Connect with us

Articoli

Internet delle Cose pericolose

Massimiliano Zagaglia

Pubblicato

il

Internet delle Cose... pericolose









La moltiplicazione degli smart object collegati online presenta diversi problemi legati alle debolezze strutturali sul piano della sicurezza.

Con la definizione di “Internet of Things” (IoT) o “Internet delle Cose” si intende l’estensione della Rete allo spazio fisico delle nostre abitazioni o uffici, attraverso il collegamento a oggetti che normalmente non sono connessi alla Rete. Come spesso capita, a parole “difficili” e oscure corrispondono realtà ovvie e magari già operanti nel nostro quotidiano. In ambito privato sotto forma di router, telecamere di sicurezza, videoregistratori digitali (DVR); in ambito lavorativo sotto forma di macchinari.

Ma fra gli smart object, come vengono definiti, non rientrano solo i dispositivi tecnologici appena citati. Impianti per il riscaldamento, attrezzature di ogni genere, persino automobili: quasi tutto ciò che sia in grado di elaborare dati, interagire con l’ambiente e connettersi tramite Internet può rientrare nella categoria. Se le potenzialità tecniche appaiono notevoli, notizie decisamente meno rassicuranti vengono dal fronte della sicurezza.

La sicurezza IoT risente dell’arretratezza culturale, prima che tecnologica. Mentre i “cattivi” studiano tecniche d’attacco sempre più avanzate, tra i “buoni” manca persino la consapevolezza del problema

Se vuoi scoprire quali sono i pericoli reali di questa tecnologia e come difenderti, non perdere Hacker Journal 223 in tutte le edicole oppure online in versione digitale e cartacea!

Ti potrebbe interessare

Superare i firewall Nemmeno la micidiale “barriera di fuoco” può nulla contro un pentester esperto. Se stai seguendo la nostra serie sul penetration testing, sei ormai i...
Francia 1834, il primo cyberattacco della storia Telegrafi ottici, funzionari corrotti, codici violati, payload che valgono milioni. A un hacker del 1800 non servivano i computer... Un hacker è semp...
L’incredibile storia della microspia passiva... L'antenato dell'RFID usato per lo spionaggio! Nel 1947 il fisico e inventore sovietico Léon Theremin vinse il premio Stalin con una motivazione che n...
Col cellulare ora si pesca meglio Basta un link all’interno di una mail o di una chat per abboccare all’amo di un pirata che vuole appropriarsi di password e codici Come forse saprete...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 15 FEBBGRAIO 2019!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA