Connect with us

Tecnologia

Huawei P Smart 2019, prezzo aggressivo e caratteristiche di tutto rilievo

Avatar

Pubblicato

il

Il nuovo Huawei P Smart 2019

Il nuovo smartphone Huawei P Smart 2019 è dotato di un ampio display, di un’ottima CPU e di una doppia fotocamera potenziata dall’Intelligenza Artificiale.

Huawei ha chiuso il 2018 con grandi risultati economici e modelli che hanno raggiunto incredibili dati di vendita. Tra questi troviamo il P Smart, tanto da convincere la dirigenza dell’azienda cinese a produrne un modello aggiornato e potenziato per il 2019.

Il notch a goccia è poco invasivo, ma non piace a tutti

Il notch a goccia è poco invasivo, ma non piace a tutti

Il nuovo smartphone ha un display di tipo Dewdrop (cioè con il notch a goccia) da 6.21” edge to edge (con proporzioni 19.5:9). Oltre al notch poco invasivo, che racchiude la fotocamera frontale (da 8 MegaPixel, apertura f/2.0 e riconoscimento di 8 scenari), notiamo la scomparsa della mascherina inferiore e delle cornici laterali.
La risoluzione del display LCD è FHD+ (2.340 x 1.080 pixel, 415 ppi) e lo schermo supporta l’85% della gamma colore NTSC, rende l’esperienza visiva molto piacevole. Inoltre è presente la nuova modalità Eye Comfort certificata TÜV Rheinland (organismo di certificazione leader a livello internazionale), in grado di filtrare le luci blu ad alta energia e alleviare l’affaticamento degli occhi.

Le fotocamere posteriori

Come da tradizione, il comparto fotografico dei modelli Huawei è di tutto rilievo. Oltre alla già citata fotocamera anteriore, nella parte posteriore di Huawei P Smart 2019 troviamo una fotocamera principale da 13 MP e una secondaria da 2 MP. Quella principale ha un obiettivo con apertura f/1.8 e apertura virtuale f/0,95-16, mentre quella secondaria ha la funzione di raccogliere informazioni sulla profondità del soggetto per consentire la creazione di ottimi effetti bokeh. L’Intelligenza Artificiale ci mette lo zampino in background, riconoscendo oltre 500 scenari e ottimizzando gli scatti in tempo reale.
Anche le foto notturne sono di ottima qualità, luminose e con tanti dettagli, grazie all’AI Image Stabilization e all’obiettivo ad ampia apertura.

Primo contatto con P Smart 2019

L’ergonomia dello Huawei P Smart 2019 ci sembra davvero buona

CPU, sistema operativo e autonomia

La CPU Huawei Kirin 710 non è evoluta come quella presente nei modelli di punta, ma è comunque un Octa-Core (4 x Cortex-A73 a 2.2GHz + 4 x Cortex-A53 a 1.7 GHz, processo produttivo a 12nm dotata di Intelligenza Artificiale integrata) in grado di soddisfare ogni esigenza dell’utente assicurando una risposta del sistema fluida e scattante, prestazioni più che soddisfacenti anche con i videogiochi e un’eccellente efficienza energetica. La CPU è affiancata da una memoria interna di 3 GB (mentre lo storage è di 64 GB, di cui circa 56 GB liberi, espandibili tramite microSD).

Il sistema operativo del P Smart 2019 è Android 9 con la versione 9.0 della EMUI, l’interfaccia personalizzata di Huawei ottimizzata per migliorare l’utilizzo della CPU. Troviamo anche la GPU Turbo 2.0, la soluzione di elaborazione grafica basata sull’AI di Huawei che migliora decisamente l’efficienza energetica della GPU e offre prestazioni fino al 30% superiori. L’autonomia della batteria da3.400 mAh dichiatata dal produttore consente di arrivare a un massimo di 10 ore di navigazione su reti 4G, 18 ore di riproduzione video e un’eccezionale riproduzione musicale continua di 96 ore.

Connessioni, sensori, porte e altro ancora…

Il nuovo P Smart è disponibile in tre colorazioni, Midnight Black, Aurora Blue e Sapphire Blue e ha un design decisamente ergonomico. Il design curvo 3D assieme al retro lucido in ceramica conferisce al dispositivo un aspetto elegante e una sensazione confortevole al tatto. Il peso del telefono è di circa 160 g.

Lo smartphone è dual sim 4G LTE, supporta Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 4.2, NFC e integra un jack audio 3,5mm. Sul retro del device trovate il sensore di impronte (multifunzione) e il telefono supporta diverse tecnologie, come il riconoscimento facciale, le gesture e HiVision.

Il prezzo (e la promo di lancio)

Il prezzo consigliato al pubblico dello Huawei P Smart 2019 (che è già in vendita) è di 249,00 €. Inoltre, acquistando il nuovo smartphone dal 10 gennaio al 10 febbraio, è possibile ottenere gratuitamente lo speaker Bluetooth Huawei Soundstone (previa registrazione su huaweipromo.it).

Ma non basta: se il vostro smartphone precedente era sempre uno Huawei, potrete usufruire di un ulteriore codice promozionale per Huawei Video (servizio di streaming che offre un’ampia selezione di contenuti internazionali, europei ed italiani), del valore commerciale fino a € 50. Per partecipare, è necessario registrarsi sull’apposito form, attivo dalle 00.00 del 10.01.2019, al link https://www.huaweipromo.it/promo/psmart2019/home.

 

Facebook Comment

News

Microsoft rilascia Windows Sysmon per Linux

Redazione

Pubblicato

il

Microsoft ha rilasciato una versione Linux della popolarissima utility di monitoraggio del sistema Sysmon per Windows, che consente agli amministratori Linux di monitorare i dispositivi.

Per coloro che non hanno familiarità con Sysmon  (alias System Monitor), è uno strumento Sysinternals che monitora le attività di sistema e registra qualsiasi comportamento rilevato nei file di registro.

La versatilità di Sysmon deriva dalla capacità di creare file di configurazione personalizzati che gli amministratori possono utilizzare per monitorare eventi di sistema specifici che potrebbero indicare attività dannose nel sistema.

Continua a Leggere

News

Gli Stati Uniti uniscono 30 paesi per combattere i ransomware

Redazione

Pubblicato

il

Il Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca ha inaugurato i primi incontri virtuali questa settimana con alti funzionari e ministri di oltre 30 paesi in un evento internazionale virtuale contro la minaccia ransomware

Secondo una scheda informativa  pubblicata dalla Casa Bianca, i pagamenti di ransomware resi pubblici hanno raggiunto oltre 400 milioni di dollari a livello globale nel 2020 e oltre 81 milioni di dollari nel primo trimestre del 2021  .

“L’iniziativa Counter-Ransomware si è riunita nell’arco di due giorni, per delegare gli sforzi per migliorare la resilienza nazionale, alle esperienze nell’affrontare l’uso improprio della valuta virtuale per riciclare i pagamenti del riscatto, i nostri rispettivi sforzi per interrompere e e perseguire i criminali ransomware e la diplomazia come uno strumento per contrastare il ransomware.”

Continua a Leggere

News

Windows 11 rilasciato il 5 Ottobre su dispositivi più recenti

Redazione

Pubblicato

il

Microsoft ha rilasciato oggi 5 Ottobre l’undicesima edizione di Windows per gli utenti di Windows 10.

Windows 11 è la prima versione principale di Windows rilasciata dal 2015, quando è stato rilasciato Windows 10. Come il suo predecessore, Windows 11 sarà un aggiornamento gratuito per gli utenti che utilizzano hardware compatibile ed eseguono una versione recente di Windows.

Per gli utenti di Windows 10 con hardware supportato, potranno eseguire l’aggiornamento direttamente tramite Windows Update o lo strumento di creazione multimediale.

Tuttavia, gli utenti di Windows 7 dovranno eseguire un’installazione pulita utilizzando un’unità  USB avviabile e un’ISO  per eseguire l’aggiornamento a Windows 11.

“L’aggiornamento gratuito a Windows 11 inizia il 5 ottobre e sarà graduale e misurato con particolare attenzione alla qualità. Seguendo gli straordinari insegnamenti di Windows 10, vogliamo assicurarci di offrirti la migliore esperienza possibile”, ha spiegato Microsoft in un post sul blog.

Continua a Leggere

News

Apple Pay : Bug consente di effettuare pagamenti contactless con iPhone bloccati

Redazione

Pubblicato

il

Ricercatori hanno rivelato un bug senza patch su Apple Pay che potrebbe consentire un pagamento Visa non autorizzato con un iPhone bloccato sfruttando la modalità Express Travel impostata nel portafoglio del dispositivo.

Gli esperti della School of Computer Science hanno scoperto un bug nei sistemi Apple e Visa tramite cui gli hacker potrebbero riuscire a bypassare la schermata di blocco di iPhone ed effettuare pagamenti contactless non autorizzati con Apple Pay.

Gli studiosi hanno scoperto che la vulnerabilità  si attiva quando le carte Visa sono impostate in modalità Express Transit, una funzionalità di Apple Pay (non disponibile in Italia) che consente il pagamento tap-and-go ai tornelli senza bisogno di autenticarsi con FaceId o passcode.

“Un utente malintenzionato ha solo bisogno di un iPhone rubato. Le transazioni potrebbero anche essere trasmesse da un iPhone all’interno della borsa di qualcuno, a loro insaputa”, nell’analisi condotta dal gruppo di accademici . “L’attaccante non ha bisogno dell’assistenza del commerciante e i controlli di rilevamento delle frodi di backend non hanno bloccato nessuno dei nostri pagamenti di prova”.

La società Visa ha rilasciato il comunicato che riportiamo:

“Le carte Visa collegate a Apple Pay Express Transit sono sicure e i titolari possono continuare a utilizzarle senza timore. Varianti di frode contactless sono state studiate in ambienti di laboratorio per più di un decennio e si sono dimostrate impraticabili su scala nel mondo reale. Visa considera con la massima serietà tutte le minacce alla sicurezza ed è impegnata costantemente per rafforzare l’affidabilità dei pagamenti in tutto l’ecosistema.”

Continua a Leggere

News

Google Chrome: Aggiornamento di emergenza per correggere due zero-day

Redazione

Pubblicato

il

Google ha rilasciato Chrome 94.0.4606.71 per Windows, Mac e Linux, per correggere due vulnerabilità zero-day attualmente sfruttate dagli hacker.

“Google è consapevole degli exploit attualmente rivelati CVE-2021-37975 e CVE-2021-37976 “, in una nota di Google nell’elenco di bug risolti

Per installare immediatamente l’aggiornamento, gli utenti di Google Chrome possono accedere al menu Chrome  >  Guida  >  Informazioni su Google Chrome e il browser inizierà a eseguire l’aggiornamento.

Continua a Leggere

News

Bug RCE vulnerabilità rivelata in diversi modelli di router Netgear

Redazione

Pubblicato

il

Netgear ha rilasciato patch per porre rimedio a una vulnerabilità di elevata gravità relativa all’esecuzione di codice in modalità remota che colpisce più router e che potrebbe essere sfruttata da aggressori remoti per assumere il controllo di un sistema interessato.

Tracciato come CVE-2021-40847 (punteggio CVSS: 8.1), ha impatto sui seguenti modelli:

  • R6400v2 (fixed in firmware version 1.0.4.120)
  • R6700 (fixed in firmware version 1.0.2.26)
  • R6700v3 (fixed in firmware version 1.0.4.120)
  • R6900 (fixed in firmware version 1.0.2.26)
  • R6900P (fixed in firmware version 3.3.142_HOTFIX)
  • R7000 (fixed in firmware version 1.0.11.128)
  • R7000P (fixed in firmware version 1.3.3.142_HOTFIX)
  • R7850 (fixed in firmware version 1.0.5.76)
  • R7900 (fixed in firmware version 1.0.4.46)
  • R8000 (fixed in firmware version 1.0.4.76)
  • RS400 (fixed in firmware version 1.5.1.80)

Secondo il ricercatore di sicurezza GRIMM Adam Nichols, la vulnerabilità risiede all’interno di Circle , un componente di terze parti incluso nel firmware che offre funzionalità di controllo parentale, con il demone di aggiornamento Circle abilitato per l’esecuzione di default anche se il router non è stato configurato per limitare tempo Internet giornaliero per siti Web e app

Continua a Leggere

News

Come correggere l’errore di stampa di rete di Windows 0x00000011b

Redazione

Pubblicato

il

Un aggiornamento della sicurezza di Windows rilasciato a gennaio sta causando agli utenti di Windows errori 0x00000011b durante la stampa su stampanti di rete.

Nel gennaio 2021, Microsoft ha rilasciato un aggiornamento di sicurezza per correggere una “vulnerabilità di spoofing dello spooler di stampa di Windows” rilevata come CVE-2021-1678 . Tuttavia tale aggiornamento non ha protetto automaticamente i dispositivi dalla vulnerabilità.

Per correggere il problema apri l’editor del registro di Windows e vai alla chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control\Print , crea un nuovo valore DWORD-32 bit denominato RpcAuthnLevelPrivacyEnabled e impostalo su 0 , come mostrato nel file di registro di seguito.

[HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control\Print]
"RpcAuthnLevelPrivacyEnabled"=dword:00000000

 

Continua a Leggere

In Edicola & Digitale


256 – Dal 20 Ottobre 2021!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA & DIGITALE