Connect with us


Tecnologia

Da oggi Satispay è anche salvadanaio digitale

Avatar

Pubblicato

il

Satispay diventa salvadanaio

Satispay è un sistema di mobile payment nato in Italia basato su un network alternativo alle carte di credito e debito: libero, efficiente, gratuito e sicuro. Disponibile per iPhone, Android e Windows Phone, può essere utilizzato da chiunque abbia un conto corrente bancario. L’app permette di fare tantissime cose:

  • acquistare nei negozi convenzionati (fisici e online)
  • effettuare ricariche telefoniche
  • pagare multe, tasse e servizi pubblici
  • scambiare denaro con gli amici in totale sicurezza

Bene, da ora l’app si trasforma anche in salvadanaio virtuale grazie alla nuova funzionalità Risparmi. Questa nuova possibilità consentirà di creare più salvadanai e di alimentarli scegliendo tra diverse modalità:

  • Spiccioli: per accantonare il resto di ogni transazione arrotondata all’euro;
  • Cashback: per mettere da parte il cashback ricevuto;
  • Periodico: per selezionare un importo specifico da spostare nel salvadanaio in modo ricorrente.

Sarà possibile assegnare un nome diverso a ogni salvadanaio e anche un obiettivo di risparmio (per esempio: “Vacanze 2018 – €700” oppure “Dentista – €500”) in modo da organizzare i propri risparmi.


Hai trovato questo articolo interessante? Segui Hackerjournal su Facebook , Twitter

[wpdevart_facebook_comment curent_url="http://developers.facebook.com/docs/plugins/comments/" order_type="social" title_text="Facebook Comment" title_text_color="#000000" title_text_font_size="22" title_text_font_famely="monospace" title_text_position="left" width="100%" bg_color="#d4d4d4" animation_effect="random" count_of_comments="7" ]

News

Decryptor gratuito rilasciato per AstraLocker e Yashma Ransomware

Redazione

Pubblicato

il

Emsisoft ha rilasciato uno strumento di decrittazione gratuito per aiutare le vittime del ransomware AstraLocker e Yashma a recuperare i file  senza pagare un riscatto.

Lo strumento gratuito è disponibile per il download dai server di Emsisoft e consente di recuperare file crittografati utilizzando istruzioni facili da seguire disponibili in questa guida all’uso [ PDF ].

“Assicurati di mettere prima in quarantena il malware dal tuo sistema, altrimenti potrebbe bloccare ripetutamente il tuo sistema o crittografare i file”, ha avvertito Emsisoft.

Continua a Leggere

News

iPhone di attivisti in Thailandia hackerati da spyware Pegasus

Redazione

Pubblicato

il

Secondo il watchdog thailandese iLaw e  Citizen Lab con sede a Toronto , il potente spyware Pegasus del gruppo NSO con sede a Tel Aviv è stato utilizzato per hackerare gli iPhone di circa 30 attivisti e sostenitori thailandesi pro-democrazia.

La maggior parte delle vittime dell’hacking erano dissidenti che partecipavano al movimento pro-democrazia e chiedevano riforme nella monarchia. La vittima più giovane aveva diciotto anni. Ciò include l’avvocato-attivista Arnon Nampa, il rapper Dechatorn Bamrungmuang alias Hockhacker, l’attivista studentesca Panusaya Sithijirawattanakul, l’attrice-attivista Inthira Charoenpura e l’accademico Prajak Kongkirati.

 Pegasus è un potente spyware venduto alle forze dell’ordine e ai governi. NSO Group acquista vulnerabilità di sicurezza zero-day non identificate dagli hacker e lo spyware monta exploit zero-click senza coinvolgere l’interazione dell’utente.


Hai trovato questo articolo interessante? Segui Hackerjournal su Facebook , Twitter

Continua a Leggere

News

CISA: Patch nuovo Windows zero-day utilizzato negli attacchi

Redazione

Pubblicato

il

CISA ha aggiunto una vulnerabilità di escalation dei privilegi locali attivamente sfruttata nel sottosistema di runtime client/server (CSRSS) di Windows al suo elenco di bug di cui si è fatto abuso in natura.

Il bug  di elevata gravità (tracciato come  CVE-2022-22047 ) ha un impatto sulle piattaforme Windows server e client, comprese le ultime versioni di Windows 11 e Windows Server 2022.

“Un utente malintenzionato che ha sfruttato con successo questa vulnerabilità potrebbe ottenere i privilegi di SISTEMA”, ha spiegato Microsoft in un avviso di sicurezza pubblicato oggi.

Continua a Leggere

News

La società Cirotta lancia le custodie per telefoni anti-hacking

Redazione

Pubblicato

il

La startup Cirotta , con sede a Tel Aviv, in Israele, ha introdotto un metodo rivoluzionario per prevenire l’hacking dei telefoni cellulari e le violazioni della privacy dei dati. La società ha spiegato in un comunicato stampa di aver convertito con successo custodie per smartphone in dispositivi di sicurezza elettronici a tutti gli effetti.

Il prezzo della custodia parte da $ 200. Vale la pena investire nella protezione dei tuoi dati. Il pubblico di destinazione dei case attualmente include istituzioni/funzionari della sicurezza, del governo e dell’esercito, dirigenti di alto profilo e VIP.

I case possono anche impedire agli hacker di abusare dei microfoni da remoto e bloccare il rilevamento della posizione sovrascrivendo i dati GPS. Non è tutto; i case anti-hacking possono annullare il monitoraggio delle connessioni Wi-Fi e Bluetooth e compensare la comunicazione Near-field ( NFC ).

Le custodie sono disponibili in due modelli: Athena e Universal. Athena è compatibile con un’ampia gamma di modelli di smartphone di fascia alta, inclusi iPhone 12 Pro, iPhone 13 Pro, Samsung Galaxy S22 e i prossimi modelli di queste serie.

 


Hai trovato questo articolo interessante? Segui Hackerjournal su Facebook , Twitter

Continua a Leggere

News

Hacker possono creare repository GitHub falsi

Redazione

Pubblicato

il

Secondo i ricercatori di sicurezza IT di Checkmarx, questa tecnica di attacco consente ad hacker di indurre gli sviluppatori a utilizzare codice dannoso. Nel sistema di controllo della versione Gut, i commit sono elementi vitali in quanto registrano ogni modifica apportata ai documenti, la sequenza temporale della modifica e chi ha apportato la modifica.

I ricercatori hanno identificato che un hacker potrebbe manomettere i metadati di commit per far sembrare un repository più vecchio di quello che è. Oppure, possono ingannare gli sviluppatori promuovendo i repository come affidabili poiché i contributori rispettabili li mantengono. È anche possibile falsificare l’identità del committente e attribuire il commit a un account GitHub autentico.

I ricercatori di Checkmarx hanno spiegato nel loro post sul blog che hacker potrebbero manipolare i timestamp dei commit, che sono elencati su GitHub. I falsi commit possono anche essere generati automaticamente e aggiunti al grafico dell’attività GitHub dell’utente, consentendo all’attaccante di farlo apparire attivo sulla piattaforma per molto tempo. Il grafico dell’attività mostra l’attività su repository privati ​​e pubblici, rendendo impossibile screditare i falsi commit.


Hai trovato questo articolo interessante? Segui Hackerjournal su Facebook , Twitter

Continua a Leggere

News

OrBit il malware invisibile che ruba i dati dai dispositivi Linux

Redazione

Pubblicato

il

Soprannominato OrBit dai ricercatori di sicurezza di Intezer Labs che lo hanno individuato per primi, questo malware dirotta le librerie condivise per intercettare le chiamate di funzione modificando la variabile di ambiente LD_PRELOAD sui dispositivi compromessi.

“Il malware implementa tecniche di evasione avanzate e guadagna persistenza sulla macchina agganciando le funzioni chiave, fornisce ad hacker funzionalità di accesso remoto su SSH, raccoglie le credenziali e registra i comandi TTY”, ha spiegato Nicole Fishbein, ricercatrice di sicurezza di Intezer Labs .

“Una volta installato, il malware infetterà tutti i processi in esecuzione, inclusi i nuovi processi, in esecuzione sulla macchina”.

Continua a Leggere

News

Scoperte nuove varianti del malware ChromeLoader

Redazione

Pubblicato

il

Ricercatori di Palo Alto Networks hanno scoperto nuove varianti del famigerato malware ChromeLoader , nome in codice Choziosi Loader e ChromeBack. La scoperta indica che il malware è ancora in evoluzione. I ricercatori hanno identificato la variante Windows di questo malware nel gennaio 2022 e una versione per macOS nel marzo 2022.

“In breve periodo di tempo, gli autori di ChromeLoader hanno rilasciato più versioni di codice diverse, utilizzato più framework di programmazione, funzionalità avanzate, offuscatori avanzati, problemi risolti e persino aggiungendo il supporto cross-OS per Windows e macOS”.

La vittima è indotta a scaricare film torrent o videogiochi crackati tramite campagne di malvertising. Potrebbero anche trovarlo sui social media e sui siti Web pay-per-install. Una volta scaricato e installato sul sistema, ChromeLoader richiede autorizzazioni invasive per l’accesso ai dati del browser e alle richieste web.

Continua a Leggere

In Edicola & Digitale


263 – Dal 12 Luglio 2022!

Forum

Trending