Connect with us

Tecnologia

Huawei P Smart 2019, prezzo aggressivo e caratteristiche di tutto rilievo

Avatar

Pubblicato

il

Il nuovo Huawei P Smart 2019

Il nuovo smartphone Huawei P Smart 2019 è dotato di un ampio display, di un’ottima CPU e di una doppia fotocamera potenziata dall’Intelligenza Artificiale.

Huawei ha chiuso il 2018 con grandi risultati economici e modelli che hanno raggiunto incredibili dati di vendita. Tra questi troviamo il P Smart, tanto da convincere la dirigenza dell’azienda cinese a produrne un modello aggiornato e potenziato per il 2019.

Il notch a goccia è poco invasivo, ma non piace a tutti

Il notch a goccia è poco invasivo, ma non piace a tutti

Il nuovo smartphone ha un display di tipo Dewdrop (cioè con il notch a goccia) da 6.21” edge to edge (con proporzioni 19.5:9). Oltre al notch poco invasivo, che racchiude la fotocamera frontale (da 8 MegaPixel, apertura f/2.0 e riconoscimento di 8 scenari), notiamo la scomparsa della mascherina inferiore e delle cornici laterali.
La risoluzione del display LCD è FHD+ (2.340 x 1.080 pixel, 415 ppi) e lo schermo supporta l’85% della gamma colore NTSC, rende l’esperienza visiva molto piacevole. Inoltre è presente la nuova modalità Eye Comfort certificata TÜV Rheinland (organismo di certificazione leader a livello internazionale), in grado di filtrare le luci blu ad alta energia e alleviare l’affaticamento degli occhi.

Le fotocamere posteriori

Come da tradizione, il comparto fotografico dei modelli Huawei è di tutto rilievo. Oltre alla già citata fotocamera anteriore, nella parte posteriore di Huawei P Smart 2019 troviamo una fotocamera principale da 13 MP e una secondaria da 2 MP. Quella principale ha un obiettivo con apertura f/1.8 e apertura virtuale f/0,95-16, mentre quella secondaria ha la funzione di raccogliere informazioni sulla profondità del soggetto per consentire la creazione di ottimi effetti bokeh. L’Intelligenza Artificiale ci mette lo zampino in background, riconoscendo oltre 500 scenari e ottimizzando gli scatti in tempo reale.
Anche le foto notturne sono di ottima qualità, luminose e con tanti dettagli, grazie all’AI Image Stabilization e all’obiettivo ad ampia apertura.

Primo contatto con P Smart 2019

L’ergonomia dello Huawei P Smart 2019 ci sembra davvero buona

CPU, sistema operativo e autonomia

La CPU Huawei Kirin 710 non è evoluta come quella presente nei modelli di punta, ma è comunque un Octa-Core (4 x Cortex-A73 a 2.2GHz + 4 x Cortex-A53 a 1.7 GHz, processo produttivo a 12nm dotata di Intelligenza Artificiale integrata) in grado di soddisfare ogni esigenza dell’utente assicurando una risposta del sistema fluida e scattante, prestazioni più che soddisfacenti anche con i videogiochi e un’eccellente efficienza energetica. La CPU è affiancata da una memoria interna di 3 GB (mentre lo storage è di 64 GB, di cui circa 56 GB liberi, espandibili tramite microSD).

Il sistema operativo del P Smart 2019 è Android 9 con la versione 9.0 della EMUI, l’interfaccia personalizzata di Huawei ottimizzata per migliorare l’utilizzo della CPU. Troviamo anche la GPU Turbo 2.0, la soluzione di elaborazione grafica basata sull’AI di Huawei che migliora decisamente l’efficienza energetica della GPU e offre prestazioni fino al 30% superiori. L’autonomia della batteria da3.400 mAh dichiatata dal produttore consente di arrivare a un massimo di 10 ore di navigazione su reti 4G, 18 ore di riproduzione video e un’eccezionale riproduzione musicale continua di 96 ore.

Connessioni, sensori, porte e altro ancora…

Il nuovo P Smart è disponibile in tre colorazioni, Midnight Black, Aurora Blue e Sapphire Blue e ha un design decisamente ergonomico. Il design curvo 3D assieme al retro lucido in ceramica conferisce al dispositivo un aspetto elegante e una sensazione confortevole al tatto. Il peso del telefono è di circa 160 g.

Lo smartphone è dual sim 4G LTE, supporta Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 4.2, NFC e integra un jack audio 3,5mm. Sul retro del device trovate il sensore di impronte (multifunzione) e il telefono supporta diverse tecnologie, come il riconoscimento facciale, le gesture e HiVision.

Il prezzo (e la promo di lancio)

Il prezzo consigliato al pubblico dello Huawei P Smart 2019 (che è già in vendita) è di 249,00 €. Inoltre, acquistando il nuovo smartphone dal 10 gennaio al 10 febbraio, è possibile ottenere gratuitamente lo speaker Bluetooth Huawei Soundstone (previa registrazione su huaweipromo.it).

Ma non basta: se il vostro smartphone precedente era sempre uno Huawei, potrete usufruire di un ulteriore codice promozionale per Huawei Video (servizio di streaming che offre un’ampia selezione di contenuti internazionali, europei ed italiani), del valore commerciale fino a € 50. Per partecipare, è necessario registrarsi sull’apposito form, attivo dalle 00.00 del 10.01.2019, al link https://www.huaweipromo.it/promo/psmart2019/home.

 


Hai trovato questo articolo interessante? Segui Hackerjournal su Facebook , Twitter

[wpdevart_facebook_comment curent_url="http://developers.facebook.com/docs/plugins/comments/" order_type="social" title_text="Facebook Comment" title_text_color="#000000" title_text_font_size="22" title_text_font_famely="monospace" title_text_position="left" width="100%" bg_color="#d4d4d4" animation_effect="random" count_of_comments="7" ]

News

Hacker buca la sicurezza delle auto Tesla e ne prende il controllo

Redazione

Pubblicato

il

Il diciannovenne David Colombo ha affermato nelle ultime ore di avere scovato una vulnerabilità che gli consente di ottenere il pieno controllo di oltre 25 Tesla situate in tredici Paesi diversi, all’insaputa dei loro proprietari.

Non solo, ma egli ha affermato di “poter disabilitare la Sentry Mode, avviare la guida senza chiave, aprire porte e finestrini, ottenere la posizione esatta, capire se c’è un conducente in macchina e riprodurre musica da remoto a tutto volume”. L’unica cosa che non può fare, per fortuna, è controllare acceleratore, sterzo e freno.

Colombo, che ha reso pubblica la conoscenza di queste falle di sicurezza tramite Twitter, ha poi confermato che Tesla lo ha contattato e che il team di sicurezza sta indagando sul problema.

fonte: everyeye.it


Hai trovato questo articolo interessante? Segui Hackerjournal su Facebook , Twitter

Continua a Leggere

News

Apple risolve il bug di DoorLock che può disabilitare iPhone e iPad

Redazione

Pubblicato

il

Apple ha rilasciato aggiornamenti di sicurezza per affrontare un attacco Denial of Service (DoS) soprannominato DoorLock che disabiliterebbe del tutto iPhone e iPad con HomeKit su iOS 14.7 e versioni successive.

HomeKit è un protocollo e un framework Apple che consente agli utenti iOS e iPadOS di scoprire e controllare gli elettrodomestici intelligenti sulla propria rete.

Come spiegato dalla società in un avviso di sicurezza pubblicato oggi, la vulnerabilità doorLock rilevata come CVE-2022-22588 si arresterà in modo anomalo sui dispositivi iOS e iPadOS interessati durante l’elaborazione di nomi di accessori HomeKit dannosi.


Hai trovato questo articolo interessante? Segui Hackerjournal su Facebook , Twitter

Continua a Leggere

News

CISA avverte di rafforzare le difese contro potenziali minacce

Redazione

Pubblicato

il

La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) ha avvertito oggi le organizzazioni di infrastrutture critiche di rafforzare le loro difese di sicurezza informatica contro minacce potenziali e in corso.

L’agenzia federale ha anche emesso linee guida per aiutare i dirigenti e i leader senior a rafforzare in modo proattivo la resilienza delle loro organizzazioni contro le minacce derivanti da attività dannose coordinate da attori delle minacce sponsorizzati dallo stato-nazione e dai loro delegati.

“In vista delle festività e alla luce delle minacce informatiche persistenti e in corso, CISA esorta i proprietari e gli operatori di infrastrutture critiche ad adottare misure immediate per rafforzare le difese della propria rete informatica contro potenziali attacchi informatici dannosi”, in una nota l’agenzia di sicurezza informatica [ PDF ].


Hai trovato questo articolo interessante? Segui Hackerjournal su Facebook , Twitter

Continua a Leggere

News

Ubuntu: Un bug di AccountsService consente l’accesso root

Redazione

Pubblicato

il

Una vulnerabilità di sicurezza dell’escalation dei privilegi locali potrebbe consentire ad hacker l’accesso root sui sistemi Ubuntu sfruttando un bug di corruzione della memoria double-free nel componente AccountsService di GNOME.

AccountsService  è un servizio D-Bus che aiuta a manipolare e interrogare le informazioni allegate agli account utente disponibili su un dispositivo.

Il bug di gestione della memoria tracciato come  CVE-2021-3939 è stato individuato dal ricercatore di sicurezza di GitHub Kevin Backhouse.


Hai trovato questo articolo interessante? Segui Hackerjournal su Facebook , Twitter

Continua a Leggere

News

Rilasciato Kali Linux 2021.4, miglioramenti e nuove funzionalità

Redazione

Pubblicato

il

In questa nuova versione di Kali Linux 2021.4 il client Samba è stato riconfigurato per essere compatibile con qualsiasi server Samba , indipendentemente dall’opzione di protocollo selezionata sul server, che facilita la ricerca di server Samba vulnerabili sulla rete e anche la modalità Compatibilità può essere modificato utilizzando l’utility kali-tweaks.

Un altro cambiamento che si distingue è che in kali-tweaks, nella configurazione mirror, viene fornita la capacità di accelerare la consegna degli aggiornamenti utilizzando la rete di distribuzione dei contenuti CloudFlare.

In Xfce, il layout del pannello è ottimizzato per conservare lo spazio sullo schermo orizzontale, sono stati aggiunti widget al pannello per monitorare il carico della CPU e visualizzare i parametri VPN, inoltre implementa una modalità più compatta nel manager task , in cui vengono visualizzate solo le icone delle applicazioni visualizzato. Durante la navigazione nel contenuto dei desktop virtuali, vengono visualizzati solo i pulsanti anziché le miniature.

Migliorato il supporto per i sistemi Apple basati sul chip ARM M1.Possibilità di cambiare skin e set di icone per Le utility Kaboxer  , inclusa la possibilità di utilizzare un tema scuro.

 ISO completa sul sito ufficiale  della distribuzione.

 


Hai trovato questo articolo interessante? Segui Hackerjournal su Facebook , Twitter

Continua a Leggere

News

Vacanze di Natale: Possibile Aumento attacchi hacker

Redazione

Pubblicato

il

È un momento in cui molti pensano alle loro famiglie ,ai loro cari e ai regali. Tuttavia, mentre molti desiderano passare ore spensierate durante le festività natalizie, spesso questo è il momento in cui gli hacker pianificano i loro attacchi più distruttivi.

Qualsiasi momento dell’anno in cui le aziende potrebbero essere meno preparate a respingere un attacco informatico è un’opportunità per avviare una campagna hacking. Di conseguenza, le vacanze mettono la tua azienda a maggior rischio di attacchi informatici.

Inoltre, gli uffici IT e i team SecOps potrebbero essere a corto di personale, creando una situazione di maggiore rischio per i dati business-critical con risorse potenzialmente inferiori per aiutare a mitigare i rischi e le violazioni.

All’inizio di quest’anno, l’FBI e la Cybersecurity & Infrastructure Security Agency hanno pubblicato un avviso generale per una maggiore vigilanza sugli attacchi ransomware durante le vacanze. Puoi leggere l’avviso qui: Ransomware vacanze e fine settimana | CISA .

Il Federal Bureau of Investigation (FBI) e la Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) hanno osservato un aumento degli attacchi ransomware ad alto impatto che si verificano nei giorni festivi e nei fine settimana, quando gli uffici sono normalmente chiusi.”


Hai trovato questo articolo interessante? Segui Hackerjournal su Facebook , Twitter

Continua a Leggere

News

Vulnerabilità critica RCE nel modulo TIPC del kernel Linux

Redazione

Pubblicato

il

Ricercatori hanno rivelato un difetto di sicurezza nel modulo TIPC (Transparent Inter Process Communication ) del kernel Linux che potrebbe essere potenzialmente sfruttato sia a livello locale che remoto per eseguire codice arbitrario all’interno del kernel e prendere il controllo di macchine vulnerabili.

Tracciata come CVE-2021-43267 (punteggio CVSS: 9,8), la vulnerabilità dell’heap overflow “può essere sfruttata localmente o in remoto all’interno di una rete per ottenere i privilegi del kernel e consentirebbe a un utente malintenzionato di compromettere l’intero sistema”, ha affermato la società di sicurezza informatica SentinelOne in un rapporto pubblicato.


Hai trovato questo articolo interessante? Segui Hackerjournal su Facebook , Twitter

Continua a Leggere

In Edicola & Digitale


258 – Dal 24 Dicembre 2021!

Forum

Trending