Connect with us

Articoli

WhatsApp duro da bucare. A meno che…

Massimiliano Zagaglia

Pubblicato

il

Craccare WhatsApp









Il più diffuso sistema di messaggistica istantanea è allo stesso tempo il più difficile da craccare anche per gli hacker più agguerriti.

Il programma di messaggistica WhatsApp ha letteralmente scombussolato il settore della telefonia: oltre un miliardo di utenti ne fanno uso quotidiano, spodestando l’ormai vetusto SMS. Questo ovviamente ha attirato il mondo del cybercrimine e non solo: nelle chat di WhatsApp ci possono essere i segreti dei nostri amici, conoscenti, partner, del capo o del vicino di casa. Una miniera di informazioni che l’hacker non etico – il cosiddetto cracker – desidera da sempre! A distanza di anni WhatsApp è stato messo sotto la lente d’ingrandimento dai più grandi ricercatori di sicurezza permettendone così il raggiungimento di un livello di maturità adeguato e in grado di offrire all’utente comune un sistema relativamente sicuro; eppure basterebbe un minimo di “creatività” per imbucarsi nella chat di chiunque.

A prova di cracker

Non esiste una bacchetta magica per aprire le porte di una chat o di un account WhatsApp. Anche l’hacker più temibile sa che è necessario effettuare prima di tutto un approfondito footprinting della vittima, ossia il processo che precede l’attacco vero e proprio: in questa fase l’attacker si preoccupa di raccogliere quante più informazioni possibili sulla vittima estrapolando i dispositivi coinvolti, numeri di telefono, contatti e altre informazioni sensibili. Trovare vulnerabilità in un qualunque tipo di software significa innanzitutto mettere in luce tutte le funzionalità che quest’ultimo ha da offrire ai propri utenti. Come modalità standard WhatsApp permette di associare il proprio numero telefonico all’account attraverso un SMS o una telefonata di conferma.

Gli attacchi a WhatsApp possono arrivare sotto varie forme: da WhatsApp Web, attraverso il Social Engineering e gli SMS o il QR Code e (almeno una volta) la clonazione del MAC Address… se vuoi scoprire tutti i dettagli tecnici della questione, corri in edicola ad acquistare Hacker Journal 217 (oppure acquistalo online qui)

 

Ti potrebbe interessare

Game Over: il tuo account è stato craccato Sei un videogiocatore incallito? Allora inizia a preoccuparti! No, non stiamo parlando dei videogiochi violenti... ma di cybercrimine. Il gaming onlin...
Qubes – La distro Linux Super Blindata Un sistema a “scatole comunicanti” con diversi elementi separati a livello software in grado di compiere azioniUn report di Google Trends ci asseg...
Colossale furto di bitcoin in Islanda In Islanda qualcuno ha rubato tonnellate di bitcoin (e un'intera farm di server per minarli). Una dozzina di ignoti hacker è penetrato nel centro di ...
Analisi forense: a tu per tu col filesystem Scopri come lavorano gli “hacker legali” che si occupano di trovare tracce all’interno dei dispositivi oggetto di indagini giudiziarie. Sono sempre d...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 15 FEBBGRAIO 2019!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA