Connect with us

Articoli

I migliori linguaggi di programmazione per un hacker

Massimiliano Zagaglia

Published

on

Linguaggi di programmazione per hacker

Prima di scegliere quale linguaggio apprendere è importante conoscere i nostri obiettivi e il settore nel quale vogliamo operare.

Imparare un nuovo linguaggio di programmazione rappresenta sempre una sfida, sia per gli sviluppatori esperti che per i principianti e gli aspiranti hacker. Per quest’ultimi la scelta del primo linguaggio è forse la decisione più difficile da affrontare, in quanto permette di capire i principi di programmazione per poi imparare come implementarli all’interno del linguaggio scelto e padroneggiare una sintassi che spesso appare senza senso.

Senza alcune delle abilità di scripting di base, l’aspirante hacker sarà limitato a utilizzare gli strumenti sviluppati da qualcun altro, aumentando così le probabilità di essere rilevato dal software antivirus, dai sistemi di rilevamento delle intrusioni (IDS) o dalle forze dell’ordine.

Come scegliere

Nella scelta del linguaggio da apprendere non bisogna mai dimenticare gli obiettivi specifici e l’industria nella quale si vuole entrare. Ad esempio PHP e Python sono ottimi per cominciare: offrono molte opportunità di apprendimento sotto forma di strumenti di convalida della sintassi di facile utilizzo e progetti di formazione che facilitano il processo di apprendimento e consentono una solida base della lingua. Ma, mentre Python sembra essere il più facile da acquisire dei due, PHP offre migliori prospettive di lavoro e risorse tecniche.

Nell’articolo pubblicato su Hacker Journal 224 presentiamo i linguaggi più utilizzati nell’hacking partendo da quelli ad alto livello, che hanno il vantaggio di essere facilmente utilizzabili. Gradualmente arriveremo fino alla macchina trattando i “più veloci” linguaggi di programmazione a basso livello, il cui scopo è di essere direttamente eseguibili dal processore, o di poter essere tradotti facilmente in programmi eseguibili dal processore.

Nel dettaglio, i linguaggi di programmazione ad alto livello sono caratterizzati da una significativa astrazione dai dettagli del funzionamento di un calcolatore e includono alcuni elementi del linguaggio naturale. I programmi scritti in questi linguaggi devono essere tradotti da un altro programma. Mentre il linguaggio di programmazione a basso livello differisce poco o addirittura coincide con il linguaggio macchina (costituito da una sequenza logica di 0 e 1 comprensibili alla CPU), fornendo poca o nessuna astrazione dai dettagli del funzionamento fisico del calcolatore. Un linguaggio è “a più basso livello” di un altro quando fornisce meccanismi di astrazione meno potenti.

Se vuoi sapere qual è il linguaggio più adatto alle tue esigenze, non perdere l’appuntamento con Hacker Journal 224 in tutte le edicole o su sprea.it.

 

Ti potrebbe interessare

Sotto mentite spoglie Per coprire le proprie attività di controllo, la Central Intelligence Agency ha assunto una clamorosa falsa identità, quella di Eugene Kaspersky! L...
Linux mangia la Mela Con Homebrew il Mac diventa una bomba anche da riga di comando. Chi usa un Mac possiede uno strumento molto più potente e flessibile di quello che mo...
Minare i bitcoin a mani nude Bastano carta e penna per estrarre una criptovaluta, peccato che serva molto tempo e non tutto va sempre come dovrebbe... I minatori di una volta pot...
Tagliamo i tentacoli della CIA Attraverso la ricezione e la divulgazione di documenti coperti da segreto, WikiLeaks si è imposta nell’immaginario collettivo. La serie Vault 7 (il cu...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 14 DICEMBRE 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA
Copertina Hacker Journal 227