (Local Area Network), e connettere diversi dispositivi tra di loro. Un router, d’altra parte, è progettato per gestire il traffico di rete tra diverse reti, inclusi i collegamenti tra reti locali e la connessione a Internet.

In termini di come instradano i dati, uno switch utilizza l’indirizzo MAC (Media Access Control) dei dispositivi di rete per inviare i dati alla giusta destinazione. Ciò significa che gli switch inviano i dati solo ai dispositivi che devono riceverli, riducendo la congestione di rete e migliorando le prestazioni complessive. Un router, invece, instrada i dati in base all’indirizzo IP (Internet Protocol) di destinazione. Questo significa che i router sono in grado di determinare il percorso migliore per inviare i dati su diverse reti, che possono includere molteplici punti intermedi tra la sorgente e la destinazione.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Tecnologia

I nuovi portatili per la produttività di MSI

Avatar

Pubblicato

il

By

Il sito di MSI

MSI, uno dei più noti produttori di notebook e non solo, ha presentato la sua nuova line-up di portatili per videogiocatori e quelli per il business e la produttività. Qui mostriamo una panoramica dei secondi. Per sapere le novità in campo gaming suggeriamo di visitare https://it.msi.com/Laptops.

MSI Summit

Questi sono i nomi delle linee di notebook business/produttività di MSI che vedono aggiungersi nuovi modelli. Si parte con il Summit E13 Flip Evo (1.899 €) basato su piattaforma Intel Evo e con display da 13,4”FHD, e il Summit E16 Flip (2.599 €), con grafica NVIDIA GeForce RTX 4050 e display da 16” 16:10 QHD+. Entrambi sono equipaggiati con CPU Intel Core i7-1360P di 13a generazione e si caratterizzano per qualità estetica e flessibilità, grazie alla capacità di trasformarsi da notebook a tablet in pochi istanti.

 

MSI PRestige

Performance, comodità, affidabilità e linee pulite: chi cerca un portatile per lavorare sia in ufficio che in smart working o in mobilità, predilige queste caratteristiche e la serie Prestige di MSI nasce proprio per questo. Questa serie ora si arricchisce di tre nuovi modelli equipaggiati con i più recenti processori Intel. Il più piccolo del gruppo è il Prestige 13 Evo, con la scocca in una elegante tonalità Stellar Gray e un peso di appena 990 g. Il suo display è da 13”FHD+ ed è animato dalla piattaforma Intel Evo (il processore è un i7-1360P) e sarà in vendita da aprile a 1.699 €. Troviamo poi il suo “fratello maggiore”, il Prestige 14 Evo, anch’esso basato su piattaforma Intel, ma con CPU i7-13700H. Lo troveremo sugli scaffali sempre da aprile con un prezzo di 1.649 €.
Il terzo nuovo modello della famiglia Prestige è, infine, il 16 Studio, dotato di una GPU RTX4050, un display da 16”QHD+ e un processore i7-13700H. Sarà disponibile da metà marzo al prezzo di 2.399 €.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Tecnologia

Problemi con Excel? Ci pensa Mike

Avatar

Pubblicato

il

By

Microsoft Excel è uno dei programmi più utili e meno intuitivi del pacchetto Office che spesso rappresenta un problema per molti lavoratori. Padroneggiare questo software è una delle skill maggiormente richieste dalle aziende, ma paradossalmente nessuno la insegna, né all’università, né tantomeno sul posto di lavoro. Eppure, imparare ad usare Excel è possibile: basta seguire un percorso di apprendimento chiaro e pratico sotto la guida di un esperto.

Dopo il successo mondiale dell’americana Kat Norton, in arte Miss Excel, ora arriva anche un talento tutto italiano. Stiamo parlando di Michele Costopulos Cappi: insegnante e creatore di Excel Con Mike, la più grande community del nostro Paese dedicata all’apprendimento di Microsoft Excel. Un successo sempre più in crescita, i numeri parlano chiaro: 182mila follower su Instagram e 172mila follower su TikTok (@excelconmike).

Screenshot corsi Excel con Mike

Non solo contenuti sui social media, Mike ha creato anche Excel Academy: un pacchetto di videolezioni che conta già 10mila iscritti tra singoli studenti e aziende. Accedendo al sito excelconmike.com è possibile seguire sia il Corso Base, pensato per utenti alle prime armi, sia il Corso Avanzato, dedicato a coloro che vogliono migliorare le proprie abilità.
D’altronde, in un mondo digitale in continua evoluzione, lo strumento che tutte le aziende utilizzano è proprio Excel. Semplicemente perché le sue potenzialità sono incredibili e si sposano bene con le esigenze di tutti.

Da qui puoi scaricare delle pillole dei videocorsi.

 


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Articoli

Stop alle telefonate indesiderate!

In regalo l’app per dire stop a telefonate indesiderate

Avatar

Pubblicato

il

By

Fino a qualche tempo fa le chiamate dei call center venivano fatte esclusivamente sui numeri di rete fissa. Adesso, invece, riceviamo telefonate indesiderate anche su cellulare a qualsiasi ora del giorno (e della notte, talvolta), con proposte commerciali discutibili, strane promesse di farci guadagnare milioni di euro e sottoscrizioni di contratti a dir poco miracolosi. Insomma, offerte che nel novanta per cento dei casi si rivelano delle vere e proprie truffe. Per fortuna esiste un rimedio: si chiama Tellows ed è un’applicazione in grado di svelarci l’identità di chi ci sta chiamando, anche se non abbiamo il numero in rubrica!

Come funziona il servizio?

C’è da dire che Tellows nasce come una delle più grandi community di raccolta dati su numeri di telefono sconosciuti. Quando si riceve una chiamata da un nuovo numero e viene cercato sul Web, tra i primi risultati della ricerca compare proprio Tellows, che fornisce informazioni sul chiamante. Ed è proprio grazie alle segnalazioni della community che il database di Tellows risulta essere sempre aggiornato in modo da permettere agli utenti di stabilire se il numero che sta chiamando è affidabile o meno. Di recente, il team di Tellows ha sviluppato anche un’applicazione per smartphone, dal nome Tellows – Caller ID e Blocco, che permette di identificare la chiamata quando il telefono sta squillando. L’app è disponibile per Android e iOS.
Se poi abbiamo un router FRITZ!Box di AVM, Tellows fornisce (a pagamento) delle blacklist pensate per vari paesi, Italia compresa, da caricare sul router stesso (che è in grado di gestire uno o più telefoni) per evitare le telefonate moleste anche sulla linea fissa di casa o dell’ufficio.

Il regalo di Hacker Journal

Grazie a un accordo stipulato con Tellows, i nostri lettori potranno beneficiare di una licenza gratuita dell’app Tellows – Caller ID e Blocco valida per un anno. Attivando la versione Premium si ha la possibilità di utilizzare alcune interessanti funzionalità del programma, come la registrazione delle conversazioni, il backup e l’esportazione dell’intero registro chiamate, la personalizzazione di una blacklist e la rimozione della pubblicità.
Per usufruire di questa offerta, una volta installata l’app ed esserci registrati, dalla home tappiamo sul menu in alto a sinistra e, dalla lista, scegliamo Attivare Premium. Nel box Codice coupon per attivare Premium inseriamo il codice spreapromoapp e tappiamo il pulsante RISCATTO COUPON. Un messaggio ci avviserà che il codice promozionale è stato verificato. La licenza gratuita, valida per un anno, è attivabile dal 6 dicembre 2022 fino al 6 aprile 2023.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Cybersecurity

Aaron Swartz : Hacker innovatore e la battaglia per il sapere accessibile

Redazione

Pubblicato

il

Per l’anniversario della morte di Aaron Swartz dell’8 Novembre , la Milano University Press Università di Milano ha pubblicato la biografia su Aaron scritta da Giovanni Ziccardi, “Aggiustare il mondo. La vita, il processo e l’eredità dell’hacker Aaron Swartz” che è liberamente scaricabile in open access.

Le vicende di Swartz e la sua lotta per la trasparenza, per la libera informazione e contro la corruzione in politica sono, ancora oggi, estremamente attuali in un mondo digitale che è sempre meno attento ai diritti e alle libertà dei cittadini.

La vita troppo breve dell’hacker Aaron Swartz – morto suicida l’11 gennaio del 2013 – ha tantissimi aspetti incredibili. Piccolo genio dell’informatica cresciuto in un sobborgo di Chicago, incontra, da adolescente, studiosi del calibro di Tim Berners-Lee e Lawrence Lessig e lavora con loro per costruire le architetture informatiche, e le licenze d’uso, del futuro.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Articoli

Quanto guadagna un Penetration Tester Certificato?

Redazione

Pubblicato

il

Da una ricerca Infosec i dati medi di quanto può guadagnare un Penetration Tester Certificato.

I dati sono orientati su paesi extra-europei in particolare Stati uniti dove il costo ora/lavoro è assai più flessibile e dimensionalmente più grande di una paese come L’italia ,la 3 nazione a livello mondiale a ricevere più attacchi hacker annualmente.

Chi assume un Certified Penetration Tester (CPT)? 

Un penetration tester può essere assunto da agenzie di sicurezza informatica e società IT. Assumendo un penetration tester certificato, le aziende IT possono fare il primo passo verso la prevenzione degli attacchi informatici.

Il corso di certificazione CPT prepara un potenziale tester di penetrazione per identificare e analizzare attacchi ai protocolli di rete, metodologie di test di penetrazione, identificazione delle vulnerabilità, ricognizione della rete, exploit di Windows, rootkit, exploit Unix/Linux, vulnerabilità delle applicazioni Web e difetti di sicurezza wireless.

Lo stipendio medio per un professionista con certificazione CPT varia in base alla designazione o al ruolo lavorativo. Lo stipendio medio di un tester certificato CPT è di $ 84.690 + Bonus. Per Un tester con 10 anni di esperienza circa $ 119.328.

 

Stipendio Medio in Italia?

Gli stipendi per i penetration tester laureati sono compresi tra €20.500 e €30.500. Con esperienza si può guadagnare tra €40.500 e €65.500, salendo a €70.500 per ruoli senior e di team leader.

 

 

 


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Trending