Connect with us

Articoli

Colossale furto di bitcoin in Islanda

Massimiliano Zagaglia

Published

on

Furto di bitcoin in Islanda

In Islanda qualcuno ha rubato tonnellate di bitcoin (e un’intera farm di server per minarli).

Una dozzina di ignoti hacker è penetrato nel centro di calcolo molto poco protetto e ha rubato centinaia di server che stanno minando bitcoin, prendendo ovviamente anche i bitcoin stessi, oltretutto non protetti né crittati. La polizia brancola nel buio.

Il classico sospetto

Ma attenzione, perché in realtà la polizia un po’ di sospetti li ha trovati quasi subito e uno lo ha anche arrestato. E la storia è diventata una spettacolare sequenza di eventi, compresa un’evasione per niente rocambolesca (e il prigioniero si scopre che aveva anche tutto il diritto di farla), finita in una cella ad Amsterdam. Ma è meglio se andiamo con ordine.

Sindri Stefansson ha trentun’anni, piccoli precedenti per possesso di droga, guida in stato di ebbrezza e il furto dell’equivalente di un paio di migliaia di euro dalle slot machine di un bar di Reykjavik. Dice che da alcuni anni – circa sette – lavora come designer per un’app, ma in realtà non si sa di preciso cosa faccia e come si mantenga. Ha moglie e due figli piccoli. Dopo il furto dei server che minano bitcoin finisce quasi subito nella lista dei sospettati.

Viene arrestato dalla polizia islandese guidata dall’investigatore capo Olafur Kjartansson, un omone di cinquantacinque anni, capelli bianchi, sempre in giacca e cravatta, che pare uscito dalle pagine di un giallo di Arnaldur Indriðason, uno degli scrittori più popolari in Islanda. L’accusa è di aver rubato alcune centinaia di server utilizzati per minare bitcoin tra dicembre e gennaio da un magazzino a Reykjanesbær, tra l’aeroporto di Reykjavik e la cittadina di Borgarnes, sulla costa occidentale dell’Islanda.

Ma quando rocambolescamente fugge (e forse incontra il primo ministro islandese) il mistero s’infittisce. Anzi, sembrerebbe quasi un episodio di Black Mirror, se non fosse che all’improvviso tutto scompare, nessuno parla più di niente e la storia evapora così com’è comparsa all’improvviso sulla stampa di tutto il mondo. In rete, le speculazioni ovviamente si sprecano.

Vuoi conoscere la conclusione di questa vicenda? Allora non perdere Hacker Journal 223 in edicola oppure online!

 

 

Ti potrebbe interessare

Attenzione alle VPN, alcune sono tarocche Ci fidiamo troppo delle VPN. Ma facciamo bene? Capita sempre più spesso che le reti private virtuali non solo siano lente ma che controllino anche i n...
Hackerare Google? Interroghi spesso il motore di ricerca di Google ma non sempre i risultati che ti mostra ti vanno bene? Allora dovresti imparare a usare gli operatori...
Linux mangia la Mela Con Homebrew il Mac diventa una bomba anche da riga di comando. Chi usa un Mac possiede uno strumento molto più potente e flessibile di quello che mo...
Email spoofing, così ci rubano l’account! Chiunque possegga un indirizzo email si sarà visto recapitare almeno una volta strani messaggi di posta il cui mittente, in apparenza legittimo, risul...

Appassionato di informatica, GNU/Linux, Open Source e sicurezza da tempo immane, di solito passo il tempo libero tra una Raspberry Pi, una distro e un report di security.

Facebook Comment


In Edicola


Dal 10 AGOSTO 2018!

Forum

Facebook

Collezione HJ

Trending

IN EDICOLA