Connect with us

Articoli

Il motore di Ricerca personalizzato su Hackerjournal

Massimiliano Zagaglia

Published

on

Crea il tuo motore di ricerca

Stanco di essere costantemente tracciato dai motori di ricerca? Allora createne uno personale e diventa invisibile per il sistema!

Negli ultimi anni il fattore “privacy” ha assunto un ruolo importante nella vita di tutti noi. Spesso la diamo per scontata, ma poi ci ritroviamo con gente che ci telefona per venderci qualcosa oppure ci troviamo davanti dei banner pubblicitari con qualche oggetto o meta turistica che avevamo cercato online giorni prima…

Sono soprattutto i motori di ricerca che effettuano lo scraping dei dati in rete e li mostrano al mondo intero alla velocità della luce. Se, da una parte, gli strumenti di rimozione da quest’ultimi sono sufficientemente maturi, il pensiero di doversi privare di uno strumento come Google o Bing per condurre le ricerche giornaliere è un deterrente che riesce facilmente a convincere l’utente finale a chiudere un occhio e sottomettersi al potere degli algoritmi digitali, sacrificando la propria privacy.

Bastano dieci minuti di attività in rete per profilare abitudini e informazioni di un qualsiasi utente

Il fattore “Privacy”

Un vecchio adagio recita: “Se il servizio è gratis, il prodotto sei tu”. Beh, mai parole furono più vere se si parla dei tanti servizi online a cui accediamo più volte al giorno gratuitamente. Ma se sei stanco di questa situazione un rimedio c’è: costruirti un meta-motore di ricerca in grado di “nascondere” i tuoi dati.

Ciò che scoprirai leggendo Hacker Journal 221 è come erigere un sito Web in grado di attingere da diverse fonti (Google, Bing ma anche Flickr, Ask, Wikipedia, Reddit, Startpage e molti altri) e mostrare i risultati delle tue ricerche in una SERP contenuta in un’applicazione Web completamente personalizzabile. Così facendo sarà il server Web (ovvero il contenitore che raccoglie le informazioni al tuo posto) a fare richiesta ai vari search engine: ciò si tradurrà in un’anonimizzazione del client che userà il nostro motore di ricerca come se fosse un proxy.

Trovi Hacker Journal 221 in tutte le edicole oppure su Sprea.it. Da qui puoi anche abbonarti!

Ti potrebbe interessare

Col cellulare ora si pesca meglio Basta un link all’interno di una mail o di una chat per abboccare all’amo di un pirata che vuole appropriarsi di password e codici Come forse saprete...
Due chiavi crittografiche sono meglio di una Entra nel formidabile universo del sistema crittografico asimmetrico. La crittografia asimmetrica è conosciuta con diversi nomi. Il più famoso è sicu...
Hackerare Google? Interroghi spesso il motore di ricerca di Google ma non sempre i risultati che ti mostra ti vanno bene? Allora dovresti imparare a usare gli operatori...
Intervista – Il bersaglio deve valerne la pe... A colloquio con due hacker etici israeliani protagonisti di una cultura della cybersecurity unica al mondo.Il ristorante è uno di quelli alla moda...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 14 DICEMBRE 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA
Copertina Hacker Journal 227