Connect with us

News

È morto John Perry Barlow, il visionario pioniere di internet

Redazione

Published

on

Ci lascia all’età di 70 anni John Perry Barlow, saggista, poeta e fondatore dell’Electronic Frontier Foundation (no-profit in prima linea per la difesa della privacy, della net neutrality e dei diritti digitali) deceduto la scorsa mattina nella sua abitazione all’età di 70 anni.

Oltre che paroliere dei Grateful Dead, l’attivista statunitense aveva redatto la dichiarazione d’indipendenza del cyberspazio: un testo che oggi più che mai vale la pena rileggere. Di seguito il testo integrale

 

Governi del Mondo Industriale, stanchi giganti di carne e acciaio, io vengo dal Ciberspazio, la nuova sede della Mente. Per il bene del futuro, chiedo a voi del passato di lasciarci in pace. Non siete i benvenuti tra noi. Non avete sovranità là dove ci siamo riuniti.

Noi non abbiamo un governo eletto, e non abbiamo intenzione di averne, quindi mi rivolgo a voi con non più grande autorità che quella con cui la libertà stessa ha sempre parlato. Io dichiaro che lo spazio sociale globale che noi stiamo costruendo sarà naturalmente indipendente dalle tirannie che cercate di imporci. Non avete alcun diritto morale di governarci e non possedete alcuno strumento di costrizione che dobbiamo realmente temere.

I governi derivano i loro legittimi poteri dal consenso dei governati. Voi non avete mai richiesto ne’ ricevuto il nostro. Noi non vi abbiamo invitato. Voi non ci conoscete, e nemmeno conoscete il nostro mondo. Il Ciberspazio non si trova all’interno dei vostri confini. Non pensate di poterlo edificare, come se fosse un progetto di costruzione pubblica. Non potete. E’ un atto della natura e cresce da solo grazie alle nostre azioni collettive.

Non siete entrati nel nostro grande e comune dialogo, e non avete creato la ricchezza della nostra piazza. Non conoscete la nostra cultura, la nostra etica, o i codici non scritti che danno già alla nostra società più ordine di quello che potrebbe essere ottenuto con qualunque vostra imposizione.

Affermate che tra noi ci sono problemi che voi dovete risolvere. Voi usate questa affermazione come una scusa per invadere i nostri territori. La maggior parte di questi problemi non esiste. Dove ci sono conflitti reali, dove ci sono torti, li identificheremo e li affronteremo con i nostri mezzi. Stiamo creando il nostro Contratto Sociale. Questa autorità nascerà secondo le condizioni del nostro mondo, non quelle del vostro. Il nostro mondo è diverso.

Il Ciberspazio consiste in scambi, rapporti e pensiero stesso, disposti come una potente onda nella ragnatela delle nostre comunicazioni. Il nostro è un mondo che si trova dappertutto e da nessuna parte, ma non dove vivono i corpi.

Stiamo creando un mondo dove tutti possano entrare senza privilegi o pregiudizi basati su razza, potere economico, militare, o stato sociale.

Stiamo creando un mondo dove chiunque ovunque possa esprimere le proprie opinioni, non importa quanto singolari, senza paura di venire costretto al silenzio o al conformismo.

I vostri concetti legali di proprietà, espressione, identità, movimento e contesto non si applicano a noi. Sono basati sulla materia. Qui non c’e’ alcuna materia.

Le nostre identità non hanno corpi, quindi, al contrario di voi, noi non possiamo ricevere ordini tramite coercizione fisica. Crediamo che con l’etica, con l’illuminato interesse personale e con il benessere comune, il nostro governo emergerà. Le nostre identità potranno essere diffuse attraverso molte delle vostre giurisdizioni. La sola legge che tutte le nostre culture costituenti riconosceranno generalmente è la Regola Aurea. Speriamo di essere capaci di costruire le nostre soluzioni particolari su quella base. Ma non possiamo accettare le soluzioni che voi state tentando di imporre.

Negli Stati Uniti, avete creato una legge, il Telecommunications Reform Act, che rinnega la vostra stessa Costituzione ed è un insulto ai sogni di Jefferson, Washington, Mill, Madison, DeToqueville, e Brandeis. Questi sogni devono ora rinascere in noi.

Siete terrorizzati da vostri stessi figli, perché sono nativi in un mondo dove voi sarete sempre immigranti. Siccome ne avete paura, voi affidate alla vostra burocrazia la responsabilità di genitori che siete troppo codardi per affrontare. Nel nostro mondo, tutti i sentimenti e le espressioni di umanità, dall’avvilente all’angelico, sono parti di un tutto unico, il dialogo globale dei bit. Non possiamo separare l’aria soffocante dall’aria su cui si scaldano le ali.

In Cina, Germania, Francia, Russia, Singapore, Italia e negli Stati Uniti, state cercando di respingere il virus della libertà edificando posti di guardia alle frontiere del Ciberspazio. Questi potranno tenere fuori il contagio per un poco, ma non funzioneranno in un mondo che sarà presto soffocato dai media basati sui bit.

Le vostre industrie dell’informazione sempre più obsolete si perpetueranno proponendo leggi, in America e da ogni altra parte, che pretendono di possedere la parola stessa in tutto il mondo. Queste leggi dichiareranno che le idee sono un altro prodotto industriale, non più nobile della ghisa. Nel nostro mondo, qualunque cosa la mente umana possa creare può essere riprodotto e distribuito all’infinito senza alcun costo. Il trasferimento globale del pensiero non ha più bisogno delle vostre fabbriche per avvenire.

Questi provvedimenti sempre più ostili e coloniali ci mettono nella stessa posizione di quei precedenti amanti della libertà e dell’autodeterminazione che hanno dovuto rifiutare le autorità di poteri distanti e disinformati. Dobbiamo dichiarare le nostre identità virtuali immuni alla vostra sovranità, pur continuando a consentirvi di governare sui nostri corpi. Ci diffonderemo attraverso il Pianeta così che nessuno potrà arrestare i nostri pensieri.

Noi creeremo una civiltà della Mente nel Ciberspazio. Possa essa essere più umana e onesta del mondo che i vostri governi hanno prodotto in precedenza.

Davos, Confederazione Elvetica

8 Febbraio 1996

Lo staff di Hackerjournal che vi fornisce ogni giorno notizie, recensioni, anteprime e interviste legate alla sicurezza digitale.

Continua a Leggere
Facebook Comment

News

Intel, Ricompensa di 250.000 dollari per scovare bug

Redazione

Published

on

Intel offre una ricompensa di 250mila dollari rivolto ad hacker etici che riescono ad individuare bug , nello specifico relativi a Spectre e Meltdown.

“Queste iniziative permettono di coinvolgere maggiormente la comunità che si occupa di ricerca nell’ambito della sicurezza, fornendo incentivi maggiori ma anche maggiori protezioni per i nostri clienti e i loro dati”, dice Rick Echevarria di Intel. Concorsi di questo tipo si chiamano ‘bounty hunting’.

Una delle società di riferimento e senza dubbio HackerOne. Le aziende che aderiscono a questo programma e quindi incoraggiano a trovare vulnerabilità sulla sicurezza, hanno tariffe agevolate sulle assicurazioni che interessano la sfera digitale.

Continua a Leggere

News

Il carattere killer di iOS

Massimiliano Zagaglia

Published

on

Coding bug

Usi un iPhone, un Mac o hai al polso uno smartwatch della mela? Allora fai attenzione: di recente è stato scoperto il “bug del carattere indiano”. Ti stai chiedendo cosa sia? Semplice, se un’app per iOS o macOS visualizza un particolare carattere indiano, la sola sua visualizzazione fa andare in crash il programma stesso (che non si riaprirà più) o addirittura l’intero sistema operativo (con potenziali pesanti problemi…).

Sul bug, segnalato il 12 febbraio (http://www.openradar.me/37458268), Apple è comunque già al lavoro. Difatti le versioni beta delle prossime release dei suoi sistemi non sono afflitte dal problema e presto dovrebbero essere disponibili patch per i sistemi attuali.

Continua a Leggere

News

Bug Hunter , Quanto Guadagna un Hacker?

Redazione

Published

on

HackerOne, con quasi 1.700 partecipanti, ha pubblicato un’analisi dei propri iscritti, 2018 Hacker Report , “l’indagine più approfondita mai condotta sulla comunità di hacker etici”, dichiara il rapporto. Ne emerge una fotografia dettagliata, anche in termini economici.

Sotto i 35 anni, autodidatta, motivato da passione, ma con la possibilità di guadagnare molto bene dalla propria attività, quasi tre volte di più di un ingegnere informatico; e poi, preferibilmente americano, indiano, australiano, russo e britannico. È il ritratto degli hacker che si dedicano alla ricerca di bug, di falle nel codice, errori o difetti che potrebbero metterne a rischio la sicurezza. E che in cambio della loro segnalazione ricevono una ricompensa, un bug bounty, letteralmente una “taglia su un bug”.

 

Il dato più interessante è infatti chi paga chi. Le aziende che più incentivano i bug bounty stanno negli Stati Uniti, che supera tutti gli altri Paesi, avendo veicolato (solo tramite HackerOne) quasi 15 milioni di dollari di premi. In seconda posizione, lontanissimo, il Canada con poco più di un milione. Poi spiccano la Germania con 450mila dollari. La Russia con 308mila. E Singapore, UK, Emirati Arabi Uniti e Finlandia.

I ricercatori che vanno a caccia di vulnerabilità possono guadagnare molto bene. In media, 2,7 volte rispetto allo stipendio medio di un ingegnere informatico nel proprio Paese, riferisce il rapporto. Gli indiani arrivano addirittura a guadagnare 16 volte tanto. Gli argentini 15 volte e mezzo, gli egiziani otto volte. Gli italiani, sulla media di Stati europei come i Paesi Bassi e la Germania, 1,7 volte. Per chi vive in certe regioni, dunque, l’hacking può essere una attività molto allettante. Specie se riesce ad avere uno sbocco sul mercato delle vulnerabilità. Del resto, un quarto degli intervistati ricava metà del proprio reddito dalle ricompense per aver trovato delle falle. E un elitario tre per cento arriva a guadagnare più di 100mila dollari l’anno.

Fonte (Lastampa.it)

Continua a Leggere

Abbonamenti

In Edicola


Dal 15 Febbraio 2018!

Forum

Facebook

Facebook Videos

Collezione HJ

Trending