Connect with us

Articoli

CPU sotto tiro!

Avatar

Pubblicato

il

Bug delle CPU

Intel e Microsoft non riescono proprio a trovare una patch che blocchi i danni provocati dai bug Spectre e Meltdown

Linus Torvalds che inveisce contro Intel (trovate le sue parole negli archivi della mailing list del kernel Linux su https://lkml.org)… come mai? Semplice, si è scoperto (https://hackerjournal.it/804/come-difendersi-da-spectre-e-meltdown/) che praticamente tutti i processori realizzati negli ultimi 20 anni presentano due vulnerabilità hardware che potrebbero permettere a un attaccante di accedere facilmente ai contenuti nella memoria di sistema di computer, smartphone, server.

Il fatto grave è che la scoperta delle due falle, chiamate dai ricercatori di Project Zero che le hanno individuate Spectre e Meltdown, risale ormai a un anno fa. I produttori di hardware, Intel in testa, sono stati subito avvisati e avrebbero dovuto lavorarci almeno da una decina di mesi. Evidentemente così non è stato visto che le patch proposte prima da Microsoft e ora direttamente da Intel hanno creato grossi problemi alle macchine su cui sono state installate e che alla fine di gennaio il vicepresidente di Intel, Navin Shenoy, ha dovuto chiedere direttamente dal blog dell’azienda, di ignorare gli aggiornamenti più recenti in quanto potrebbero “portare a un numero più alto del previsto di riavvii e a comportamenti imprevedibili dei sistemi”. La raccomandazione è diretta soprattutto ai produttori di computer, ai gestori dei servizi cloud e a chi realizza i sistemi operativi. I singoli utenti hanno già avuto raccomandazioni simili da parte di Microsoft che continua a lavorare alla ricerca di patch valide.

Se vuoi sapere qual è l’aspetto progettuale che si è rivelato vulnerabile, non perdere il numero 217 di Hacker Journal in edicola ora (oppure online all’URL http://sprea.it/rivista/18219)!

Facebook Comment

In Edicola


238 – Dal 15 Novembre 2019!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA