Connect with us

News

A spasso nel Web con lo smartphone… ma invisibili!

Massimiliano Zagaglia

Published

on

VPN Tor server

Realizza un VPN Tor server per collegarti a Internet da smartphone Android o iOS non sbloccati, senza lasciare tracce.

Gli smartphone sono ormai diventati i dispositivi più usati anche quando vogliamo navigare o eseguire app in maniera anonima sul Web. Se però non abbiamo un iPhone con jailbreak o un Android con i privilegi di root dovremo affidarci a un server Tor locale su di un Virtual Private Server. In questo modo gli unici prerequisiti lato client saranno il supporto per OpenVPN (disponibile gratuitamente negli store) e una connessione internet. Ciò permetterà di utilizzare qualsiasi applicazione che faccia uso della rete Internet sul nostro smartphone o tablet transitando attraverso la rete Tor. La configurazione sul server sarà in transparent proxy, ciò vuol dire che non sarà necessario configurare alcun server proxy dalle impostazioni del nostro smartphone e che tutte le nostre app a cui serva Internet, qualora non abbiano restrizioni che impediscano l’accesso diretto da rete Tor, passeranno da Tor (richieste DNS comprese!) Avremo quindi bisogno di una macchina esposta – quanto più stabilmente possibile – su Internet e di competenze almeno di base in ambito sistemistico su GNU/Linux e networking al fine di riuscire a destreggiarci al meglio durante le configurazioni proposte. Ciò è strettamente necessario poiché delle configurazioni errate o incomprensioni tecniche potrebbero causare malfunzionamenti e instabilità oltre all’incapacità di eseguire, in caso di problemi, un eventuale troubleshooting sul server. Per un utilizzo limitato a un ristretto numero di client basta un VPS senza troppe pretese in termini hardware, un Raspberry andrà bene comunque.

Se vuoi sapere come configurare il server e il client, come si creano i certificati e come usare il client OpenVPN corri in edicola ad acquistare il numero 216 di Hacker Journal oppure vai su http://sprea.it per acquistare la copia digitale

 

Ti potrebbe interessare

Parlamento UE boccia la nuova direttiva sul Copyri... Oggi era previsto il voto per la nuova direttiva sul Copyright che proponeva con due articoli specifici l'11 e 13 di imbavagliare e censurare la rete ...
Certificazione CEH , lavorare come Hacker Etico La Certified Ethical Hacker (CEH), è una certificazione promossa International Council of  Electronic Commerce Consultants, noto come EC...
Olympic Destroyer: il malware è tornato a colpire Il temuto malware Olympic Destroyer che ha interrotto gli ultimi giochi invernali è riemerso, prendendo di mira diversi paesi in Europa, Russia e Ucra...
Hacker sottrae documenti su Droni Americani e li v... E' stato scoperto recentemente  da un gruppo cybersecurity, un hacker che vendeva documenti sensibili dell'aviazione americana su Darknet  tra $ 150 e...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 14 Luglio 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA