Connect with us

Articoli

A prova di bomba: OpenBSD

Avatar

Pubblicato

il

OpenBSD

Meglio di Linux per la sicurezza esiste solo OpenBSD

Per essere veramente a prova di bomba un computer deve avere due requisiti: un hardware “pulito”, cioè privo di chip spioni (perché se la cimice è a livello hardware, non c’è niente da fare), e un sistema operativo con gli attributi giusti. Nel mondo degli esperti di sicurezza le distribuzioni GNU/Linux più aggressive e meglio configurate permettono di raggiungere livelli di impenetrabilità che Windows e macOS si sognano.

C’è però un sistema operativo ancora più sicuro, soprattutto quando si impara a pilotarlo a modo: OpenBSD. Niente a che vedere con Ubuntu o simili distro vanilla, dimentichiamo le “install fest” con nuove funzionalità ogni tre mesi. OpenBSD è stabile, sicuro, ogni riga di codice è stata testata quattro volte da gruppi diversi di esperti e la documentazione è la migliore che si possa trovare su qualsiasi sistema operativo.

Una sola comunità

Nel numero 226 di Hacker Journal abbiamo già parlato di UNIX e dei suoi eredi, le Berkeley Software Distribution dell’Università della California, cioè BSD.
A differenza di Linux, che mette assieme un kernel con una serie di strati software eterogenei, le release BSD vengono sviluppate organicamente dalla stessa comunità. Questo permette una maggiore integrazione e un approccio molto più centrato sulla filosofia stessa della distribuzione. Oggi OpenBSD è la scelta di riferimento per firewall, server Web, mail server, fa parte del pacchetto di codice scelto da Microsoft per le estensioni UNIX di Windows 10.

OpenBSD è minimale, non ha una modalità d’installazione a pacchetti semplificata: ci vogliono dieci minuti per installarlo ma bisogna sapere cosa si sta facendo. Infatti OpenBSD richiede che l’utente sappia già tutto e decida passo per passo cosa fare soprattutto nell’ambito della sicurezza.

Perché installarlo

Se abbiamo già configurato un sistema come firewall, un gateway per VPN o IDS (Intrusion Detection System), abbiamo lavorato quasi sicuramente con OpenBSD. E questo è un ottimo motivo per pensare di installarlo sulla nostra macchina e farne uno dei propri sistemi operativi di riferimento, se non il principale.

Ci sono vari scenari di utilizzo di OpenBSD. Se vuoi scoprirli nel dettaglio corri in edicola e acquista Hacker Journal 228 oppure clicca qui.

Ti potrebbe interessare

Ecco come fanno gli hacker a creare domini Web tar... Con i simboli speciali registri indirizzi identici a quelli dei grandi marchi. Un nome di dominio internazionalizzato è un indirizzo di primo livello...
Rompere il Wi-Fi Basta un software installato in una Raspberry Pi o in un normale PC per deautenticare tutte le connessioni wireless nella tua zona. La diffusione del...
VPN sicure? Ah ah ah Il ricercatore italiano di sicurezza Paolo Stagno (VoidSec) ha verificato che circa il 20% dei client appartenenti ai maggiori servizi VPN sono sogget...
Biohacking: carne, sangue e chip Impianti sottocutanei RFID per aprire porte e auto senza chiavi, chip NFC per autenticare i nostri wallet e kit CRISPR per eseguire editing genetici f...
Facebook Comment


Newsletter

In Edicola


Dal 15 FEBBGRAIO 2019!

Facebook

Trending

IN EDICOLA