Connect with us

News

Hacker di Hamas attaccano gli smartphone nemici

Massimiliano Zagaglia

Published

on

Attacco hacker agli smartphone degli israeliani

Il blog di Check Point Software Technologies ci svela l’ennesima storia di cybersecurity dei nostri giorni.

Approfittando della fame di notizie riguardanti i Mondiali 2018 di calcio, gli hacker dell’organizzazione terrorista di Hamas hanno creato app Android fake legate alla manifestazione (ma anche alcune per il dating online… eh eh birichini) con l’intento di estorcere informazioni agli israeliani.

Da quanto riportato dalle agenzie di sicurezza di Israele, le vittime di questo tiro mancino sono state un centinaio. L’utente, ignaro del pericolo, una volta installate le app, si è ritrovato con un (poco) simpatico malware che svolgeva diverse attività dannose, come:

  • registrare le telefonate;
  • rubare contatti e SMS dell’utente;
  • rubare tutte le immagini e i video memorizzati sul dispositivo mobile;
  • identificare la posizione GPS dell’utente;
  • effettuare registrazioni casuali dei dintorni dell’utente;

Check Point Software Technologies ci ricorda che il bello è che la tattica di nascondere malware all’interno di app legate a eventi importanti era già stata usata sia contro questo obiettivo specifico sia contro agenzie governative in tutto il mondo. All’inizio del 2017, per esempio lo spyware Viperat aveva attaccato i soldati israeliani operanti nella striscia di Gaza, sottraendo dai loro smartphone, tramite tecniche di ingegneria sociale, foto e file audio. Nel marzo 2016, SmeshApp, un’applicazione Android per chiamate e messaggi, sarebbe stata utilizzata dal Pakistan per spiare il personale militare indiano e ancora nel 2016, il gruppo di hacker russo APT è stato sospettato di utilizzare uno spyware Android per monitorare un’unità di artiglieria da campo di stampo ucraino.

Per evitare (per quanto possibile) problemi, Check Point Software Technologies suggerisce l’estrema necessità di dotare gli smartphone e in generale i dispositivi mobile di una protezione totale.



Ti potrebbe interessare

GPS Spoofing – Come ingannare i ricevitori s... Alcuni ricercatori hanno sviluppato uno strumento che si propone di utilizzare lo spoofing GPS per ingannare i ricevitori nelle immediate vicinanze. I...
Oltre 880.000 carte di credito sottratte a Expedia Con un attacco senza precedenti alcuni hacker potrebbero aver avuto accesso ad oltre 880mila carte di credito, adoperate sul sito Orbitz.com del circu...
Hacker Guadagnano 3 milioni di dollari con un viru... Una crew Cinese è riuscita ad accumulare oltre 3 milioni di dollari in criptvaluta tramite server utilizzati per minare la criptomoneta Monero.gli...
SUSE linux venduto per $2,5 miliardi SUSE, la società di software open source di proprietà della britannica Micro Focus International, è stata venduta a una società svedese di private equ...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 14 SETTEMBRE 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA