Connect with us

Articoli

Honeypot, intrappolati nel miele

Massimiliano Zagaglia

Published

on

Honeypot, trappola per cracker

Credevamo di aver bucato un server sperduto da qualche parte del mondo e invece…

L’era di Internet che stiamo vivendo ci vede costantemente sotto attacco da parte di malefici bot alla ricerca di vulnerabilità da sfruttare sui dispositivi di tutto il mondo. Cerchiamo da sempre di difenderci da queste piaghe digitali, purtroppo però il progredire dei sistemi di protezione non sempre è al passo coi tempi; il processo di mitigazione, che da sempre è stato quello di bloccare l’accesso (di IP, user-agent, vulnerabilità conosciute e così via) parte dal presupposto che un bot non deve, in alcun modo, poter accedere a certe informazioni, bloccandolo quindi sulla soglia del server. In diverse situazioni questo tipo di approccio si è rivelato fallimentare: da qui è nata l’idea di gestire diversamente il processo comportamentale di un bot, traendolo in inganno attraverso modelli comportamentali maligni (pattern) e di bloccarli una volta riconosciuta l’attività dannosa. Gli honeypot (barattoli di miele) in rete riassumono perfettamente questo concetto: creare una trappola per il bot, di solito un file o un path “succosi”, per poi imprigionarlo costringendolo a trovare altre falle fittizie o bloccarlo nel firewall. Sul piano della forma un honeypot non è tanto diverso da un comune servizio (come un server Web) ed effettivamente a una prima occhiata sembrerà davvero un servizio reale.

L’honeypot che creiamo su Hacker Journal 220 simula un server SSH scarsamente configurato e facile da crackare; una volta che il bot (o l’attacker) effettua l’attacco, avrà accesso a una shell Linux da cui poter eseguire programmi e ricevere feedback da parte del sistema.

Se vuoi sapere quale software Open Source abbiamo usato per creare questa trappola per cracker e come si configura, non perdere Hacker Journal 220 in edicola o su Sprea.it.
Se vuoi, puoi anche abbonarti alla versione cartacea o a quella digitale da qui!

Ti potrebbe interessare

Hacking Android Ecco le migliori app e i trucchi per hackerare uno smartphone: perché la miglior difesa rimane sempre l’attacco. Gli smartphone attuali sono praticam...
Trasforma la Raspberry Pi in una Bittorent Box Siamo degli scaricatori seriali e non sappiamo come vivere senza il nostro PC acceso con un’innumerevole quantità di torrent in scaricamento? Forse pe...
Come ti hackero l’automobile! Le auto moderne sono sempre più interconnesse e tecnologicamente avanzate: ma quanto ci possiamo realmente fidare? Quanto è facile hackerarle? Basta ...
Hackerare Google? Interroghi spesso il motore di ricerca di Google ma non sempre i risultati che ti mostra ti vanno bene? Allora dovresti imparare a usare gli operatori...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 14 DICEMBRE 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA
Copertina Hacker Journal 227