Connect with us

News

Riscatto di 20.000$ in Bitcoin per non far esplodere una bomba

Avatar

Pubblicato

il

Il governo degli Stati Uniti ha confermato l’esistenza di e-mail di minacce di bomba che richiedono bitcoin dalle organizzazioni e ha suggerito passi da compiere.

Il National Cybersecurity and Communications Integration Center (NCCIC), parte della Cybersecurity and Infrastructure Agency, ha annunciato giovedì di essere a conoscenza di tale campagna email in tutto il mondo.

“Le e-mail affermano che un dispositivo esploderà a meno che non venga pagato un riscatto in bitcoin”, ha detto il NCCIC.

Ci sono stati diversi resoconti dei media che affermano che i truffatori stanno chiedendo un forte riscatto con la linea tematica, “Ti consiglio di non chiamare la polizia”.

L’e-mail riportava:

“Il mio uomo ha portato una bomba nell’edificio in cui si trova la tua azienda. … Posso ritirare il mio mercenario se paghi. Mi paghi 20.000 $ in Bitcoin e la bomba non esploderà, ma non cercare di imbrogliare – ti garantisco che ritirerò il mio mercenario solo dopo 3 conferme nella rete blockchain “.

Alcuni utenti di Twitter anche postato screengrabs di minacciosi messaggi di posta elettronica, tra cui alcuni individui.

Il NCCIC ha avvisato i cittadini che, se ricevono una delle e-mail di bomba, non devono cercare di contattare il mittente o pagare il riscatto. L’agenzia ha anche chiesto alle persone di segnalare le e-mail all’FBI’s Internet Crime Complaint Center o ad un ufficio locale dell’FBI.

Il sindaco di Washington, DC, Muriel Bowser ha anche rilasciato una dichiarazione ufficiale che conferma che è stata informata dal Dipartimento di polizia metropolitano (MPD) sulle indagini in corso sulle varie minacce di attentati a livello nazionale, tra cui la DC.

“Ognuna delle minacce è stata ricevuta via e-mail, richiedendo il riscatto bitcoin, ma non sappiamo che qualcuno abbia rispettato le richieste di transazione”, ha detto.

Bowser ha aggiunto:

“MPD sta indagando su queste minacce con i nostri partner federali incaricati dell’applicazione della legge. Questo è un problema che viene segnalato in altre città a livello nazionale e non è considerato credibile in questo momento. Se si riceve una minaccia o si osservano attività sospette, si prega di chiamare il 911. “

Anche le agenzie governative australiane e neozelandesi stanno indagando sulle e-mail di minacce da bombe bitcoin ricevute da alcuni residenti, come confermato dai funzionari della cibersicurezza a Reuters .

Facebook Comment

News

Rilasciato il decrypter gratuito del REvil ransomware

Redazione

Pubblicato

il

È stato rilasciato il master decryptor gratuito relativo al ransomware REvil, che consente di recuperare i propri file gratuitamente.

Il master decryptor REvil è stato creato dalla società di sicurezza informatica Bitdefender in collaborazione con un partner fidato delle forze dell’ordine.

E ‘ possibile  scaricare il decryptor da Bitdefender ( istruzioni ) e decrittografare interi computer contemporaneamente o specificare cartelle.

Continua a Leggere

News

Anonymous attacca l’hosting provider EPIK

Redazione

Pubblicato

il

Torna a farsi sentire il gruppo Anonymous con un attacco verso Il registrar di domini americano e servizio di web hosting Epik noto per lavorare con contenuti di estrema destra, neonazisti e altri estremisti.

“Beh, dopo anni passati a sostenere la peggior spazzatura che Internet ha da offrire, questo è davvero il momento Epik che tutti stavamo aspettando”, in una nota del  “comunicato stampa” su 4Chan, riportato per la prima volta da Steven Monacelli .

Il gruppo conferma di avere tutta la cronologia degli acquisti del dominio di Epik, i trasferimenti di dominio, le informazioni Whois , le modifiche DNS, gli inoltri e-mail, la cronologia dei pagamenti (ma non i dati della carta di credito), le credenziali dell’account (per i clienti Epik, l’hosting e Anonymize VPN) e dati dai sistemi e dai server interni di Epik.

Continua a Leggere

News

Attacco ransomware Ospedale San Giovanni, chiesto riscatto

Redazione

Pubblicato

il

Gli hacker che alla mezzanotte di domenica scorsa hanno mandato in panne 1500 postazioni e 300 server dell’ospedale San Giovanni Addolorata si muovono secondo un copione già visto in occasione dell’intrusione nel sistema informatico della Regione Lazio.

E la procura, come di consueto, agisce di conseguenza. Gli uomini guidati dal procuratore Michele Prestipino e dall’aggiunto Antonello Racanelli hanno aperto un fascicolo dopo aver ricevuto l’informativa dalla polizia postale. Le ipotesi di reato sono due: “accesso abusivo al sistema informatico e tentata estorsione”.

Infatti la richiesta di denaro non è tardata ad arrivare: “I tuoi file sono crittografati. Non preoccuparti, puoi riavere tutti i tuoi file. Se vuoi ripristinarli, scrivi alla mail”, si legge nel testo scritto il lingua inglese. Nel frattempo i server dell’azienda ospedaliera sono ancora bloccati, le prenotazioni sono possibili tramite il sistema Recup della Regione, la presa in carico dei pazienti in pronto soccorso è garantita, ma gli appuntamenti programmati e differibili vengono posticipati.

Fonte: repubblica.it

Continua a Leggere

News

Beacon Linux Cobalt Strike utilizzato per attacchi hacker

Redazione

Pubblicato

il

Una versione non ufficiale di Cobalt Strike Beacon Linux realizzata da hacker è stata individuata dai ricercatori di sicurezza per essere stata utilizzata attivamente in attacchi rivolti alle organizzazioni di tutto il mondo.

Cobalt Strike  è uno strumento di test di penetrazione legittimo progettato come framework di attacco per i team security . Nel tempo, copie craccate di Cobalt Strike sono state condivise, diventando uno degli strumenti più comuni utilizzati negli attacchi informatici che portano al furto di dati e al ransomware. Tuttavia, Cobalt Strike ha sempre avuto un punto debole: supporta solo i dispositivi Windows e non include i beacon Linux.

In un nuovo rapporto della società di sicurezza Intezer , i ricercatori spiegano come hacker abbiano creato i loro beacon Linux compatibili con Cobalt Strike. Utilizzando questi beacon, gli autori delle minacce possono ora ottenere l’esecuzione di comandi remoti su macchine Windows e Linux.

Continua a Leggere

News

Apple risolve zero-day iOS utilizzato per distribuire lo spyware NSO

Redazione

Pubblicato

il

Apple ha rilasciato aggiornamenti di sicurezza per correggere due vulnerabilità zero-day che sono state sfruttate per attaccare iPhone e Mac. Uno è noto per essere utilizzato per installare lo spyware Pegasus su iPhone.

Le vulnerabilità vengono tracciate come CVE-2021-30860 e CVE-2021-30858 ed entrambi consentono ai documenti creati in modo dannoso di eseguire comandi quando vengono aperti su dispositivi vulnerabili.

“Apple è a conoscenza di un rapporto secondo cui questo problema potrebbe essere stato attivamente sfruttato”, ha affermato la società negli  avvisi di sicurezza.

Continua a Leggere

News

Ransomware BlackMatter colpisce il gigante della tecnologia medica Olympus

Redazione

Pubblicato

il

Olympus, un’azienda leader nel settore della tecnologia medica, sta indagando su un “potenziale incidente di sicurezza informatica” che ha avuto un impatto su alcuni dei suoi sistemi IT EMEA (Europa, Medio Oriente, Africa) la scorsa settimana.

Olympus ha più di 31.000 dipendenti in tutto il mondo e oltre 100 anni di storia in sviluppo per i settori medico, delle scienze della vita e delle apparecchiature industriali.

“Olympus sta attualmente indagando su un potenziale incidente di sicurezza informatica che interessa aree limitate dei suoi sistemi IT EMEA (Europa, Medio Oriente, Africa) l’8 settembre 2021”,  la società in una dichiarazione pubblicata sabato, tre giorni dopo l’attacco.

Continua a Leggere

News

Attacco Hacker colpito l’Ospedale San Giovanni di Roma

Redazione

Pubblicato

il

Dalle prime informazioni che si ricavano dalla rete dovrebbe essere un attacco informatico simile a quello che a luglio ha colpito la Regione Lazio anche all’azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata.

Nel pomeriggio di lunedì è scattato l’allarme per l’intrusione di un virus che avrebbe creato gravi danni all’attività della struttura, una delle più importanti della Capitale, almeno a quella gestita dai computer e dalla rete. Sono in corso accertamenti per capire la natura dell’attacco hacker che non è chiaro se si sia sviluppato nelle ore scorse. Al vaglio i sistemi informatici per capire la portata dell’evento oltre a trovare collegamenti con quanto accaduto alla Regione.

fonte: www.ilriformista.it

Continua a Leggere

In Edicola & Digitale


255 – Dal 5 Agosto 2021!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA & DIGITALE