Connect with us

News

Riscatto di 20.000$ in Bitcoin per non far esplodere una bomba

Avatar

Pubblicato

il

Il governo degli Stati Uniti ha confermato l’esistenza di e-mail di minacce di bomba che richiedono bitcoin dalle organizzazioni e ha suggerito passi da compiere.

Il National Cybersecurity and Communications Integration Center (NCCIC), parte della Cybersecurity and Infrastructure Agency, ha annunciato giovedì di essere a conoscenza di tale campagna email in tutto il mondo.

“Le e-mail affermano che un dispositivo esploderà a meno che non venga pagato un riscatto in bitcoin”, ha detto il NCCIC.

Ci sono stati diversi resoconti dei media che affermano che i truffatori stanno chiedendo un forte riscatto con la linea tematica, “Ti consiglio di non chiamare la polizia”.

L’e-mail riportava:

“Il mio uomo ha portato una bomba nell’edificio in cui si trova la tua azienda. … Posso ritirare il mio mercenario se paghi. Mi paghi 20.000 $ in Bitcoin e la bomba non esploderà, ma non cercare di imbrogliare – ti garantisco che ritirerò il mio mercenario solo dopo 3 conferme nella rete blockchain “.

Alcuni utenti di Twitter anche postato screengrabs di minacciosi messaggi di posta elettronica, tra cui alcuni individui.

Il NCCIC ha avvisato i cittadini che, se ricevono una delle e-mail di bomba, non devono cercare di contattare il mittente o pagare il riscatto. L’agenzia ha anche chiesto alle persone di segnalare le e-mail all’FBI’s Internet Crime Complaint Center o ad un ufficio locale dell’FBI.

Il sindaco di Washington, DC, Muriel Bowser ha anche rilasciato una dichiarazione ufficiale che conferma che è stata informata dal Dipartimento di polizia metropolitano (MPD) sulle indagini in corso sulle varie minacce di attentati a livello nazionale, tra cui la DC.

“Ognuna delle minacce è stata ricevuta via e-mail, richiedendo il riscatto bitcoin, ma non sappiamo che qualcuno abbia rispettato le richieste di transazione”, ha detto.

Bowser ha aggiunto:

“MPD sta indagando su queste minacce con i nostri partner federali incaricati dell’applicazione della legge. Questo è un problema che viene segnalato in altre città a livello nazionale e non è considerato credibile in questo momento. Se si riceve una minaccia o si osservano attività sospette, si prega di chiamare il 911. “

Anche le agenzie governative australiane e neozelandesi stanno indagando sulle e-mail di minacce da bombe bitcoin ricevute da alcuni residenti, come confermato dai funzionari della cibersicurezza a Reuters .

Facebook Comment

Newsletter

In Edicola


235 – Dal 10 Agosto 2019!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA