Connect with us

News

L’attacco al sistema è riuscito

Massimiliano Zagaglia

Published

on

Cosa sono i ransomware

Wannacry, Petya/ExPetr, Bad Rabbit: il malware che ha messo in ginocchio il mondo e fatto arricchire un po’ di gente

In molti pensano che i ransomware divenuti noti questa primavera/estate, Wannacry/Petya/ExPetr e simili, siano ormai passati di moda. Eppure pochi giorni fa la Blockchain ha registrato una transazione relativa a un indirizzo Bitcoin legato a Wannacry… Prima del maggio scorso erano in pochi a conoscere il termine “ransomware”. Il grande pubblico parlava genericamente di malware o di virus, senza avere la minima idea di cosa si trattasse. Poi è arrivato WannaCry e di botto il mondo ha aperto gli occhi e si è reso conto che esiste una minaccia micidiale, in grado di rendere inaccessibili tutti i dati di un computer.

Di che cosa si tratta

Un ransomware è un malware (generalmente un worm) che fa esattamente quel che il nome promette. Ransom, in inglese, significa riscatto: si tratta quindi di un software che sottrae qualcosa che appartiene all’utente e chiede denaro all’utente per restituirlo. Questo qualcosa sono i dati personali (documenti, foto e via di seguito). Una volta installatosi sul PC bersaglio, il ransomware cifra i file dell’utente o, in alcuni casi, blocca completamente l’accesso al sistema. Dopo aver compiuto il suo sporco lavoro, il ransomware fa apparire una schermata che richiede alla vittima il pagamento di una certa somma (generalmente in Bitcoin) per restituire l’accesso ai dati criptati o bloccati. Una volta effettuato il pagamento, il creatore del malware (forse) sarà tanto gentile da inviare la chiave che permetterà di sbloccare il sistema o decifrare i file.

Qualche numero

Ti rimandiamo all’articolo presente nel numero 216 di HJ, il primo del nuovo ciclo. Ma prima di concludere, snoccioliamo qualche dato interessante sull’argomento.

  • Secondo una recente ricerca condotta da McAfee Labs, sono 244 i malware che vengono scoperti ogni minuto. Più di quattro ogni secondo!
  • Nell’ultimo anno il volume generale dei ransomware è cresciuto del 59% rispetto all’anno precedente.
  • Chi crede che il mondo Mac sia immune sta prendendo una grossa cantonata. Anche se sono ancora pochi, quelli che attaccano la mela sono cresciuti del 53% nel primo trimestre 2017.

Se vuoi saperne di più su questo fenomeno non perdere il nuovo numero di Hacker Journal in edicola oppure su http://sprea.it

 



 

 

Ti potrebbe interessare

Scoperte nuove vulnerabilità nella rete LTE / 4G Un team di ricercatori di sicurezza, ha scoperto alcuni punti deboli critici nello standard dei dispositivi mobili LTE che potrebbe consentire a hacke...
Hacker di Hamas attaccano gli smartphone nemici Il blog di Check Point Software Technologies ci svela l'ennesima storia di cybersecurity dei nostri giorni. Approfittando della fame di notizie rigua...
Hacker cancellano Despacito da YouTube Che sia stato uno scherzo o un bug della stessa piattaforma Youtube,alcni hacker sono riusciti ad eliminare dal database del portalone Despacito una h...
CyberSecurity, adottata la nuova direttiva NIS Nella comunità Europea è entrata in vigore la nuova direttiva NIS con gli obiettivi principali di rafforzare il livello di sicurezza della rete e sist...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 14 Luglio 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA