Connect with us

Articoli

Hacker con il drone

Avatar

Pubblicato

il

Droni hacker

Negli USA il traffico wireless viene intercettato dall’alto, usando quadricotteri che saltano le protezioni fisiche e penetrano nelle aree riservate delle aziende.

Piccoli computer volanti con i più potenti strumenti del dark web per trovare e analizzare informazioni dal cielo. Il sogno di qualsiasi hacker che diventa realtà grazie ai droni. La maggior parte delle reti di oggi passano attraverso l’etere: Bluetooth, segnali RFID, Wi-Fi. Alcune sono protette in maniera solo relativa, perché si basano sull’idea che occorra la vicinanza fisica per riuscire a intercettare i segnali criptati a bassa potenza che hanno solo pochi metri di autonomia.

Invece cambia la prospettiva grazie al drone che proietta l’attaccante all’interno delle zone riservate e può cercare di accedere a reti senza fili fisicamente inaccessibili, fuori ad esempio da un campus aziendale o dal perimetro di un edificio.

Se vuoi saperne di più su questo argomento, acquista Hacker Journal 220 in edicola o su Sprea.it.

 

Ti potrebbe interessare

Superare i firewall Nemmeno la micidiale “barriera di fuoco” può nulla contro un pentester esperto. Se stai seguendo la nostra serie sul penetration testing, sei ormai i...
A prova di bomba: OpenBSD Meglio di Linux per la sicurezza esiste solo OpenBSDPer essere veramente a prova di bomba un computer deve avere due requisiti: un hardware “pulit...
Speciale Bitcoin & Criptomonete in Edicola da... Un nuovo speciale dedicato al fenomeno Bitcoin & Criptomonete  che sta rivoluzionando anche il mondo della finanza. Assolutamente da non perdere i...
Biohacking: carne, sangue e chip Impianti sottocutanei RFID per aprire porte e auto senza chiavi, chip NFC per autenticare i nostri wallet e kit CRISPR per eseguire editing genetici f...
Facebook Comment


In Edicola


Dal 15 FEBBGRAIO 2019!

Forum

Facebook

Trending

IN EDICOLA