Connect with us


Tecnologia

Amazon apre Launchpad in Italia, una nuova vetrina per le startup nostrane

Avatar

Pubblicato

il

Amazon Launchpad Desktop

Il gigante dell’ecommerce Amazon apre anche in Italia Launchpad, una vetrina per le startup che potranno lanciare grandi idee in tutta semplicità e commercializzare e distribuire a livello mondiale i propri prodotti a milioni di clienti Amazon.

Hai avuto un’idea pazzesca che ha portato alla creazione di un prototipo e poi alla vera e propria produzione? Ora però non sai come commercializzare il tutto su larga scala? Amazon Launchpad arriva finalmente anche in Italia proprio per risolvere questo problema.
Grazie a questo servizio, le startup italiane hanno a disposizione un modo semplice per accedere ai servizi Amazon (compreso il rinomato Customer Service), pagine prodotto personalizzate, un pacchetto completo di soluzioni di marketing e l’accesso alla rete di distribuzione globale del colosso americano.
Grazie a tutto ciò sarà possibile raggiungere un numero enorme di potenziali clienti, compresi gli oltre 100 milioni di iscritti al programma Prime in tutto il mondo.

Le aziende italiane già attive su Launchpad

Nel nostro Paese Amazon ha attivato delle collaborazioni con oltre 10 piattaforme di crowdfunding, incubatori, acceleratori e società di venture capital per portare i prodotti delle startup ai clienti di Amazon.

Ecco perché i servizi di Amazon possono aiutare le startup ad accelerare il business:

  • Sviluppo del brand: grazie alle pagine personalizzate i produttori possono mettere in evidenza i pregi dei propri prodotti con tanto di foto e video e raccontare la propria storia.
  • Customer Reach: Amazon è regina per quel che riguarda gli strumenti di marketing. Per esempio, le attività promozionali e i consigli personalizzati possono donare una grande visibilità alle startup.
  • Distribuzione a livello mondiale: l’accesso alla rete globale dei centri di distribuzione di Amazon, alla spedizione rapida di Amazon Prime e al servizio clienti è un plus non indifferente per una startup.
  • Espansione globale: sono ben 9 i marketplace di Amazon raggiungibili (Italia, Spagna, Germania, UK, Francia, USA, Canada, Messico e India). Insomma, un mercato davvero globale.

Amazon ha segnalato alcune delle startup italiane che hanno già aderito a Launchpad. Nell’elenco troviamo le aziende più disparate: andiamo da chi ha inventato un caricabatterie per smartphone per ricevere carica in mobilità da un altro smartphone o dispositivo elettrico (Powerme) a Linfa e il suo giardino intelligente da interno per coltivare erbe aromatiche.
Gli amanti della cucina, invece, trovano su Launchpad ricevere a domicilio gli ingredienti per realizzare le specialità culinarie raccolte da My Cooking Box e poi bersi un buon caffè con Kamira (moka professionale di alta qualità per preparare il caffè espresso a casa).

Se vuoi sapere come aderire al programma Amazon Launchpad visita l’URL https://www.amazon.it/gp/launchpad/signup


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

[wpdevart_facebook_comment curent_url="http://developers.facebook.com/docs/plugins/comments/" order_type="social" title_text="Facebook Comment" title_text_color="#000000" title_text_font_size="22" title_text_font_famely="monospace" title_text_position="left" width="100%" bg_color="#d4d4d4" animation_effect="random" count_of_comments="7" ]

Articoli

Quanto guadagna un Penetration Tester Certificato?

Redazione

Pubblicato

il

Da una ricerca Infosec i dati medi di quanto può guadagnare un Penetration Tester Certificato.

I dati sono orientati su paesi extra-europei in particolare Stati uniti dove il costo ora/lavoro è assai più flessibile e dimensionalmente più grande di una paese come L’italia ,la 3 nazione a livello mondiale a ricevere più attacchi hacker annualmente.

Chi assume un Certified Penetration Tester (CPT)? 

Un penetration tester può essere assunto da agenzie di sicurezza informatica e società IT. Assumendo un penetration tester certificato, le aziende IT possono fare il primo passo verso la prevenzione degli attacchi informatici.

Il corso di certificazione CPT prepara un potenziale tester di penetrazione per identificare e analizzare attacchi ai protocolli di rete, metodologie di test di penetrazione, identificazione delle vulnerabilità, ricognizione della rete, exploit di Windows, rootkit, exploit Unix/Linux, vulnerabilità delle applicazioni Web e difetti di sicurezza wireless.

Lo stipendio medio per un professionista con certificazione CPT varia in base alla designazione o al ruolo lavorativo. Lo stipendio medio di un tester certificato CPT è di $ 84.690 + Bonus. Per Un tester con 10 anni di esperienza circa $ 119.328.

 

Stipendio Medio in Italia?

Gli stipendi per i penetration tester laureati sono compresi tra €20.500 e €30.500. Con esperienza si può guadagnare tra €40.500 e €65.500, salendo a €70.500 per ruoli senior e di team leader.

 

 

 

Continua a Leggere

News

42.000 domini di phishing mascherati da marchi popolari

Redazione

Pubblicato

il

Ricercatori di Cyjax hanno notato che hacker hanno collegamenti con la Cina e sono attivi dal 2017. Finora sono stati identificati come il gruppo Fangxiao, hanno falsificato oltre 400 marchi del settore bancario, della vendita al dettaglio, dei viaggi, dei trasporti, farmaceutico, dell’energia e settori della finanza.

Il gruppo gestisce una vasta rete comprendente 42.000 domini utilizzati per impersonare marchi famosi. La loro ultima campagna mira a generare entrate dagli utenti che pagano per il traffico. Almeno 24.000 domini di rilevamento/atterraggio sono stati utilizzati dagli aggressori per promuovere questa truffa da marzo 2022.

Secondo quanto riferito, il gruppo ha utilizzato 300 nuovi domini di marca in un giorno di ottobre. I ricercatori sono stati in grado di identificare l’hacker dietro questa campagna di truffa dopo la de-anonimizzazione del dominio, l’aggiramento della sicurezza di Cloudflare e la scoperta dell’indirizzo IP.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Cybersecurity

Nuove minacce Hacker, AXLocker, Octocrypt e Alice Ransomware

Redazione

Pubblicato

il

Cyble Research and Intelligence Labs ha scoperto tre nuove famiglie di ransomware che crittografano i documenti della vittima e consentono a Discord ATO (acquisizione dell’account) di rubare dati.

Le tre varianti includono AXLocker, Octocrypt e Alice Ransomware. Vale la pena notare che Discord è relativamente popolare tra le comunità crittografiche e gaming.

 

Ne post sul blog , i ricercatori di Cyble hanno confermano che le organizzazioni dovrebbero migliorare la loro scansione per i primi segnali di allarme di nuove varianti e credenziali compromesse per contrastare potenziali attacchi.

Le aziende devono stare al passo con le tecniche di attacco utilizzate da hacker per prendere di mira i propri sistemi. Questo è possibile solo attraverso l’implementazione di best practice di sicurezza e controlli di sicurezza avanzati.


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

News

500 milioni di account WhatsApp venduti online, 35 milioni sono italiani

Redazione

Pubblicato

il

Un hacker afferma di vendere i numeri di cellulare di 487 milioni di utenti WhatsApp su un popolare forum della comunità di hacker alternativo a Raidforum.

Il database del 2022 contiene i dati degli utenti di WhatsApp di 84 paesi con l’Egitto che ha la fetta più grande di numeri di telefono rubati (45 milioni), l’Italia con 35 milioni e gli Stati Uniti con 32 milioni.

L’elenco completo dei paesi è incluso nel rapporto originale di Cybernews che contiene anche la quantità esatta di numeri in vendita. Secondo l’hacker sono disposti a vendere il set di dati degli Stati Uniti per $ 7000, quello del Regno Unito per $ 2500 e quello tedesco per $ 2000.

Continua a Leggere

Cybersecurity

Bypassa la Lockscreen di Android e guadagna 70.000 $

Redazione

Pubblicato

il

David Schütz ha trovato trovato un modo per aggirare la schermata di blocco sui suoi smartphone Google Pixel 6 e Pixel 5 completamente patchati, consentendo a chiunque abbia accesso fisico al dispositivo di sbloccarlo. Google ha risolto il problema di sicurezza sull’ultimo aggiornamento di Android rilasciato la scorsa settimana.

I dispositivi Android richiedono sempre una password o una sequenza di blocco della schermata al riavvio per motivi di sicurezza, quindi passare direttamente allo sblocco delle impronte digitali non era normale.

Il ricercatore ha continuato a sperimentare e quando ha provato a riprodurre il bug senza riavviare il dispositivo, ha pensato che fosse possibile andare direttamente alla schermata principale (bypassando anche l’impronta digitale), a patto che il dispositivo fosse stato sbloccato dal proprietario almeno una volta.

Google infine  ha assegnato al ricercatore 70.000 dollari per la sua scoperta.

Gli utenti di Android 10, 11, 12 e 13 possono correggere questo difetto applicando l’aggiornamento della sicurezza del 7 novembre 2022.

Continua a Leggere

Cybersecurity

Sito Parlamento europeo down: probabile attacco hacker russo

Redazione

Pubblicato

il

Il sito del Parlamento Europeo da fonti repubblica pare sia sotto attacco probabilmente da hacker filo russi.

Il sito del Parlamento europeo, così come la connessione wifi in tutta la sede di Strasburgo, è rimasto fuori uso per diverso tempo. Sul web circolano le rivendicazioni di un attacco hacker da parte di Anonymous Russia e Killnet. In diversi Paesi il sito del Parlamento europeo risulta ancora inaccessibile.

 


Hai trovato questo articolo interessante? Seguici su Facebook , Twitter, Mastodon

Continua a Leggere

Cybersecurity

Attacco infomatico alla CVA – Compagnia Valdostana delle Acque

Redazione

Pubblicato

il

La Compagnia Valdostana delle Acque ha subito un attacco hacker. A darne notizia è la stessa società: «Nei giorni scorsi, sui sistemi informatici di C.V.A. S.p.A. a s.u. sono stati rilevati elementi che possono essere ricondotti ad un attacco doloso proveniente da fonti esterne», spiega CVA annunciando che «sono immediatamente state prese contromisure finalizzate ad arginare e contrastare l’attacco informatico».

La società sta ora valutando gli effetti del tentativo di hackeraggio e ha già allertato la polizia, il Garante della privacy nonché la Regione e il socio unico Finaosta.

Uno degli effetti dell’attacco hacker ai sistemi è la decisione a scopo di precauzione di sospendere lo smart working per i dipendenti.

fonte: www.aostaoggi.it

Continua a Leggere

In Edicola & Digitale


267 – Dal 22 Novembre 2022!

Forum

Trending